Contenuto sponsorizzato

"Era la mia vita. In pochi minuti il fuoco mi ha portato via tutto'', Martino ha 21 anni e fa il contadino. Gli amici lanciano una raccolta fondi per aiutarlo

L'incendio di questa notte ha distrutto tutti i macchinari e gli attrezzi di Martino Gasperotti, 21 anni, contadino di Pomarolo. Vigile del fuoco volontario questa notte assieme ai colleghi si è messo a lottare contro le fiamme che stavano secondo dopo secondo distruggendo la sua vita. Ora gli amici hanno deciso di lanciare una raccolta fondi per aiutarlo 

Di Giuseppe Fin - 17 maggio 2021 - 12:27

POMAROLO. “Questa era ed è la mia vita. Questa notte è stato un disastro, in pochissimi minuti ho perso tutto quello per cui avevo fatto tantissimi sacrifici”. Martino Gasperotti ha 21 anni e una grinta davvero unica. Ora, però, con difficoltà riesce a trattenere le lacrime. Questa notte tutto quello per cui aveva lavorato negli ultimi tre anni è stato avvolto dalle fiamme e bruciato nell'incendio a Pomarolo. (QUI L'ARTICOLO)

 

Contadino a tempo pieno, Martino aveva due trattori, di uno dei quali aveva appena finito di pagare le rate. C'era poi un atomizzatore e altri attrezzi usati per lavorare i campi. L'allarme è scattato pochi minuti prima delle 3, le fiamme hanno avvolto ogni cosa e il tetto della rimessa in poco tempo è collassato rendendo ancora più difficili le operazioni dei vigili del fuoco.

Tra loro c'era proprio anche lo stesso Martino. Perché oltre ad essere contadino è anche un giovane vigile del fuoco volontario del corpo di Pomarolo. Questa notte assieme ai suoi colleghi ha indossato il casco, la maschera e si è messo a lottare contro le fiamme che stavano secondo dopo secondo distruggendo la sua vita.

 

“E' stato terribile – racconta Martino – perché ad un certo punto è crollato il soffitto della rimessa. Sotto c'erano i miei trattori, i miei attrezzi la mia vita. Li avevo pagati dopo tanto lavoro e sono scomparsi sotto le fiamme”.

A supportare i vigili del fuoco di Pomarolo anche i vigili del fuoco di Nomi, di Rovereto e i permanenti di Trento. Tutti assieme sono riusciti a contenere le fiamme e finalmente a spegnerle.

 

Della rimessa è rimasto, purtroppo ben poco. “Tutto è andato distrutto” ripete Martino che proprio in queste ore è stato investito da un affetto e da una solidarietà unica da parte di amici e colleghi dell'istituto San Michele.

Uno di loro, Giacomo Mittempergher ha deciso di lanciare una raccolta fondi attraverso la piattaforma “Go Fund me” (QUI IL LINK PER POTER DONARE). L'iniziativa ha come titolo “Aiutare Martino dopo l'incendio a casa sua!”. L'obiettivo è quello di aiutare un giovane a rialzarsi e a proseguire la sua vita con la stessa passione e la stessa grinta di sempre.

 

“Ho degli amici unici – ci dice Martino – che mi hanno sempre dato una mano. Io spero di rialzarmi presto e di ritornare al lavoro nei campi. Posso solo che ringraziare chi mi sta dando una mano”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
23 giugno - 10:27
Sono stati diversi gli episodi di ragazzi  che  hanno trasformato l'entrata della scuola materna Tambosi in un orinatoio. Un'altra notte [...]
Cronaca
23 giugno - 12:20
I nuovi posti di lavoro rientrano nel piano di reclutamento nazionale, ora McDonald’s cerca dipendenti anche per le strutture trentine: “Nel [...]
Cronaca
23 giugno - 06:01
Il mobbing non è stabile, ma un processo in continua evoluzione e sono sei le fasi di sviluppo. Lo straining invece si articola in quattro fasi e [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato