Contenuto sponsorizzato

Pestaggio mortale nella notte. Un 38enne trovato riverso a terra in un piazzale. Vani i tentativi di salvarlo

Un uomo di 38 anni, residente in un'abitazione di fortuna, è stato trovato in gravissime condizioni in un piazzale di Arzignano. Riverso a terra, è stato trasportato d'urgenza in ospedale, dove purtroppo, vista la gravità delle ferite, non ce l'ha fatta. Si indaga sui responsabili

Pubblicato il - 26 gennaio 2021 - 16:18

ARZIGNANO. Grave episodio nella notte tra lunedì 25 e martedì 26 gennaio ad Arzignano, in provincia di Vicenza. Un cittadino indiano di 38 anni è stato trovato riverso sul piazzale di un'azienda in condizioni disperate, con diverse ferite ed ecchimosi provocate molto probabilmente da un pestaggio.

 

L'uomo è stato accompagnato d'urgenza all'ospedale del paese, dove però non ce l'ha fatta. Ad accorgersi del 38enne è stato un passante, che visto il sangue e il corpo esanime ha immediatamente chiamato i carabinieri. Ricoverato, però, l'uomo è deceduto in poche ore a causa delle gravi ferite.

 

Secondo le prime indagini, il 38enne viveva in un alloggio di fortuna con altre persone. Le dinamiche del pestaggio, ancora da chiarire, potrebbero essere legate al forte stato d'alterazione alcolica in cui è stato trovato. E mentre al vaglio degli inquirenti ci sono diverse ipotesi, come l'aggressione da parte di uno o più soggetti, potrà rivelarsi decisiva la visione delle telecamere di sicurezza presenti nella zona.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 marzo - 15:03

Il sindaco di Pergine-Valsuagana contro chi non rispetta le regole anti-Covid: “Domenica ho ricevuto decine di chiamate, messaggi e video di cittadini per segnalare assembramenti di persone, molte senza mascherina, che dimostrano solo la mancanza di responsabilità nei confronti innanzitutto dei propri familiari anziani”

08 marzo - 15:10

Il giovane, alla presenza dei suoi avvocati, ha ammesso le sue responsabilità in merito al decesso dei genitori Peter Neumair e Laura Perselli.  La vicenda è iniziata il 4 gennaio scorso 

08 marzo - 13:59

A limitare la possibilità di autodeterminarsi e il concetto stesso di libertà, esistono anche realtà come le associazioni pro life e contesti universitari come il Campus bio-medico di Roma, un policlinico privato e cattolico ma accreditato con il Servizio sanitario nazionale. Negli scorsi mesi, per esempio, le strade di Trento sono state percorse da camion vela che promuovevano la nuova campagna di Pro Vita & Famiglia e alcuni muri della città accolgono ancora manifesti antiabortisti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato