Contenuto sponsorizzato

(VIDEO) Sette auto e un tir diventano una barriera di fuoco per la rapina al portavalori: sembra una scena di Batman ma è la A1

E' successo questa notte, l'autostrada A1 è diventata un inferno. Il colpo è fallino e non ci sono stati feriti 

Pubblicato il - 29 gennaio 2020 - 09:10

MILANO. Sembrano vere e proprie scene da film quelle avvenute nel corso della notte in A1 tra Lodi e Milano dove è scoppiato un vero e proprio inferno con sette auto e un autoarticolato dati alle fiamme per tentare un assalto a un furgone portavalori.

 

 

I malviventi, secondo le prime informazioni, hanno creato due 'barriere' di fiamme su entrambi i sensi dell'autostrada Milano-Napoli, poi hanno speronato il mezzo blindato dopo aver rovesciato una distesa di chiodi per bucargli le gomme.

L'agguato è avvenuto poco dopo le 23 all'altezza di San Zenone al Lambro e qualche chilometro più a sud a Lodi Vecchio. Il colpo, però, sarebbe fallito 

 

Sul posto sono intervenuti i mezzi della croce rossa e le squadre dei vigili del fuoco da Lodi, Milano e Piacenza. Non risultano esserci feriti. L'autostrada del Sole è stata chiusa in entrambi i sensi rendendo obbligata l'uscita allo svincolo di Lodi. Già dalle prime ore del mattino c'erano diversi chilometri di auto in coda.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 09:39

Attorno alle 9 una densa colonna di fumo si è alzata da una casa. Le fiamme hanno avvolto il tetto di un'abitazione a Verla di Giovo, in Val di Cembra. Sul luogo diversi corpi dei vigili del fuoco per domare l'incendio

20 ottobre - 09:09

A causa dell'auto incidentata, rimasta bloccata sulla carreggiata, lungo la strada statale 47 della Valsugana si sono formate lunghe code, i mezzi procedono a passo d’uomo. C’è anche un ferito trasportato in ambulanza all’ospedale

20 ottobre - 05:01

Il racconto dell’altra faccia della prima linea contro il coronavirus, la storia di Veronica Righi che si occupa di ricostruire i contatti stretti dei positivi: “Come assistenti sanitari siamo pochi in Italia, prima nessuno ci conosceva ma con la pandemia la gente inizia a capire cosa facciamo”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato