Contenuto sponsorizzato

"Processo Schützen", Corona e Dalprà condannati a 5 mesi per corruzione elettorale. L'avvocato 5 Stelle: "Ne deve rispondere anche Baratter"

Si è chiuso il primo grado del processo per corruzione elettorale: Giuseppe Corona e Paolo Dalprà condannati anche a risarcire Riccardo Fraccaro. Lorenzo Baratter farà volontariato all'Anffas

Di Donatello Baldo - 20 febbraio 2017 - 17:05

TRENTO. Oltre agli avvocati della difesa, anche il Pubblico Ministero ha chiesto l'assoluzione. Prima di lui fu il Gip ad archiviare il fascicolo, e se non fosse stato per l'opposizione del Movimento 5 Stelle sarebbe finito tutto lì, l'accordo tra Baratter, Corona e Dalprà sarebbe rimasto uno scivolone politico, una sconvenienza sanzionabile solo eticamente. 

 

Invece no, quelle firme sono state considerate come corruzione elettorale, e due dei tre imputati sono stati condannati a 5 mesi e 10 giorni di reclusione. Paolo Dalprà e Giuseppe Corona dovranno risarcire anche il deputato grillino Riccardo Fraccaro che si è costituito Parte civile con tre mila euro. Lorenzo Baratter, su sua richiesta, ha scelto un'altra strada, non quella del processo: sarà messo alla prova, dovrà svolgere volontariato presso l'Anffas

 

Ma sarà quest'ultimo, seppur non condannato, a pagare politicamente la sentenza di oggi. Con il riconoscimento del reato da parte del giudice, si scrive nero su bianco che quell'accordo costituiva di per sé reato. Prevedeva che in caso di elezione nelle liste del Patt, Corona e Baratter (risultò poi eletto solo Baratter, Corona nemmeno fu candidato) avrebbero versato alla compagnia degli Schützen un mensile di 500 euro

 

L'avvocato Nicola Canestrini, che ha sostenuto la difesa di Paolo Dalprà ("assente perché oggi si celebra la ricorrenza della morte di Andreas Hofer", ha riferito il legale per giustificare il suo assistito) ha cercato di dimostrare l'insussistenza del reato: "Nell'accordo sottoscritto si parla di sostegno volontario - afferma Canestrini - e le indagini difensive hanno dimostrato che nessuno ha chiesto come contropartita il voto". Sono stati sentiti, infatti, cinquanta schützen, "e tutti hanno affermato sotto la loro responsabilità che nessuno ha chiesto loro di votare qualche candidato". 

 

"Non abbiamo solo invocato il ragionevole dubbio - ha sostenuto l'avvocato rispetto al fine ultimo del voto come contropartita dei pagamenti - abbiamo dato la prova certa che non c'è stato scambio di questo tipo". Canestrini, prima di chiudere la sua arringa con la richiesta di assoluzione "perché il fatto non sussiste", ha accusato la stampa di celebrare i processi fuori dalle aule di tribunale, attaccando anche i 5 Stelle, "che addirittura ai suoi candidati, oltre a chiedere un contributo economico, chiede di sottoscrivere un contratto".

 

Vanni Ceola, l'avvocato di Giuseppe Corona, ha affermato che per il suo assistito "mancano i presupposti per essere condannato: non era candidato". Ma aggiunge anche questo: "Ci mancherebbe altro che Corona non si facesse sostenere dagli  Schützen: era il vicepresidente della Compagnia . Ci mancherebbe che, nel caso di elezione, non avesse versato parte dei suoi emolumenti alla Compagnia. Come fanno tutti i partiti , le associazioni di riferimento degli eletti, come fanno anche i 5 Stelle". 

 

Su entrambe le posizioni, di Dalprà e Corona, è stato lo stesso Pm Gallina ad avanzare la richiesta di assoluzione. Tutto il suo ragionamento si è concentrato attorno alla parola "sostegno" contenuta nell'accordo: "Ha un significato ampio, poteva intendere anche l'organizzazione di iniziative elettorali, di sostegno nella campagna elettorale. Non lo sappiamo". 

 

Ma il giudice Borrelli non ha condiviso l'impianto delle difese e della pubblica accusa. Ha letto la sentenza: "Condanna". Cinque mesi e dieci giorni. "Grossa soddisfazione - ha subito commentato l'avvocato Alfano, rappresentante di Riccardo Fraccaro - la sentenza conferma quello che dicevamo fin dall'inizio. Siamo stati riconosciuti come persona offesa, quindi anche i cittadini possono chiedere conto ai politici delle loro azioni".

 

Ma l'avvocato dei 5 Stelle tira in ballo subito anche Lorenzo Baratter: "Dal punto di vista politico, dopo questa sentenza ne deve rispondere anche chi si è sottratto al giudizio scegliendo la strada della messa alla prova andando a fare volontariato". 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 agosto - 14:25

L'avventura con la loro società è iniziata circa tre anni fa. I due giovani della Vallagarina, Mattia Cristoforetti e Giovanni Tava, hanno macinato moltissimi successi ed  hanno deciso di utilizzare il loro lavoro anche per aiutare i bambini. Per questo è iniziata la collaborazione con la fondazione Tog per la cura e la riabilitazione dei bambini con gravi patologie neurologiche

19 agosto - 16:01

Gettatosi da una falesia alta 10 metri a Torre dell'Orso, nel leccese, un giovane trentino si è lesionato la zona cervicale. Trasportato immediatamente all'ospedale Vito Fazzi di Lecce, si attende di capire che danni possa aver riportato. Cauti i medici 

19 agosto - 06:01

Pubblichiamo in esclusiva dei dati molto significativi sul reale andamento della struttura della Val di Fiemme che smentiscono molto di quanto sentito sino ad oggi. Nel punto nascite si è eseguito nel 25% dei casi il taglio cesareo quando non ci sono emergenze e per  l'Organizzazione Mondiale della Sanità un tasso superiore al 15% è indicativo di ''un uso inappropriato della procedura'' motivato da ''carenze organizzative, medicina difensiva, (...) scarso supporto alla donna da parte del personale sanitario nel percorso di accompagnamento alla nascita''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato