Contenuto sponsorizzato

Muse e lavoratori, scontro con i sindacati. Fp Cgil: "Rimpallo di responsabilità''. Il museo: ''Faremo la nostra parte per un accordo tra lavoratori e datore di lavoro''

La vicenda è quella della sentenza arrivata nelle scorse ore che riconosce ai lavoratori del Muse esternalizzati l'indennità di appalto. Domani si terrà il tavolo fra le parti coinvolte 

Pubblicato il - 29 novembre 2022 - 19:20

TRENTO. “Apprendiamo oggi dal direttore Lanzinger che al tavolo a cui siamo stati convocati per domani dal Muse, per illustrarci la 'proroga e variante dell'appalto' la cui scadenza è proprio domani, il Muse sarà solo uno spettatore. Ci chiediamo, allora, chi se non l'ente appaltante ci illustrerà le ragioni sottese all’ennesima proroga e le varianti dell'appalto. Chi quel contratto deve eseguire? Ancora una volta il dottor Lanzinger rimpalla le responsabilità proprie e del Muse su altri soggetti, chiamandosi fuori dalla situazione esistente, come se il committente non fosse parte in causa”. Prosegue il botta e risposta tra Muse e sindacati all’indomani della sentenza che ha chiarito che l’indennità di appalto va corrisposta ai lavoratori esternalizzati e ha condannato in solido Muse e Coopculture a risarcire un lavoratore.

 

Ad intervenire oggi è la Fp Cgil, col segretario generale Luigi Diaspro e la segretaria Roberta Piersanti. “Ricordiamo - spiegano - che negli anni il Muse è stato troppo a lungo spettatore, sostenendo di nulla potere di fronte alla mancanza di orario di chi lavora per garantire i servizi museali (che sceglie e prenota il Muse) e di avere le mani legate sull'indennità di appalto non erogata” .

 

Il ruolo da attore a tutela dei lavoratori che oggi rivendica Lanzinger, viene spiegato dai sindacalisti, si scontra con due dati di fatto: in primo luogo, la ripetuta proroga dell'appalto, (due volte nel solo 2022) pure a fronte dell'accertamento da parte del Servizio Lavoro delle omissioni retributive, contributive e assicurative del 2021, che il Direttore si intesta e che, spiega la Fp Cgil invece è conseguenza dell'iniziativa del sindacato che aveva sollecitato una verifica proprio al Servizio Lavoro.

 

Se il Muse avesse davvero avuto un ruolo da attore non avrebbe continuato a pagare con soldi pubblici un costo della manodopera che la Provincia tramite i propri servizi ispettivi aveva accertato non arrivare ai lavoratori, con buona pace dei principi che stanno alla base dell'agire amministrativo e il dottor Lanzinger non avrebbe personalmente replicato alle nostre richieste sostenendo che i lavoratori non potevano lamentarsi di condizioni di lavoro migliori che in altri musei e che il Muse avrebbe ben potuto sostituire i divulgatori con dei totem, come viene fatto in America” spiegano il segretario generale Luigi Diaspro e la segretaria Roberta Piersanti.

 

In secondo luogo, vi è una sentenza di condanna, che dice che il Muse è responsabile in solido, non che grazie al Muse si è finalmente giunti al ripristino della legalità. “Ci stupisce – continuano - che per il Direttore del Museo la condanna sia una buona notizia, anziché un momento di riflessione sulla gestione. La dichiarazione, fatti alla mano, è paradossale e inverosimile allo stesso tempo, ma desta profonda preoccupazione soprattutto per la disinvoltura con cui si pretende sia di gestire la cosa pubblica sia di sottrarsi a precise responsabilità della stazione appaltante come emerge dalla lettura della sentenza”.

 

I sindacati puntano il dito contro l'atteggiamento di chiusura del Muse e delle Cooperative che “non hanno mai offerto alcuno spiraglio per migliorare la situazione, tant'è che anche tutti i nuovi assunti (anche quelli degli ultimi mesi) non hanno un orario di lavoro contrattualmente definito e a nessuno viene corrisposta l'indennità di appalto. E domani qualcuno (scopriremo chi, visto che non sarà l'attore Muse) ci presenterà la seconda proroga dell'appalto del 2022” concludono i sindacati.

 

Ad intervenire nelle scorse ore è stato il Muse con una nota per precisare la propria posizione in merito alla recente sentenza del Giudice del Lavoro riguardo la mancata corresponsione dell’indennità di appalto ai lavoratori delle cooperative in servizio.

 

“È doveroso precisare – viene spiegato - come il Tribunale abbia condannato l’operatore economico nella sua qualità di datore di lavoro e dichiarato - come previsto per legge e mai contestato dal museo - la responsabilità solidale del Muse. Pertanto, in caso di inerzia del datore di lavoro, il Muse si farà carico di liquidare direttamente al lavoratore quanto dovuto”.

 

In merito al tavolo convocato per domani, il museo intende condividere con le organizzazioni sindacali i contenuti della variante del contratto di appalto e la conseguente proroga. “La proroga – viene spiegato - rappresenta (e rappresentava) la soluzione più idonea per un verso a garantire il servizio offerto alla cittadinanza e la continuità lavorativa degli operatori, e per l’altro ad analizzare compiutamente le mutate esigenze dell’offerta culturale oggetto della futura procedura. In tale sede, appare evidente come il museo, in qualità di osservatore promotore del tavolo, voglia altresì facilitare il raggiungimento di un punto di compromesso tra le parti coinvolte (lavoratori e datore di lavoro) e superare le criticità rilevate dal Servizio lavoro su istanza del Muse (datata marzo 2019)”.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
26 gennaio - 22:07
A intervenire nelle ricerche i vigili del fuoco e i carabinieri. Presente anche l'ambulanza e il personale sanitario. Purtroppo un 70enne è [...]
Politica
26 gennaio - 20:50
Polemiche per l'allestimento della pista da sci di fondo tra piazza Duomo e via Belenzani per l'edizione numero 50 della Marcialonga. L'intervento [...]
Montagna
26 gennaio - 18:40
La cerimonia si è svolta ieri sera nella capitale: i soci della sezione Cai di Roma espulsi dopo l'emanazione delle Leggi razziali nel '38 sono [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato