Contenuto sponsorizzato

Fumo da un tetto in via Sanseverino. A fuoco il pentolino e dei materassi di senza fissa dimora

L'edificio, chiuso con un cancello, si presentava abbandonato ed era usato, probabilmente, per dormire, da alcuni senzatetto che si sono dileguati all'arrivo delle forze dell'ordine

Pubblicato il - 09 maggio 2017 - 18:26

TRENTO. Probabilmente era il rifugio di qualche senzatetto o senza fissa dimora perché all'ingresso dei vigili del fuoco gli spazi si presentavano abbandonati con dei materassi buttati a terra e in mezzo un pentolino scaldavivande. E sarebbe stato proprio questo a prendere fuoco e ad incendiare gli stracci e i materassi che lo circondavano.

 

 

L'allarme è partito perché da uno degli edifici di via San Severino posti dietro ad Impact Hub Trento ha cominciato a uscire del fitto fumo nero. I vigili del fuoco si sono portati sul posto ma si sono travati davanti a un cancello chiuso, lucchettato e anche dopo l'arrivo della polizia nessuno è riuscito ad identificare chi fosse il proprietario dello stabile.

 

 

I pompieri hanno quindi proceduto a scavalcare il cancello per introdursi all'interno dell'edificio con la pompa dell'acqua e la ventola aspira fumo. Oltre a spegnere il principio d'incendio, infatti, diventava fondamentale capire se nell'edificio si trovasse ancora qualcuno. Completate le operazioni di spegnimento hanno quindi provveduto a bonificare l'area risultata deserta.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 ottobre - 14:22

Si è verificato un violentissimo tamponamento tra un furgone e un autoarticolato lungo la corsia di marcia. In azione la macchina dei soccorsi, ma le ferite riportate nello schianto si sono rivelate fatali

28 ottobre - 10:49

Il presidente della Lega trentina attacca Governo “politici che fanno schifo” e sindacati “parassiti”. L’unico che si salva è Fugatti “che con coraggio e senso di responsabilità corregge il dogma di Conte dalle braghe onte”. La replica di Grosselli: “Un commento? Non serve. Bastano i dati dell’epidemia e la curva stimata qualora le misure non dovessero risultare efficaci”

28 ottobre - 11:18

L'episodio è avvenuto intorno alle 10 di ieri, martedì 27 ottobre, quando una pattuglia della Polstrada di Bolzano è riuscita a intercettare e prontamente fermare una guida estremamente pericolosa

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato