Contenuto sponsorizzato

Si rinnova la convenzione al centro sci di Borgo Lares: tra le novità arriva la giornata gratuita riservata a gruppi di persone disabili

Sono stati oltre 40 gli Amministratori degli altrettanti Comuni convenzionati con l'impianto (uno dei più bassi d'Italia a quota 575 metri) che hanno partecipato ieri sera, venerdì 17 settembre, a Borgo Lares alla riunione per il rinnovo della convenzione con la struttura gestita da oltre 50 anni dalla Pro Loco

Di Filippo Schwachtje - 18 September 2021 - 17:35

BORGO LARES. Al centro sci di Bolbeno, uno dei più bassi d'Italia a quota 575 metri sul livello del mare, si rinnova la convenzione e arrivano una serie di novità, a partire dalla giornata gratuita sulle piste che verrà riservata a gruppi di persone disabili appartenenti ad associazioni con sede nei territori convenzionati. Sono stati oltre 40 i sindaci e gli amministratori arrivati a Borgo Lares dove, nella palestra delle scuole elementari, si è svolta ieri sera (venerdì 17 settembre) la tradizionale riunione per il rinnovo della convenzione sovra-comunale per la gestione del centro sci.

 

“Hanno deciso di partecipare Comuni anche da fuori regione, nel Veronese e nel Bresciano – spiega al Dolomiti Roberto Marchetti, presidente della Pro Loco di Bolbeno che da oltre 50 anni gestisce l'impianto grazie all'apporto fondamentale dei volontari – in tutto sono 42 per un totale di oltre 130mila persone coinvolte”. La convenzione, sottoscritta per la prima volta nel 1995, prevede in poche parole un contributo di tutte le realtà comunali interessate che sia direttamente proporzionale al numero di abitanti e inversamente proporzionale alla distanza dalle piste.

 

“Anche quest'anno – continua Marchetti – siamo riusciti a rimborsare tutti i Comuni che hanno aderito alla convenzione con una quota degli importi pagati, grazie al buon andamento dei conti e al forte contenimento delle spese di gestione possibile soprattutto per il grande apporto del volontariato”. Nel corso della serata, alla quale hanno partecipato anche l'assessore provinciale Roberto Failoni, il vice-presidente della Provincia Mario Tonina e la consigliera provinciale Vanessa Masè, sono state avanzate una serie di proposte e presentate diverse novità, a partire dallo skipass giornaliero gratuito che verrà fornito agli atleti agonisti nel giorno delle gare di circuito Fisi che si svolgeranno a Borgo Lares e alla giornata gratuita sulle piste che verrà riservata a gruppi di persone disabili appartenenti ad associazioni con sede nei Comuni convenzionati.

 

“E' un'iniziativa che va ad affiancarsi alla 'storica' giornata gratuita riservata alle scuole materne – dice il presidente della Pro Loco – e che vede ogni inverno circa 2.000 bambini fruire gratuitamente del campo, muovendo i primi passi nel mondo dello sci”. Numeri importanti ai quali bisogna aggiungere i circa 1.200 bambini che, accompagnati dai genitori, ogni anno imparano a sciare a Bolbeno. “Il nostro impianto è un'opportunità per avvicinarsi agli sport sulla neve anche per chi non ne ha mai fatto parte – spiega Marchetti – perché facile da raggiungere e, soprattutto per chi vive nei Comuni convenzionati, vantaggioso dal punto di vista economico”.

 

Un pass stagionale a Bolbeno costa infatti circa 60 euro per chi arriva da uno dei territori comunali che hanno sottoscritto la convenzione. “Diversi Comuni intenzionati a convenzionarsi con noi – racconta Marchetti – sono realtà con grosse stazioni sciistiche e che puntano su Bolbeno per far avvicinare più persone possibili a questo mondo. Pensate che in Trentino i bambini che imparano a sciare sono circa il 5%, da noi invece il 30%. E' questa l'importanza del nostro 'impiantino' sul territorio, che ogni inverno garantisce un lavoro a circa 60 persone”.

 

Impianto che, nel periodo pre-Covid, era in grado di segnare 220mila passaggi allo skilift per stagione e che, anche con l'arrivo della pandemia, è riuscito a contenere i danni cedendo 'solo' un 40% con un totale di 120mila passaggi nell'ultima stagione. “Ci siamo ormai accorti però che la struttura è satura – conclude Marchetti –. Grazie a Trentino Sviluppo, al Bim e a tutti i Comuni convenzionati ora il sogno di un ampliamento (300 metri in più di pista per arrivare a 800 in totale e l'arrivo di una seggiovia quadriposto ad affiancare lo skilift) sta diventando realtà. Nonostante la bassa altitudine, a Bolbeno c'è un particolare micro-clima che, unito alla sempre maggiore efficienza dei cannoni spara-neve, ci permette di continuare le nostre attività e permettere a sempre più persone di fare i primi passi nel mondo dello sci”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
27 ottobre - 13:35
La Giesse Risarcimento Danni, gruppo specializzato in casi di infortuni sul lavoro mortali, ha assistito la sorella di Vitali [...]
Cronaca
27 ottobre - 13:07
Secondo i testimoni tutto è nato per una banale lite sul posto di lavoro ma, come ricostruito dai carabinieri, il diverbio è presto degenerato in [...]
Società
27 ottobre - 11:54
La guida i Migliori Ristoranti Italiani 2022, firmata da Lsdm, Congresso internazionale di cucina d’autore, e dalla testata giornalistica [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato