Contenuto sponsorizzato

I negozi di montagna gestiti dai lavoratori del Progettone? Il Coordinamento è contrario: "Rivedere il contesto socio-economico per ridare dignità al comparto"

Va bene fare di tutto per difendere i paesi di montagna dal depauperamento economico, sociale e civile. Va bene trovare soluzioni, ma sull'uso dei lavoratori del Progettone come commessi anche il Coordinamento lavoratori non è d'accordo

Di Luca Andreazza - 08 febbraio 2018 - 09:48

TRENTO. Assume i contorni del 'tutti contro tutti' la mozione approvata in Consiglio provinciale a sostengo degli esercizi commerciali in periferia, a seguito della paventata chiusura di due negozi di alimentari del Comune di Vallarsa. L'intenzione è quella di assicurare il presidio delle periferie attraverso l'utilizzo di alcuni lavoratori del Progettone. 

 

Va bene fare di tutto per difendere i paesi di montagna dal depauperamento economico, sociale e civile. Va bene trovare soluzioni affinché i piccoli negozi continuino a rimanere aperti anche per assicurare un presidio nelle periferie. Ma sull'uso dei lavoratori del Progettone come commessi anche il Coordinamento lavoratori non è d'accordo. 

 

"Se i motivi e gli obiettivi che hanno ispirato la mozione sono ampiamente condivisibili - spiega Daniela Gualazzi, presidente del Coordinamento - non altrettanto è condivisibile l’impiego dello strumento del Progettone nella gestione dei punti vendita".

 

Il coordinamento riprende anche il contesto che a fine anni '80 ha portato all'istituzione di questo comparto. "Un’intuizione - evidenzia la presidente - felice e lungimirante dell’allora assessore Walter Micheli per affrontare la crisi occupazionale: per anni è servito a dare dignità e protezione a disoccupati in età avanzata e a persone socialmente deboli. Da allora la situazione economica e sociale è completamente mutata".

 

Nel mirino del sindacato il fatto che da strumento di welfare con connotati assistenziali , il Progettone è stato progressivamente trasformato in un bacino di lavoratori utilizzati in sostituzione di altro personale, ma a basso costo.

 

"Oggi come ieri - dice Gualazzi - i lavoratori del Progettone sono persone rimaste senza lavoro in una fascia di età compresa tra i 50 e i 60 anni, fascia nella quale è quasi impossibile ricollocarsi. La differenza consiste nell’elevato numero di persone licenziate aventi scolarizzazione, professionalità e esperienza. Proprio per questo queste persone vengono impiegate nei più svariati contesti lavorativi al fine di sfruttare le loro competenze: i colleghi di lavoro che svolgono le stesse mansioni hanno stipendi e salari molto più alti e questo crea di fatto una disparità di trattamento".

 

E se la Cgil aveva avanzato diverse perplessità, come la legittimità giuridica, quella del dumping contrattuale e quindi il ruolo delle persone impiegate nel Progettone (Qui articolo). E il Coordinamento dei lavoratori entra così a gamba tesa sul sindacato di via Muredei. 

 

"Strano - dice la presidente - che la Cgil e il suo segretario si preoccupino della sorte dei lavoratori del Progettone.  Il ruolo è specificatamente di supporto a quelle attività svolte nell’ambito dei lavori socialmente utili. Ma Ianeselli ha mai verificato di persona come vengono impiegati i lavoratori del Progettone? Una situazione che dovrebbe essere nota: lavoratori che vengono impiegati negli uffici provinciali, comunali e tribunali, ma anche in altri settori non sono a supporto come descrivono sindacati e Provincia, ma svolgono mansioni identiche ai colleghi inquadrati nei rispettivi Contratti di settore i quali godono di retribuzioni e tutele molto più alte".

 

I sindacati confederali e il Coordinamento sono ai ferri corti dai tempi del rinnovo del contratto collettivo tra i vertici delle tre sigle sindacali e la Federazione della Cooperazione, dopo due anni di trattativa, sottoscritto il 18 maggio scorso e entrato in vigore l'1 luglio. 

 

"Il quadro socio-economico è completamente mutato. Si deve attualizzare e rendere contemporaneo - conclude Gualazzi - per ripensare anche al ruolo che i lavoratori del Progettone svolgono: è necessario riconoscere dignità normativa e economica in linea con le mansioni effettivamente svolte e non con quelle teoriche blindate dalla parola magica 'a supporto' ideata per evitare possibili contenziosi con il beneplacito dei sindacati confederali".

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 gennaio - 05:01

Dalle versioni contraddittorie di Pat e Apss alla conferma del Ministero della Salute che sottolinea: “Il tampone molecolare di controllo deve essere fatto nel più breve tempo possibile. Su questo non c’è dubbio. Non mettiamo un limite temporale, ma possibilmente entro 24-48 ore”. Eppure in Trentino è stato dimostrato che servono almeno 10 giorni

24 gennaio - 08:17

La giovane ha consegnato agli inquirenti i vestiti che Benno la sera del 4 gennaio aveva lasciato a casa sua per essere lavati. Intanto continuano senza sosta le ricerche dei corpi dei due coniugi 

24 gennaio - 07:46

La situazione è stata risolta in poco tempo, si è scoperto un contatore che "girava" troppo velocemente rispetto ad un utilizzo normale e lo si è chiuso in via precauzionale, simultaneamente si è staccata anche la corrente

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato