Contenuto sponsorizzato

Droga al parco di Melta, spacciatore bloccato da un poliziotto - atleta

Per riuscire ad avvinarsi allo spacciatore che si trovava al parco, uno degli agenti, triatleta per hobby e vestito sportivo, ha simulato una sessione di allenamento 

Pubblicato il - 17 gennaio 2021 - 10:18

TRENTO. Aveva scelto il parco di Melta per spacciare cocaina ma a fermarlo, questa volta, ci ha pensato un triatleta della polizia di Trento.

 

L’uomo, un ventottenne tunisino, era stato visto aggirarsi insistentemente nel parco di volta in volta incontrandosi con diverse persone, ma per pochi istanti.

 

Pertanto, gli agenti dell’Unità Crimine Diffuso della Squadra Mobile hanno deciso di monitorare da vicino il giovane tunisino, simulando che uno degli stessi investigatori, triatleta per hobby, e vestito come se dovesse allenarsi, fosse nel parco proprio per una sessione di allenamento.

 

Così facendo l’agente in borghese della Questura di Trento si è potuto avvicinare allo spacciatore, ad una distanza tale da poter sentire cosa dicesse ai suoi interlocutori. Scoprendo che fosse in corso un acquisto di sostanza stupefacente, cocaina, l’agente, sebbene in tenuta sportiva, si è qualificato, mostrando il distintivo di riconoscimento al pusher.

 

A questo punto il giovane tunisino ha iniziato a correre velocemente verso l’uscita del parco per far perdere le proprie tracce, scegliendo dei percorsi dove vi fosse ancora della neve, per rendere più difficile di poter essere raggiunto.

 

Ma il suo tentativo è stato vano, perché raggiunto immediatamente dall'agente che l’ha bloccato, assieme agli altri agenti dell’Unità Crimine Diffuso, confusi tra i frequentatori del parco di Melta.

 

Finito l’inseguimento, gli agenti della Squadra Mobile, hanno recuperato anche la droga che il pusher nella fuga ha buttato nella neve, sperando che non venisse rinvenuta. Ma grazie al confezionamento, un involucro giallo, è stata trovata e sequestrata.

 

L’uomo, incensurato, è stato denunciato, la droga sequestrata cosi come il denaro, circa 500 euro. Con l’aiuto dell’unità cinofila della Guardia di Finanza è stata anche perquisita l’abitazione dello spacciatore, situata in zona Roncafort. Ma non è stata trovata altra sostanza stupefacente oltre quella indosso al pusher.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
20 settembre - 10:02
L’associazione Mercato Solidale, che ha sede a Pescara, ha “incontrato” il sogno di Mirko Toller, il 16enne di Segonzano affetto da Sma morto [...]
Cronaca
20 settembre - 10:06
L'evento si è tenuto nell'ultimo fine settimana e ha visto numerosi camionisti raggiungere i boschi a poca distanza dal lago Santo. La consigliera [...]
Cronaca
20 settembre - 06:01
I tagli degli scorsi anni al sistema sanitario sono stati un fallimento con conseguenze drammatiche ed ora questa situazione va a sommarsi alle [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato