Contenuto sponsorizzato

La storia di Quintino, l'ex partigiano che a 93 anni vive nel maso senza elettricità e acqua calda, il documentario di Gabriele Carletti al Trento Film Festival

'La scelta di Quintino' è il documentario girato dal noto giornalista Rai selezionato nella sezione 'Orizzonti vicini' nella kermesse al via dal 27 aprile al 7 maggio. Carletti: "Dalla tenacia alla solitudine, passando per l'amore che non ha età, neppure a 93 anni. Mi sono lasciato sorprendere e spiazzare da Quintino"

Di Luca Andreazza - 17 April 2017 - 22:49

TRENTO. Il meglio delle proiezioni legate alla montagna. Una selezione che ha coinvolto oltre 600 proposte e alla fine sono rimasti solo 118 film provenienti da 32 paesi e 22 pellicole in concorso. Questo riassume l'edizione numero 65 del 'Trento Filmfestival', pronto come sempre e più che mai a appassionare pubblico e critica dal 27 aprile al 7 maggio. "Un'attesa trepidante, una sensazione come non mi capitava da tanto tempo. La responsabilità era tanta e stavo già preparando un piano 'B' per ripagare la grande disponibilità di Manuel Morandini e Graziano Bosin (i cameraman e montatori), ma poi è arrivata la selezione", queste le parole di Gabriele Carletti, noto giornalista della Rai trentina e regista di 'La scelta di Quintino', un documentario selezionato nella sezione 'Orizzonti vicini' della kermesse del capoluogo.

 


(Gabriele Carletti, giornalista Rai e regista)

 

Gabriele Carletti, classe 1980, nato a Monte S. Vito nelle Marche, da otto anni a Trento senza rimpianti, sveste per un momento i panni del giornalista per passare dall'altra parte della barricata in qualità di regista. Il documentario sarà proiettato il primo maggio alle 17.15 (cinema Modena) e il 5 maggio alle 15.15 (cinema Modena). "E' un'esperienza coinvolgente e una storia unica - aggiunge - Quintino è un ex partigiano comunista e sua figlia a riguardo mi ha raccontato l'aneddoto di quando sfilava da solo per la Val di Fiemme con un asinello e la bandiera rossa. E il caso ha voluto che la prima proiezione sia proprio il primo maggio: così eccezionalmente scenderà a Trento accompagnato dalla figlia Margherita per assistere a questo lavoro".

 

"Avendo conosciuto la città, dico poveretti: scendere di corsa dall'ascensore", racconta Quintino nel trailer all'interno del suo maso tra i boschi a 4 chilometri da Castello-Molina di Fiemme, ma il suo non è un vero eremitaggio e il documentario descrive una giornata in sua compagnia.   

Quintino Corradini ha scelto di vivere con quello che gli hanno lasciato i nonni e dice che la città lo ucciderebbe. Resiste per tenere viva la memoria dei compagni partigiani impiccati e per ricordarli ha elevato in cortile un personalissimo monumento ai caduti: l'albero che parla. E' un personaggio controcorrente e riflessivo, che non rinuncia ai suoi ideali nati dopo la Resistenza. 

 

Nel corso delle riprese mi sono lasciato sorprendere e spiazzare: Quintino ha affrontato diversi argomenti, tanti tabù sono caduti e sono emerse molte tematiche attuali, dalla tenacia alla solitudine, dall'eutanasia all'amore che non ha età, anche per un uomo di 93 anni. 

Questa è la grande differenza tra un servizio televisivo e questo documentario: nel primo caso la voce è un filo conduttore, mentre nel secondo è lo spettatore che deve cogliere le connessioni tra le immagini e il personaggio. Lasciarsi emozionare e sorprende da quanto si vede e da cosa si ascolta.

Come hai conosciuto questo novantatreenne?

Questa vicenda mi è stata segnalata da Beatrice Calamari dell'Apt Val di Fiemme per un servizio in Rai. In quell'occasione ho realizzato un pezzo 'nazionale' sulla storia di Quintino, che a 93 anni vive in questo maso ad Arodolo. Allora era estate e il paesaggio bucolico, ma l'anziano trascorre in quel luogo anche l'inverno, senza energia elettrica e senza corrente. Questo aspetto mi è rimasto dentro e mi si è accesa una lampadina. Mi piace raccontare storie e il giornalismo deve avere anche una funzione livellatrice, come scoprire e presentare figure lontane dalla luce dei riflettori. Emozione e spontaneità sono le parole chiave.  

 

Hai studiato giornalismo a Perugia e ti sei laureato in scienze della comunicazione. Poi collabori per Tg2-Storie e Porta a porta. Com'è stato il salto dietro la telecamera?

Ho cambiato angolatura e visione rispetto al servizio televisivo. Il passaggio da giornalista a regista non è naturale e strutturare un documentario non è immediato. Certo, in questo senso i miei studi mi hanno aiutato e conosco alcuni elementi cinematografici, il resto si impara e si approfondisce sul campo. I tempi sono più lunghi e l'imprevisto sempre dietro l'angolo.

 

Dopo il primo servizio, sono ritornato in Valle di Fiemme prima a novembre e poi a dicembre per aspettare i primi fiocchi di neve, ma alla fine ho dovuto aspettare metà gennaio per la prima timida nevicata, quanto basta per coprire i pannelli fotovoltaici e mettere fuori gioco l'energia elettrica. Le riprese sono durate un paio di giorni, mentre il montaggio e la sceneggiatura circa una settimana dopo un lungo lavoro di rifinitura. Il progetto è quello di trovare altre opportunità in futuro per mettermi ancora in gioco come regista, senza dimenticare la possibilità di porrtare in giro questo documentario.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 23 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
24 maggio - 06:01
A qualche giorno di distanza dall'evento le certezze sono che la performance del Blasco è stata straordinaria supportata da un palco da un [...]
Cronaca
23 maggio - 19:13
Il bilancio del comune dopo i grande evento di venerdì sera. Per tutti è stato chiaro che è andato davvero tutto bene perché si è trattato di [...]
Politica
23 maggio - 16:30
L’esponente di Fratelli d’Italia è intervenuta sulle “pesanti ingiurie da parte dello staff della sicurezza” dicendosi “profondamente [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato