Contenuto sponsorizzato

Adolescenti messi a lavorare per più di otto ore al giorno. La finanza scopre 23 lavoratori irregolari, nei guai un'azienda edile

I finanzieri hanno quantificato complessivamente in 3.400 le ore di straordinario retribuite "fuori busta". A carico della società sottoposta a verifica fiscale è stata irrogata una sanzione amministrativa in materia di lavoro, che va da un minimo di 1.000 a un massimo di 6.000 euro

Pubblicato il - 09 April 2021 - 11:29

BOLZANO. Sono 23 i lavoratori irregolari, tra quali anche dei minorenni, che sono stati scoperti dalla Guardia di Finanza di Silandro, durante una verifica fiscale eseguita nei confronti di un’impresa edile venostana. Fra di loro ci sono 4 soggetti con meno di 18 anni.

 

L’individuazione dei lavoratori irregolari, tutti di nazionalità italiana, è stata possibile grazie all’esame della documentazione digitale “informale” acquisita in sede di avvio della verifica, quando sono state rinvenute alcune schede informatiche, suddivise per cantiere, nelle quali venivano indicati i costi sostenuti dalla ditta e le ore effettivamente lavorate da ciascun dipendente, comprensive degli straordinari.

 

Confrontando i dati contenuti in queste schede con le annotazioni riportate sul Libro Unico del Lavoro (LUL) detenuto dall’impresa, sono emerse gravi anomalie riferite ai lavoratori dipendenti, i quali, nel periodo 2015-2019, hanno svolto prestazioni eccedenti l'orario di lavoro ordinario, non risultanti “cartolarmente” nella documentazione obbligatoria ai fini della normativa sul lavoro.

 

I finanzieri hanno quantificato complessivamente in 3.400 le ore di straordinario retribuite "fuori busta". A carico della società sottoposta a verifica fiscale è stata irrogata una sanzione amministrativa in materia di lavoro, che va da un minimo di 1.000 a un massimo di 6.000 euro.

 

Il rappresentante legale è stato anche segnalato alla Procura della Repubblica di Bolzano per aver impiegato 4 “adolescenti” (giovani minori di 18 anni ma di età superiore ai 15, così come definiti dalla legge sulla «Tutela del lavoro dei fanciulli e degli adolescenti»), per più di 8 ore giornaliere o 40 ore settimanali. Per questi ultimi, le ore straordinarie prestate, retribuite «fuori busta», sono pari complessivamente a 221.

 

Per la violazione di tali limiti, è prevista la pena dell’arresto non superiore a 6 mesi o l’ammenda fino a 5.164 euro. Al termine delle operazioni di verifica, sono state contestate anche violazioni tributarie in quanto la società avrebbe sottofatturato diversi cantieri, nascondendo al Fisco oltre un milione di euro di ricavi.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 23 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
24 maggio - 13:25
Negli scorsi giorni si è verificato un frontale tra due auto sulla provinciale 235 a Mezzolombardo. Una persona era stata estratta dalle lamiere. [...]
Cronaca
24 maggio - 13:09
La denuncia di quanto accaduto arriva dal commissario provinciale del partito di Salvini Binelli che poi attacca il Comune: ''Oltre allo spavento e [...]
Politica
22 maggio - 21:45
Non si escludono alleanze per le elezioni provinciali del 2023: "Prematuro parlare di convergenze, si può correre anche da soli. Io candidato [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato