Contenuto sponsorizzato

Manca personale e la struttura non è adatta, Pat e Apss cercano un nuovo centro per la riabilitazione di giovani con problemi psichiatrici

La Provincia e l'Azienda sanitaria si stanno impegnando per l'individuazione di una struttura per il Centro Crisi per minori e giovani adulti in fase di acuzie psicopatologica, le cui caratteristiche dovrebbero essere quelle di una piccola comunità, esterna al setting ospedaliero, dotata di comfort alberghiero e di un’équipe multidisciplinare. L'intervento rientra nelle nuove direttive approvate dalla Pat in tema di disabilità e riabilitazione, salute mentale, materno infantile ed età evolutiva, dipendenze

Pubblicato il - 19 March 2022 - 18:28

TRENTO. Da una nuova modalità organizzativa per assistenze personalizzate ad investimenti per nuovi progetti fino alla ricerca di una nuova struttura per il centro riabilitativo per giovani che sono stati colpiti da problemi psichiatrici.

 

La Giunta provinciale ha approvato su indicazione dell'assessore alla salute, politiche sociali, disabilità e famiglia, Stefania Segnana, le direttive 2022 per l'Azienda sanitaria sui seguenti ambiti: disabilità e riabilitazione, salute mentale, materno infantile ed età evolutiva, dipendenze.

"Le indicazioni programmatiche - spiega l'assessore Segnana - tengono conto di alcune novità fra cui l'introduzione di accordi tra l'Azienda provinciale per i servizi sanitari e le Comunità di Valle per consentire l'attivazione di assistenze personalizzate a favore di persone disabili, sia adulti che minori con bisogni socio-sanitari gravi e complessi accolti presso strutture socioassistenziali”.

 

Le modifiche al finanziamento annuale per le Direttive sono dovute al nuovo accordo che l'Apss stipulerà per il Servizio Sal - socialità, abitare e lavoro, area salute mentale adulta con il nuovo gestore dei servizi nel territorio Alto Garda - Ledro e Giudicarie, per una spesa stimata di 960.500 euro su base annua più oneri fiscali, all'assunzione di un nuovo educatore per la Cooperativa Oltre che entrerà a regime dopo il trasferimento nella nuova sede e naturalmente.

 

Accanto a questo c'è il percorso che investe Casa Sebastiano e che punta a implementare la risposte al bisogno di famiglie e caregivers per un importo di 1.330.000 euro, ed alla revisione delle tariffe per Il Quadrifoglio – Anffas Trentino onlus, tarate sul reale fabbisogno di operatori al termine del periodo di sperimentazione.

 

Per l'autismo l'Azienda sanitaria aderirà al progetto AquA dell'Istituto Superiore di Sanità, attraverso il quale si potranno implementare professionalità e servizi per la transizione all'età adulta. In coerenza con tale progetto, si dà mandato sempre all'Azienda sanitaria di strutturare nel corso del 2022 un punto unico di valutazione e definizione di progettualità rivolte alle persone con disturbo dello spettro autistico, che potrebbe essere incardinato nell’Uvm Disabilità.

 

Per i disturbi del comportamento alimentare, oltre agli ambulatori, a partire dal mese di marzo, anche la comunità residenziale verrà trasferita nella nuova struttura di in via Borsieri. 

 

Tra gli aspetti importanti è l'impegno messo, nell'ambito della salute mentale per l'età evolutiva, dal Dipartimento e l'Azienda sanitaria per l'individuazione di una struttura per il Centro Crisi per minori e giovani adulti in fase di acuzie psicopatologica, le cui caratteristiche dovrebbero essere quelle di una piccola comunità, esterna al setting ospedaliero, dotata di comfort alberghiero e di un’équipe multidisciplinare, adeguatamente formata e preparata.

 

Per il Consultorio Ucipem – Progetto Pinocchio, con Apss è stato ridefinito il target introducendo tra le attività anche situazioni di alta conflittualità genitoriale, mentre continua l'attività 2022 per i Progetti obiettivo cohousing in ambito psichiatrico e Sostegno genitoriale per la prevenzione del disagio infantile.

Sotto il profilo delle Dipendenze, il Tavolo Tecnico, composto da referenti di Apss e delle comunità, ha portato alla diversificazione delle offerte terapeutiche, per poter offrire progetti terapeutici individualizzati e utilizzare le risorse in base ai bisogni di cura in un preciso momento di vita delle persone; sono stati individuati dei moduli di trattamento che potranno essere implementati nel corso del 2022 tenendo conto dei vincoli e delle opportunità attualmente presenti.

 

Il finanziamento totale previsto è pari a 30.744.394 euro suddiviso in questo modo: all'area disabilità e riabilitazione andranno 17.808.121 euro, l'area materno infantile ed età evolutiva 2.083.350 euro; l'area salute mentale 7.526.504 euro; l'area dipendenze: 2.860.622 euro ed infine  465.797 euro alle altre aree.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 1 luglio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
03 luglio - 06:01
Sono circa 1.000 i pazienti ogni anno che vengono colpiti da ictus. In relazione all'età la curva cresce dai 60 anni in poi, con un picco [...]
Cronaca
02 luglio - 21:22
Il 36enne stava affrontando una highline, una apposita fettuccia assicurata e tesa tra due sostegni a una quota di circa 1.400 [...]
Cronaca
02 luglio - 19:19
Le fiamme si sono sviluppate tra i vigneti nei pressi di un bunker della Seconda guerra mondiale, l’intervento dei vigili del fuoco complicato [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato