Contenuto sponsorizzato

Addio Trofeo Topolino, ben venuto Skiri Trophy XCountry

Dopo che la Disney ha chiuso con gli eventi sportivi la trentaquattresima edizione della gara di fondo della Val di Fiemme cambia nome. Il G.S. Castello ha scelto di mollare e di puntare su "Skiri" che ricorda la storica mascotte di Nordic Ski Fiemme per tutti e tre i Campionati del Mondo fiemmesi

Pubblicato il - 17 ottobre 2016 - 18:14

VAL DI FIEMME. Addio Topolino, ben venuto Skiri Trophy XCountry. La trentaquattresima edizione di quello che fino a ieri era la manifestazione di sci di fondo legata alla figura di Mickey Mouse e alla Disney si farà regolarmente il 21 e 22 gennaio prossimi ma con un nuovo nome, Skiri Trophy XCountry, appunto.

 

Restano le radici di una manifestazione che ha portato nel corso degli anni migliaia di giovani fondisti a competere sulle nevi della Val di Fiemme, ergendoli in più di un'occasione ad astri nascenti del panorama fondistico nazionale ed internazionale. Il comitato organizzatore del G.S. Castello non voleva e non poteva mollare, dopo che la Disney aveva annunciato di abbandonare gli eventi sportivi. All'inizio si era detto per motivi di sicurezza, legati all'allarme terrorismo, in realtà perché "non intende più sostenere gli eventi, ma vuole puntare sulle nuove tecnologie e i social network", ci ha spiegato il presidente del Trofeo Topolino sci Fabrizio Gennari.

 

Lo staff trentino capitanato da Nicoletta Nones, che tra il resto partecipò alla competizione nel 1985 vincendo la categoria allievi, ha di fatto dato il via alla manifestazione dopo l'abbandono della Walt Disney come partner ufficiale. 

 

Una storia lunga più d'un trentennio e con tante soddisfazioni sugli sci stretti: "La gara è sempre stata l'orgoglio del GS Castello che l'ha pensata, inventata ed organizzata per 33 anni e con un successo senza pari, arrivando a schierare, lo scorso gennaio, ben 1312 partecipanti a cui vanno sommati i 120 del 'Revival'. Numeri che non trovano pari in altri trofei similari anche se più blasonati. La collaborazione con la Walt Disney – ha ribadito Nicoletta Nones – è stata importante e significativa, ma non dobbiamo dimenticare che se l'evento c'è è tutto merito della società e dei tantissimi volontari. Ora si continua con un nuovo nome e con rinnovato entusiasmo".

 

La manifestazione del 21 e 22 gennaio prossimi rimarrà praticamente immutata, cambiando solamente nella dicitura: il nuovo nome come detto sarà "Skiri Trophy XCountry", decisione presa all'unanimità dal direttivo del GS Castello, un nome che con "Skiri" ricorda la storica mascotte di Nordic Ski Fiemme per tutti e tre i Campionati del Mondo fiemmesi, marchio noto all'estero che raffigura uno scoiattolo sugli sci, uno dei 'simboli' più conosciuti degli eventi sportivi invernali della "culla dello sci nordico", com'è conosciuta ed amata la Val di Fiemme in Italia e nel mondo; il comitato dei Mondiali fiemmesi ha concesso l'uso del nome e per questo l'intero direttivo del GS Castello lo ha voluto ringraziare. "Trophy" è un rimando al vecchio nome della manifestazione, declinato in inglese per dare ancor più un tocco d'internazionalità all'evento, la "X" abbrevia la parola "cross" che assieme a "country" significa sci di fondo, sempre nella lingua inglese.

 

Una scelta ponderata ma che non ha occupato troppo tempo, mettendo d'accordo tutti i membri del G.S. Castello presenti alla riunione trentina. Soddisfatto anche il presidente del G.S. Castello, Alberto Nones: "Abbiamo ricevuto tantissime telefonate per avere rassicurazioni che la gara si sarebbe fatta. I nostri volontari, i nostri partner commerciali ed istituzionali hanno confermato di essere al nostro fianco per lo Skiri Trophy XCountry".

 

E tra i numerosi partner commerciali che daranno il proprio contributo alla manifestazione ora c'è anche la Kinder, forte dell'iniziativa "Kinder + Sport Joy of Moving", il progetto di responsabilità sociale del Gruppo Ferrero nato per promuovere stili di vita attivi a partire dalle nuove generazioni. 

Nel 2017 lo "Skiri Trophy XCountry" festeggerà la 34.a edizione e mantiene l'impianto standard: gare in tecnica classica a Lago di Tesero, sabato per le categorie baby e cuccioli, domenica per ragazzi e allievi. Sabato ci sarà anche la gara Revival con gli "ex topolini", oltre a tutte le attività di contorno e d'intrattenimento che negli ultimi anni sono aumentate e migliorate. Tra i 'nomi forti' che hanno partecipato sin da piccoli al trofeo fiemmese, alcuni dei quali rivisti poi anche nella prova Revival, ci sono fondisti del calibro di Cristian "Zorro" Zorzi, Antonella Confortola, Marianna Longa, Loris Frasnelli, Magda Genuin, Lara Peyrot, Ivan e Bruno Debertolis, Petra Majdič, Sabina Valbusa, Valerio Checchi, Marina Piller, Veronica Cavallar, Gaia Vuerich, Vesna Fabjan, Giulia Stuerz, Mauro Brigadoi, tutti atleti che si sono resi poi protagonisti in Coppa del Mondo e Mondiali. Una lista interminabile, per un evento che non avrà fine.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.47 del 13 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 dicembre - 05:01

La prorettrice di Unitn Barbara Poggio: “Le ricerche dimostrano che aumentare i servizi e ridurre i costi degli stessi funzionano meglio degli aiuti economici diretti”. La misura non piace nemmeno ai sindacati: “Le persone decidono di farsi una famiglia se hanno un buon lavoro non per delle vaghe promesse propagandistiche”

14 dicembre - 20:09

Per la Lega abolizione della caccia Lombardia attribuire la responsabilità (se di responsabilità si parla) dell'accaduto all'ungulato è sbagliato. Come sbagliate sono le strategie di contenimento di questi animali: ''Non a caso in oltre trent’anni di gestione del problema da parte dei cacciatori, questa specie in Italia è aumentata in maniera esponenziale''

14 dicembre - 19:05

Il 14 dicembre dello scorso anno Antonio Megalizzi 29 anni, giornalista, è stato ucciso da un proiettile esploso a Strasburgo, tre giorni prima, in un mercatino di Natale, da un terrorista. Oggi tante iniziative per ricordarlo. In radio una maratona per Antonio e l'amico Bartosz

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato