Contenuto sponsorizzato

Soccorso in alta quota, dopo circa un minuto il massaggio cardiaco peggiora: lo studio di Eurac suggerisce di cambiare le linee guida d'intervento

Una cinquantina tra medici, tecnici, piloti e personale paramedico provenienti da Svizzera, Germania, Italia e Austria hanno partecipato a più riprese a varie prove a 200, 3000 e 5000 metri nel laboratorio terraXcube. Strapazzon: ''Lo studio ci suggerisce che le linee guida si possono migliorare: sarebbe opportuno anticipare il cambio nel massaggio cardiaco prima dei due minuti previsti oggi, oppure si può pensare di prevedere i massaggiatori automatici tra le attrezzature standard negli elicotteri che intervengono in quota''

Pubblicato il - 06 dicembre 2021 - 12:15

BOLZANO. In alta quota la qualità del massaggio cardiaco peggiora dopo soli 60-90 secondi e allora, la proposta è che si valuti la modifica alle linee guida di soccorso prevendendo un avvicendamento più frequente tra chi pratica la rianimazione. Lo studio condotto da Eurac Research dimostra come sia possibile rendere più efficaci le operazioni di salvataggio in quota. Una cinquantina tra medici, tecnici, piloti e personale paramedico provenienti da Svizzera, Germania, Italia e Austria hanno partecipato a più riprese a varie prove a 200, 3000 e 5000 metri nel laboratorio terraXcube, una camera ipobarica in grado di simulare qualsiasi clima estremo e unica la mondo (QUI APPROFONDIMENTO). Questa volta infatti le quote – che corrispondono al limite massimo dei soccorsi sulle Alpi – non sono state raggiunte a bordo di un elicottero, ma all’interno del simulatore di ambienti estremi terraXcube, dove si sono riprodotte le condizioni di ipossia.

 

I soccorritori hanno effettuato massaggi cardiaci su un manichino che registrava la posizione delle mani, la frequenza delle spinte e la loro profondità. Nel frattempo, al di là del vetro, nella camera di controllo, il team di ricerca li monitorava: frequenza respiratoria, saturazione e ritmo cardiaco. I partecipanti hanno svolto i loro compiti senza sapere a che altitudine si trovassero e in questo modo l’équipe medica ha potuto analizzare i dati fisiologici puri, non condizionati da fattori ambientali.

 

Nessuno si è reso conto di una flessione nelle proprie prestazioni; i risultati però dicono qualcosa di diverso. “Inizialmente la frequenza e la profondità delle compressioni sono nella norma. Successivamente, a 3000 metri e a maggior ragione a 5000, dopo un minuto, un minuto e mezzo la profondità delle compressioni diminuisce sotto la soglia prevista di cinque-sei centimetri. Anche i tempi di reazione sono un po’ più lenti”, spiega Giacomo Strapazzon, vicedirettore dell’Istituto per la medicina d’emergenza in montagna di Eurac Research e responsabile dello studio, con Anna Vögele e Michiel van Veelen.

 

La causa del degrado delle prestazioni è da ricercarsi nell’effetto della rarefazione dell’ossigeno. A 5000 metri il team di ricerca ha registrato cali significativi della saturazione d’ossigeno che hanno raggiunto picchi sotto al 78 per cento (la norma è attorno al 98 per cento). “Lo studio ci suggerisce che le linee guida si possono migliorare: sarebbe opportuno anticipare il cambio nel massaggio cardiaco prima dei due minuti previsti oggi, oppure si può pensare di prevedere i massaggiatori automatici tra le attrezzature standard negli elicotteri che intervengono in quota”, prosegue Strapazzon.

In queste settimane sono in corso test simili, ma con l’impiego di ossigeno a 4000 metri, per capire se sia opportuno usarlo sugli elicotteri durante certe operazioni di soccorso. Il team progetta anche studi sul campo per valutare il peso dei fattori di stress ambientale. I risultati dello studio sono stati recentemente pubblicati sulla rivista scientifica Journal of the American Heart Association.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 27 gennaio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
28 gennaio - 16:50
Sono stati trovati 1.586 positivi a fronte di 11.365 tamponi. E' stato registrato 1 decesso nelle ultime 24 ore. Cala il numero delle classi in [...]
Ricerca e università
28 gennaio - 15:43
Entro il 2050 si potrebbe non sciare più su neve naturale a Cortina e Torino, così come in altre delle 21 località che ospitano i Giochi [...]
Cronaca
28 gennaio - 16:16
L'allerta è scattata all'area di servizio Paganella Ovest lungo l'Autostrada del Brennero. Tempestivo l'arrivo della macchina dei soccorsi per [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato