Contenuto sponsorizzato

Medico arrestato per la morte di due pazienti Covid, avrebbe usato dei farmaci che ne hanno causato il decesso

Si tratta del primario facente funzioni dell'ospedale Montechiari di Brescia che dovrà rispondere di fatti avvenuti a marzo quando l'epidemia era esplosa in Italia e in Lombardia in particolare. Negli scorsi giorni sono state esumate le salme di tre pazienti deceduti

Pubblicato il - 25 gennaio 2021 - 12:37

BRESCIA. E' accusato di omicidio volontario, in quanto avrebbe intenzionalmente somministrato a pazienti affetti da Covid-19 farmaci ad effetto anestetico e bloccante a livello neuromuscolare, causando la morte di due di loro. E' stato arrestato questa mattina dai carabinieri del Nas il primario facente funzioni del pronto soccorso dell'ospedale di Montechiari e ora dovrà rispondere di quanto, secondo l'accusa, sarebbe avvenuto a marzo quando era esplosa la pandemia anche in Italia (e in Lombardia in particolare).

 

Nel vuoto procedurale, quando ancora non si conosceva né il virus né le modalità per rallentarlo e curarlo, con il numero di contagi che andava crescendo giorno dopo giorno ripercuotendosi sulle strutture ospedaliere, intasandole e facendole collassare.

 

A due mesi di distanza dagli eventi, raccogliendo ed elaborando indicazioni circa la possibilità che il decesso di alcuni pazienti fosse stato causato da pratiche mediche assunte consapevolmente da un medico, i carabinieri del Nas di Brescia hanno immediatamente avviato un'indagine, d'intesa con la Procura della Repubblica. Anche mediante il supporto di accertamenti tecnici di medicina legale disposti dall'autorità giudiziaria, le attività investigative hanno consentito di analizzare le cartelle cliniche di numerosi pazienti deceduti in quel periodo per Covid-19, riscontrando in alcuni casi un repentino, e non facilmente spiegabile, aggravamento delle condizioni di salute.

 

Tre salme sono state esumate per essere sottoposte ad indagini di natura autoptica e tossicologica. Le indagini hanno rilevato, all'interno di tessuti ed organi di una di loro, la presenza di un farmaco anestetico e miorilassante comunemente usato nelle procedure di intubazione e sedazione del malato che, se utilizzato al di fuori di specifiche procedure e dosaggi, può determinare la morte del paziente. Peraltro, nelle cartelle cliniche dei deceduti oggetto di verifica non compare la somministrazione di quei medicinali (indicata invece nelle cartelle di pazienti poi effettivamente intubati) tanto da ipotizzare a carico dell'indagato anche il reato di falso in atto pubblico.

Il quadro accusatorio ipotizzato dagli esiti del procedimento penale e le fonti di prova documenterebbero la condotta criminosa del primario: sarebbero stati somministrati a pazienti Covid medicinali idonei a provocare una letale depressione respiratoria. Questo per almeno due pazienti, uno di 51 anni e uno di 80. Da qui la scelta, condivisa anche dal gip di Brescia, di disporre gli arresti domiciliari per scongiurare il pericolo di inquinamento probatorio e la possibile reiterazione dei reati.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 5 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 marzo - 05:01

E' il Trentino il territorio che ha registrato in Italia il maggior eccesso di mortalità nel periodo ottobre-dicembre 2020 (+65,4%). Su tutto l'arco dell'anno, invece, la Provincia di Trento è seconda solamente alla Lombardia, con un 29,9% in più rispetto al 36,6% registrato dal vicino lombardo

 

05 marzo - 20:24

Sono 227 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 83 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività

05 marzo - 19:50

E' emerso un focolaio allo studentato, 8 ragazzi a San Bartolameo sono risultati positivi e sono in corso in particolare le verifiche su un’altra quarantina di persone. Non si esclude che la diffusione di Covid sia riconducibile a una variante

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato