Contenuto sponsorizzato

Scende dall’aereo a Verona ma è ricercato per “traffico degli essere umani”, doveva scontare 23 anni: arrestato

Ricercato in tutta Europa per “traffico degli essere umani”, arrestato all’aeroporto Catullo di Verona. Il vice questore: “I trafficanti di persone non si limitano soltanto ai trasferimenti ma mantengono i rapporti con i migranti che rischiano di finire in una vera e propria condizione di schiavitù”

Pubblicato il - 12 October 2021 - 11:21

VERONA. Quando il 34enne di origine moldava è sceso dall’aereo di certo non si aspettava l’accoglienza che ha ricevuto. Ad attenderlo all’aeroporto Catullo di Verona infatti, anziché amici e parenti, ha trovato la polizia di Frontiera che lo stava aspettando per arrestarlo.

 

L’uomo, residente in Italia a Pianiga e arrivato con un volo da Chisinau, era ricercato con un mandato d’arresto europeo emanato dalle autorità greche. Il 34enne è stato riconosciuto colpevole dei reati di trasporto illecito all’interno del territorio nazionale greco di cittadini extracomunitari, nonché, ricettazione di un autoveicolo di provenienza illecita, veicolo utilizzato per il trasporto dei cittadini irregolari ed entrati clandestinamente in Grecia. Per i reati commessi, l’uomo dovrà ora scontare una pena di ben 23 anni di reclusione. Dopo le formalità di rito, il cittadino moldavo è stato accompagnato dal personale della Polaria di Verona nella Casa Circondariale di Montorio.

 

“Oggi è stato inferto un duro colpo al triste fenomeno del traffico degli essere umani”, il commento del Dirigente della Polaria di Verona, il vice questore Roberto Salvo. “Un mercato criminale prevalentemente svolto da organizzazioni transnazionali per fini di lucro e consistente nell’illecito trasferimento di una o più persone dal territorio di uno Stato ad un altro”.

 

Non solo, perché come spiega sempre il vice questore, durante il trasferimento da uno Stato di origine ad uno di destinazione, possono seguire comportamenti finalizzati allo sfruttamento sessuale ed economico dei migranti, ottenuti attraverso violenze e ricatti. Vittime di questo mercato criminale sono diverse migliaia di migranti tra i quali donne e dei bambini. “I trafficanti di persone – conclude Salvo – non si limitano poi soltanto a garantire lo spostamento delle persone da uno Stato ad un altro, in quanto il loro rapporto con la persona trasportata si protrae anche nel Paese di destinazione, finendo con il ridurle in una vera e propria condizione di schiavitù”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 2 dicembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
04 dicembre - 05:01
Il virus, grazie al vaccino, fa meno paura ma ha divorato nel corso degli ultimi due anni i bilanci delle Rsa. Moltissime strutture saranno [...]
Cronaca
03 dicembre - 20:25
Trovati 176 positivi, 0 decessi nelle ultime 24 ore. Registrate 120 guarigioni. Sono 60 i pazienti in ospedale. Sono 847.452 le dosi [...]
Cronaca
03 dicembre - 19:20
Oltre ai sanitari e ai dipendenti della Provincia che si sono messi a disposizione per questa iniziativa scenderanno in campo, gli Ordini dei [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato