Contenuto sponsorizzato

Entra in chiesa e danneggia un quadro, i carabinieri fermano un 75enne

E' successo a Salò nella chiesa della Visitazione della Beata Vergine Maria. L'uomo rintracciato dai carabinieri ha ammesso le proprie colpe

Pubblicato il - 09 January 2021 - 08:42

BRESCIA. E' entrato in chiesa ed ha danneggiato un quadro per poi andarsene.

 

E' successo nelle scorse ore a Salò nella chiesa della Visitazione della Beata Vergine Maria. A compiere lo sfregio un 75enne del posto.

 

Il quadro, fortunatamente solo una riproduzione, era posizionato a pochi passi dall'entrata e ritraeva la “Divina Misericordia”. L'uomo dopo aver varcato l'ingresso delle chiesa si è diretto immediatamente verso il dipinto per poi danneggiarlo.

 

Immediatamente sono stati avvisati i Carabinieri di Salò che hanno avviato le indagini per rintracciare l'anziano.

 

E' stato rintracciato dai militari a poca distanza dalla chiesa. Si tratta di una persona del posto e messo davanti alle sue responsabilità l’uomo ha ammesso il gesto senza però spiegare il motivo dello sfregio. E' stato successivamente denunciato.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 January - 12:13

Al gestore del bar la sanzione di 400 euro perché ha violato le disposizioni che impongono di non poter ricevere alcun cliente dopo le ore 18 all’interno del locale.  I controlli messi in campo da una task force interforze, voluta dal Questore di Trento, composta da agenti della Polizia di Stato, della Polizia Locale di Trento e della Guardia di Finanza che ha passato al setaccio i locali pubblici della città

24 January - 14:33

Preoccupa che questa variante possa ridurre l'efficacia del vaccino. Dopo che i primi casi sospetti di mutazione si sono verificati nel distretto di Kitzbühel, il Tirolo ha inviato mille campioni all'Agenzia nazionale della salute “Ages” per il sequenziamento

24 January - 09:44

La vicenda è iniziata nell'agosto dello scorso anno quando la ragazza si è sentita poco bene. Secondo le verifiche portate avanti dai Nas le due tac fatte alla giovane non sono state lette correttamente 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato