Contenuto sponsorizzato

Le attività outdoor come strumento per vivere la natura in maniera consapevole e piena: ecco il docu-film ''The Clean Approach''

Il documentario diretto da Luca Albrisi e Alfredo Croce vuole mostrare come questi sport possano uscire dalla logica antropocentrica del risultato e della sfida alla natura diventando al contrario un'esperienza biocentrica e "cleen"

Pubblicato il - 21 marzo 2018 - 16:56

TRENTO. Vivere la natura rispettandola, approcciarvisi in modo consapevole, riscoprire il profondo rapporto tra uomo e ambiente: il tutto praticando attività outdoor. The Clean Approach è qualcosa di più di un semplice documentario. Vuole essere un esempio di come si può vivere la propria esperienza "sportiva" cambiando il punto di vista delle cose: non più approcciandovisi in maniera antropocentrica ma, al contrario, con una visione biocentrica dell'esistenza. E allora, per esempio, lo scialpinismo non è più una sfida a se stesso e alla natura (magari con pericolosi fuoripista che si trasformano in catastrofiche valanghe) ma uno scoprire quel che ci circonda con rispetto e attenzione

 

Insomma se da un lato le pratiche outdoor possono essere un mezzo per aumentare la presa di consapevolezza degli esseri umani riguardo alla propria, effettiva, appartenenza al mondo naturale dall’altra, se praticate senza consapevolezza ambientale, possono a propria volta rappresentare un impatto sull’ecosistema. Il film, nato dalla scrittura di Luca Albrisi, da lui co-diretto insieme ad Alfredo Croce, e prodotto da Pillow Lab in collaborazione con Associazione Humus è il racconto del viaggio di tre appassionati di “clean” outdoor attraverso le quattro stagioni e attraverso alcune aree naturali protette.

 

The Clean Approach, per un'attività outdoor biocentrica

Il tutto è forte di una riflessione filosofica, antropologica ed emozionale sull’appartenenza umana all’ecosistema e sul concetto di “limite” nelle sue diverse forme. Al progetto hanno partecipato professionisti del mondo outdoor, esperti in tematiche ambientali, nomi illustri nel campo dell’antropologia e della psicologia nonché direttori e presidenti di parchi naturali italiani. Nel complesso il documentario mira a creare un ponte e un dialogo tra il mondo dell’ambientalismo e quello delle attività outdoor sostenibile in un’ottica di presa di consapevolezza e di educazione ambientale. E quindi anche a livello di realizzazione la sostenibilità l'ha fatta da padrona: per, per esempio, tutte le immagini aeree sono state realizzate tramite l’ausilio di droni e mai di elicotteri in location di volo nelle quali non si sarebbe recato troppo disturbo alla fauna locale.

 

Il progetto, che in parallelo vede anche la realizzazione di una mostra itinerante di tele fotografiche e testuali, è stato realizzato grazie al contributo della Provincia e di sponsor privati quali Ferrino, Casse Rurali Trentine, Azienda per il Turismo della Val di Sole, Consorzio Turistico Pejo 3000 ed Elleerre. La prima proiezione di The Clean Approach, a cui sarà possibile assistere solo su invito, avrà luogo il 5 Aprile presso il Muse - Museo delle Scienze di Trento. Successivamente il documentario inizierà il proprio tour attraverso alcuni dei principali film festival nazionali ed europei per poi divenire pubblico e liberamente fruibile a fine 2018. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 19:10

A lanciarlo il segretario del Partito Autonomista: "Assieme possiamo fare anche massa critica per portare avanti un certo tipo di istanze".  L'appello è rivolto alle forze di centro e autonomiste. Il segretario: "Assistiamo ad un crescendo di malessere tra i moderati nei confronti dei partiti nazionali''

23 settembre - 12:15

La Uil invita quindi il vescovo Lauro Tisi a valutare la possibile di cedere quel patrimonio che la curia non intende più utilizzare. Alotti: "Sarebbe un'ottima scelta dal punto di vista ambientale e sociale. Una soluzione per interrompere il consumo di suolo, incentivare i lavori di edilizia pubblica, le ristrutturazioni, e aumentare in modo rilevante l’offerta di alloggi"

23 settembre - 11:53

Ovunque si organizzano comitati intimoriti dall'arrivo della nuova tecnologia (anche a Dro dove sono state raccolte oltre 400 firme) e dal fatto che verranno installate nuove antenne per supportarla convinti che ciò aumenterà l'inquinamento elettromagnetico. In realtà è proprio il contrario. Ce lo spiegava l'ex direttore del nodo italiano degli Eit, Roberto Saracco, e ora lo spiega anche la principale associazione a tutela dei consumatori

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato