Contenuto sponsorizzato

Esperto di vaccini rapito da un no vax e tenuto rinchiuso in un appartamento. Momenti di paura in un quartiere di Zurigo, ucciso un 38enne

Si tratta un no vax e terrapiattista di 38 anni tedesco. Quando la polizia si è presentata nel suo appartamento per arrestarlo ha estratto la pistola. Nella sparatoria è morto 

Di G.Fin - 11 April 2022 - 09:00

 ZURIGO. Il responsabile a livello federale delle vaccinazioni in Svizzera, Christoph Berger, è stato nei giorni scorsi rapito da un no vax e terrapiattista che è stato poi ucciso dalle forze dell'ordine nel corso dell'operazione di arresto.

 

Che fosse accaduto qualcosa all'alto funzionario era in molti a saperlo. La notizia era stata diffusa venerdì 8 aprile dalle testate del gruppo Tamedia, prima che il tribunale distrettuale di Zurigo vietasse ai media di pubblicare indicazioni sulla persona rapita. Ma nelle scorse ore è stato lo stesso Berger a rompere il silenzio spiegando quello che è successo.

 

L’uomo, un 38enne tedesco no vax, lo ha tenuto prigioniero per diverso tempo in un appartamento di Zurigo. Ha fatto poi la richiesta di una ingente somma di denaro non facendo altri riferimenti all'attività del funzionario.

 

Berger è stato poi lasciando andare dopo aver garantito al rapitore che avrebbe soddisfatto le sue richieste.

 

La sera del 6 aprile la polizia si è presentata all'appartamento del tedesco per arrestarlo in relazione al rapimento. Il 38enne ha però estratto una pistola: nella sparatoria l'uomo ha colpito con un proiettile la sua compagna, una svizzera di 28 anni, uccidendola. Successivamente è stato ucciso dagli agenti.

 

Sulla vicenda sono ancora in corso le indagini da parte della polizia.  

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 4 luglio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
04 luglio - 19:47
Il presidente della Società meteorologica italiana a il Dolomiti: “Ci sarei potuto essere anche io lassù. Quel ghiacciaio, visto da fuori, non [...]
Cronaca
04 luglio - 20:40
Dal 2012 al 2020 è stato a capo del soccorso alpino di Recoaro - Valdagno, Paolo Dani era un'espertissima guida alpina. L'addio dei colleghi: [...]
Cronaca
04 luglio - 17:50
Era una delle persone che si temeva potesse essere sotto la valanga causata dal seracco che è crollato ieri sulla Marmolada ma è stato [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato