Contenuto sponsorizzato

Ala cambia volto, iniziata la demolizione dell'ex cartiera

I lavori dovrebbero terminare tra circa un anno. Il sindaco Claudio Soini: "E' un buon esempio di collaborazione pubblico-privato, il Comune investe infatti 300 mila euro per avere una piazza (ricavata sulla copertura) a disposizione per molteplici attività, anche parcheggio all'occorrenza"

Pubblicato il - 08 settembre 2017 - 16:22

ALA. Una grande piazza, parcheggi, un viale alberato lungo il torrente Ala. L'abitato trentino si prepara a cambiare volto e sono iniziati in questi giorni i lavori di abbattimento dei vecchi stabilimenti della cosiddetta 'ex Cartierina', tutti di proprietà di Aspiag service, proprietaria del supermercato Despar che trova spazio proprio all'interno di uno di essi. I lavori sono tutti a carico dei privati.

 

"Questa è un'opera - afferma il sindaco Claudio Soini - che oserei definire epocale per Ala, inseguita da tantissimi anni per liberare a nord il centro storico da fabbricati incongrui che nulla hanno a che vedere con la nostra città. Demolendo l'ex comparto produttivo a suo tempo adibito a cartiera riapriamo la vista al centro, miglioriamo la viabilità interna, creiamo un grande spazio con parcheggio e una piazza da utilizzare per socialità, eventi e così via. Perciò - continua il sindaco - esprimo estrema soddisfazione nel vedere che una grande azienda commerciale crede nelle potenzialità della nostra città, investendo grossi capitali senza stravolgere gli equilibri commerciali attuali. La superficiale di vendita, infatti, rimarrà inalterata. E' quindi un buon esempio di collaborazione pubblico - privato, il Comune investe infatti 300 mila euro per avere una piazza (ricavata sulla copertura) a disposizione per molteplici attività, anche parcheggio all'occorrenza. Con questa operazione inoltre si vuole anche riqualificare e valorizzare via Soini. Infine concludo con un grazie agli uffici comunali per aver fatto si che tutta questa importante operazione andasse in porto nei tempi previsti".

 

In queste settimane la ditta abbatterà prima l'edificio che si trova a ridosso del ponte sul torrente, quindi i grandi capannoni retrostanti il piazzale. Il supermercato all'interno continuerà a funzionare, proprio per garantire un accesso in sicurezza anche durante le successive operazioni. La settimana prossima si passerà ad abbattere il grande capannone sul retro, in fondo al piazzale che ospiterà la nuova sede del supermercato Despar, le cui dimensioni saranno simili a quelle dell'attuale negozio.

 

 

Il progetto prevede anche la realizzazione di due piazze. Al posto dell'attuale sede del supermercato ci sarà una grande piazza con parcheggi, disposta ad 'L' attorno alla nuova sede della Despar. Il lato lungo, che correrà a fianco di via Costituzione e del torrente Ala, sarà alberato. La stessa via Costituzione verrà allargata. All'interno troveranno spazio una zona pedonale di oltre 500 metri quadrati e un parcheggio con 66 posti auto.

 

Gli stalli saranno a disco orario durante gli orari di apertura del negozio e liberi quando il supermercato sarà chiuso per una convenzione che verrà stipulata col Comune.

 

Il tetto del nuovo Despar diventerà a sua volta una piazza, la soletta verrà realizzata in modo che questa divenga all'occorrenza carrabile e sarà adatta anche per eventi e manifestazioni: questa scelta regalerà una vista panoramica sulla città, sulla valle di Ronchi e un colpo d'occhio sulle Piccole Dolomiti.

 

La piazza sopra il supermercato sarà accessibile con ascensore e con una scalinata che partirà dal piazzale sottostante, inoltre permetterà di allargare via Costituzione e via Vicentini, ora molto strette. Il diritto di utilizzo della piazza verrà acquistata infatti dal Comune per 300 mila euro, al termine di un'operazione di circa 4 milioni di euro a carico del privato.

 

Aspiag prevede di aprire il nuovo supermercato nell'estate del 2018. Nel giro di un anno, dunque, i lavori dovrebbero concludersi. Durante il cantiere il negozio rimarrà aperto, con la settimana prossima, quando i lavori passeranno sul retro, l'ingresso tornerà sul lato di Largo Vicentini. Il periodo di chiusura del Despar sarà molto limitato, solo al momento del trasloco.

 

 "Il potenziale edificatorio di questo ambito - spiega l'assessore all'urbanistica Stefano Gatti - era inizialmente di 30 mila metri cubi. Sono stati gli stessi privati a proporre una variante puntuale al Prg, riducendo la cubatura a 10 mila metri cubi. La variante puntuale è stata approvata dal consiglio comunale il 29 maggio 2017. L'abbiamo accolta perché è un beneficio per tutta la città, ed in particolare per la zona Nord. Avremo 66 parcheggi a ridosso del centro, e verrà cancellata una bruttura all'ingresso di Ala. Anche il Comune farà la sua parte, sistemeremo la parte di Cartierina di nostra proprietà".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 ottobre - 18:15

Il rapporto contagi/tamponi si attesta a 2,55%. Sono 15 i pazienti, 1 persona in più rispetto a ieri,ricoverati in ospedale, nessuno si trova in terapia intensiva. Il totale è di 6.662 casi e 471 decessi da inizio epidemia Covid-19

01 ottobre - 15:44

Oltre ai dettagli, riferiti dallo stesso medico veterinario ai militari del Cites, su come M49 abbia più volte tentato di scagliarsi contro la recinzione, M57 ripeta dei movimenti ritmati, Dj3 non si nutra per paura degli altri due esemplari, ecco cosa hanno riportato i carabinieri nella loro relazione: ''Si è ritenuto necessario ricorrere alla somministrazione quotidiana di integratore a base di acido gamma amminobutirrico, con effetto inibitorio del sistema nervoso centrale, per prevenire e controllare lo stato di stress di M49 (..) e M57''

01 ottobre - 17:31

Nel fine settimana è allerta arancione su tutto il territorio provinciale: sono attesi violenti nubifragi che porteranno con loro notevoli criticità. La protezione civile non esclude possano verificarsi smottamenti, allagamenti, frane e colate di fango: “Non avvicinatevi ai corsi d’acqua”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato