Contenuto sponsorizzato

L’ultimo saluto a chef Pietro Biscosi, titolare de “La Pergola”: “Un amico orgoglioso, che si è fatto da solo”

Il sorriso di Pietro Biscosi, storico titolare del ristorante-pizzeria “La Pergola”, si è spento per colpa di un male incurabile. Il ricordo dell’amico Pomo: “Arrivammo nell’Alto Garda a pochi anni di distanza, pugliesi entrambi, chef Piero aveva saputo inserirsi perfettamente nella comunità e tutto quello che aveva se lo era guadagnato da solo, con la sua forza e la sua bravura”

Di Tiziano Grottolo - 02 aprile 2021 - 19:52

DRO. Se ne è andato a soli 58 anni stroncato da un male incurabile che ha spento il suo sorriso lo scorso 30 marzo, ma il ricordo di Pietro Biscosi rimane vivo grazie ai parenti e agli amici che hanno avuto la fortuna di conoscerlo. In particolare Primo Pomo ha voluto dedicare un pensiero all’amico scomparso: “Ci conoscevamo da una vita entrambi siamo originari di Mesagne”.

 

Sia Pomo che Biscosi hanno trascorso la gioventù nel piccolo comune pugliese, a pochi chilometri dalla città di Brindisi, scegliendo poi di trasferirsi, a pochi anni di distanza, in Trentino, nell’Alto Garda. Entrambi si sono affermati dietro i fornelli, apprezzati professionisti del settore della ristorazione.Arrivammo nell’Alto Garda a pochi anni di distanza, io fui il primo – ricorda Pomo – chef Piero, perché tutti lo conoscevano così, da quando era arrivato a inizio anni ‘90 aveva saputo inserirsi perfettamente nella comunità e tutto quello che aveva se lo era guadagnato da solo, con la sua forza e la sua bravura”.

 

Biscosi infatti, dopo essersi fatto le ossa in cucina lavorando in alcune attività dell’Alto Garda era diventato il titolare del ristorante-pizzeria “La Pergola”, nel Comune di Dro. In un secondo momento lo chef aveva preso in gestione anche l’hotel Miramonti sempre a Dro. “Ci eravamo sentiti l’ultima volta in settembre – aggiunge Pomo – era un uomo orgoglioso e nemmeno allora aveva voluto parlarmi della malattia anche se sapevo che non stava bene. Siamo comunque sempre rimasti in contatto e so che ha lottato fino alle fine, come ha sempre fatto nella sua vita”.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Montagna
03 dicembre - 05:01
Diversi i nodi da affrontare e l'apertura degli impianti in val di Non non è garantita. Le criticità legate ai costi energetici ma manca anche [...]
Politica
02 dicembre - 20:39
Dopo le rivelazioni del sindaco Finato si allungano le ombre sul progetto per il Nuovo ospedale di Cavalese. Ora Cia chiede conto del ruolo avuto [...]
Cronaca
02 dicembre - 15:54
Il Centro in via Dogana 1 ha iniziato ad accogliere le vittime di violenza dai primi anni 2000, partendo da 92 arrivando a 335 nel 2021. [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato