Contenuto sponsorizzato

Un malore improvviso, se ne va Gianni Planchestainer asso del motocross trentino

Per anni Gianni Planchestainer è stato anima e corpo del Moto Club Arco, l'ex pilota di motocross se ne è andato all'età di 77 anni: lascia la moglie Rita e i figli Alberta e Nicola

Pubblicato il - 28 ottobre 2020 - 13:31

ARCO. Un malore improvviso, mentre si trovava con la moglie e il figlio nella casa di Laghel, frazione di Arco: se ne è andato così all’età di 77 anni Gianni Planchestainer.

 

Persona molto conosciuta e stimata nell’Alto Garda, Planchestainer di professione faceva l’idraulico ma ai più era noto per la sua passione per il motociclismo, infatti è da annoverarsi fra i pionieri del motocross trentino.

 

Per anni è stato anima e corpo del Moto Club Arco (la cui fondazione risale addirittura al 1934 grazie all’interessamento di alcuni dipendenti dell’industria aeronautica Caproni), assieme agli altri membri del direttivo si era attivato per trovare uno spazio dove praticare questo sport.

 

Fu così che si arrivò alla creazione del Circuito al Ciclamino di Pietramurata, nel tempo arrivato ad ospitare diversi appuntamenti del campionato del mondo motocross.

 

Planchestainer durante la sua attività di pilota era riuscito a prendersi anche qualche soddisfazione, ma la grinta che metteva in pista era bilanciata dall’affabilità per la quale è ricordato con affetto dai tanti che hanno avuto modo di conoscerlo. Planchestainer lascia la moglie Rita e i figli Alberta e Nicola.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 18:30

Il Trentino chiede date certe al Governo e ribadisce la sua volontà di aprire gli impianti, ovviamente ai turisti prima che ai residenti. Intanto però oggi si contano altri 8 morti e il totale della seconda ondata sale a 257 mentre le persone in terapia intensiva restano 44 

01 dicembre - 19:16

Da oggi tutti i pazienti oncologici che hanno la necessità di sottoporsi alle sedute di chemioterapia, ma anche di ricevere supporto psicologico, devono recarsi al Santa Chiara. "Il tema sanità è sempre stato cavalcato delle varie forze politiche di governo e quando nel 2018 sentivo parlare di cambiamento mi chiedevo a che cosa si alludesse. Ora l’ho capito: cambiamento per la Giunta significa togliere servizi, significa risparmiare, significa tagliare, significa sanità Trento-centrica"

01 dicembre - 19:49

Sono 450 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 156 positivi a fronte dell'analisi di 2.026 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,7%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato