Contenuto sponsorizzato

Dal passo del Brocon al Manghen, diverse le strade chiuse per pericolo caduta massi e rischio valanghe

L'elenco delle tratte stradali di competenza del Servizio gestione strade della Provincia chiuse al traffico per rischio slavine e caduta massi

Pubblicato il - 27 gennaio 2021 - 17:17

TRENTO. Sono diverse le arterie trentine chiuse per problemi legati alla caduta di massi o per il pericolo di valanghe

 

Sono ancora numerose le criticità causate dalle intense precipitazioni di questo periodo invernale. 

 

L'elenco delle tratte stradali di competenza del Servizio gestione strade della Provincia chiuse al traffico per rischio slavine e caduta massi:
- Ss 50 del Grappa e del passo Rolle, dal km 103,697 al km 106,257 in loc. Forte Buso, per pericolo caduta massi. Sono in corso i lavori di messa in sicurezza;

- Ss 641 del passo Fedaia al km 7,000 circa in loc. Villetta Maria per pericolo valanghe;

- Ss 242 della Val Gardena e passo Sella dal passo al km 31,000 circa a Pian Schiavaneis al km 34,800 circa per pericolo valanghe;

- Sp 79 del Brocon dal km 24,200 al km 26,700 sul passo Brocon per pericolo valanghe;

- Sp 31 del passo Manghen da località Baessa al km 15,500 circa alla località Ponte Stue al km 32,500 circa per stagione invernale;

- Ss 249 Gardesana Orientale al km 91+850 in loc. Tempesta nel comune di Nago Torbole, a seguito della frana caduta in data 02.01.2021;

- Ss 421 dei Laghi di Molveno e Tenno, tra l'abitato di S. Lorenso in Banale e loc. Nembia, in comune di S. Lorenzo Dorsino, a seguito della caduta di sassi del 22.01.2021;  

- Sp 37 del Monte Tombio in loc. Deva al km 4,050 circa, in prossimità del confine tra i comuni di Riva del Garda e Tenno, a seguito della caduta di alcuni blocchi rocciosi che si è verificata il 23.01.2021.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 marzo - 15:10

Il giovane, alla presenza dei suoi avvocati, ha ammesso le sue responsabilità in merito al decesso dei genitori Peter Neumair e Laura Perselli.  La vicenda è iniziata il 4 gennaio scorso 

08 marzo - 13:59

A limitare la possibilità di autodeterminarsi e il concetto stesso di libertà, esistono anche realtà come le associazioni pro life e contesti universitari come il Campus bio-medico di Roma, un policlinico privato e cattolico ma accreditato con il Servizio sanitario nazionale. Negli scorsi mesi, per esempio, le strade di Trento sono state percorse da camion vela che promuovevano la nuova campagna di Pro Vita & Famiglia e alcuni muri della città accolgono ancora manifesti antiabortisti

08 marzo - 12:27

L'analisi successiva dei fatti da parte delle forze dell'ordine ha lasciato emergere la brutale ipotesi, che tutto ciò sia stato determinato da un respingimento

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato