Contenuto sponsorizzato

Maltempo e disastri in tutta la provincia: da Daone a Caldonazzo, da Trento a Mori alberi spezzati e incidenti. A Cimone tetto scoperchiato a Pergine danni alla chiesa di Canale

Pioggia, grandine e soprattutto vento fortissimo hanno causato tantissimi danni. Mobilitati i vigili del fuoco di moltissimi corpi della provincia. In Piazza Dante alberi sradicati, a Mori e in Cimirlo albero si spezza e colpisce la casa (GUARDA I VIDEO E LE FOTO MANDATE DAI LETTORI)

Pubblicato il - 06 agosto 2017 - 14:36

TRENTO. Era attesa da tutti. E la notte appena trascorsa, tra caldo, afa e umidità, ha fatto davvero sperare in ogni angolo della provincia, che le previsioni non fossero sbagliate. Non lo erano, nemmeno per quanto riguardava l'allerta meteo diffusa. Ovunque, infatti, si sono susseguiti disastri e danni ingentissimi e i vigili del fuoco di praticamente tutti i corpi provinciali sono stati mobilitati per interventi.

 


 

Partendo dalla città, da Trento, rami e alberi sono crollati sullo stradone davanti alla Funivia di Sardagna rendendo difficile il transito dei veicoli, e rami si sono spezzati in tutta la città per il forte vento e le piogge molto insistenti.

 

 

 

 

 

 

 

 

In Piazza Dante, in particolare davanti al Grand Hotel si è spezzato un albero e anche nel parco alcuni alberi sono stati sradicati

 

 

 

 

 

 

E anche sul lungo Fersina nel parco dietro alla Gelateria al Ponte il vento ha spezzato alberi molto antichi.

 


 

Un albero è crollato su una casa in Cimirlo sfondando il tetto e finendo per entrare nell'appartamento con alcuni rami. Una delle ultime case del paese vicina al Forte.

 


 

I vigili del fuoco volontari di Povo sono dovuti intervenire in più punti: in Cimirlo anche lungo la strada che lo collega a Oltrecastello

 


 

e più giù sullo stradone per Mesiano. Addirittura per liberare la strada dalle piante cadute la viabilità è stata bloccata all'altezza delle rotonda di Povo. 

 


 

A Mori altri alberi abbattuti anche nei giardini interni delle abitazioni e bloccata è rimasta la strada per Ravazzone, sempre per caduta alberi.

 


 

 

 

 

A Ledro, nel lago, nella zona all'altezza di Mezzolago una barchetta si è ribaltata con a bordo delle persone ed è stato necessario l'intervento dei vigili del fuoco per recuperarle, a Daone un gruppo di scout che aveva sistemato le tende alla "vecchia maniera" all'arrivo della pioggia si è visto collassare quasi tutti i ripari spazzati poi via dal vento e si sono dovuti rifugiare al Bar alla Diga ed enormi disagi si sono avuti a Malga Boazzo dove si stava svolgendo una festa ma gran parte dei partecipanti sono stati evacuati. 

 

Forti disagi anche a Tione per la violenta grandinata che ha investito il paese

 

 

 

 


 

E la grandine ha danneggiato in maniera ingente anche le coltivazioni di meleti di alcune zone della Val di Non come a Smarano

 


 

E grandine con chicchi grossi come pugni è scesa anche a Cunevo

 


 

Anche ai laghi di Levico e Caldonazzo sono stati tantissimi i disagi e i problemi e anche in quel caso solo l'intervento dei vigili del fuoco ha permesso di mettere in sicurezza strade e piazze

 


 


 

A Cimone i danni sono stati ingentissimi, un tetto di una casa è stato scoperchiato e sulla strada sottostante tegole e pezzi di legno sono crollati fortunatamente senza colpire nessuno

 


 


 

Tra Padergnone e Sarche all'altezza del Lago di Toblino il vento è stato devastante e ha abbattuto una fila di alberi posti a bordo strada (lungo la statale 45) che, fortunatamente sono caduti verso la campagna e non verso i posti auto

 


 

A Pergine la Chiesa della Natività di Maria di Canale ha visto volare via buona parte della rivestitura in rame del tetto. Un vero disastro.

 


 

IN AGGIORNAMENTO

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

09 marzo - 06:26

La storia di un'anziana di Trento. In un primo momento è riuscita ad ottenere la vaccinazione a Borgo ma, in difficoltà nello spostarsi così lontano da casa, ha chiesto l'attivazione, tramite il medico di base, del Servizio della Cure Domiciliari. Simona Sforzin, direttrice alle Cure primarie dell'Azienda sanitaria spiega: ''A Trento la lista di attesa è di circa 200 persone, per la somministrazione di 10 vaccini servono circa 6 ore''

08 marzo - 20:02

Sono 247  le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 44 in alta intensità. Oggi 4 decessi. Sono 37 i Comuni con almeno un caso di positività

08 marzo - 19:49

Parlano i legali del giovane che spiegano come dal ritrovamento del corpo della madre abbia cominciato a collaborare e ora ''l'indagato si aggrappa a un sentimento di pentimento disperato, che non chiede né ha aspettative di ricevere pietà dalle vittime''. La procura della Repubblica conferma che proseguono le ricerche del corpo del padre Peter e che si procederà ''all'incidente probatorio, finalizzata all'accertamento della capacità di intendere e di volere dell'indagato al momento del fatto''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato