Contenuto sponsorizzato

Il Vaticano con il fondo Centurion investe in Aqua Pejo e Goccia di Carnia (oltre che nell'azienda di Lapo Elkan e nel film su Elton John)

Lo porta alla luce in questi giorni un'inchiesta del Corriere della Sera. Centurion Global Found ha sede a Malta e almeno due terzi delle sue risorse proverrebbero dalla Segreteria di Stato della Santa Sede

Di Luca Pianesi - 06 dicembre 2019 - 13:41

TRENTO. Da Malta all'Ortles, dal mare alla montagna, per conto di Dio. Parafrasando la mitica battuta dei Blues Brothers si può spiegare così l'operazione portata a termine dal fondo di investimento partecipato dal Vaticano, Centurion, per diventare azionista della nostrana Aqua Pejo: ammonta, infatti, a 4,7 milioni di euro l'investimento fatto nella Cristallina Holding che ha rilevato l'azienda trentina, che produce acqua, oltre alla friulana Goccia di Carnia. Un'operazione che è stata descritta due giorni fa sul Corriere della Sera in un'inchiesta molto accurata dal titolo: ''Il Vaticano socio di Lapo Elkann. Soldi anche al film su Elton John''.

 

Ed è così che emerge come i capitali della Segreteria di Stato della Santa Sede, partendo da Malta, proprio tramite il fondo Centurion siano entrati nel settore del mattone, dei siti web, dei giocattoli. E sul caso, spiega il quotidiano nazionale, indagano i pm della Santa Sede. ''Al numero 259 di St Paul Street a La Valletta - scrivono i giornalisti Mario Gerevini e Fabrizio Massaro - a pochi metri dalla Pizzeria Vecchia Taranto, c’è la sede del Centurion Global Fund. I capitali ad esso affidati, secondo varie e attendibili fonti, sono almeno per due terzi della Segreteria di Stato, ovvero il dicastero più importante e più vicino a Papa Francesco. Al vertice del fondo c’è un italiano residente in Svizzera, Enrico Crasso, 71 anni. Ex banchiere del Credit Suisse, titolare a Lugano di Sogenel Holding che è punto di riferimento di molte operazioni finanziarie, per anni ha gestito la cassaforte del Vaticano''. 

 

E quindi ecco la sottoscrizione di azioni (a 2,35 euro quando oggi valgono 1,7 euro) della Italia Independent la società di Lapo Elkann diventando con 6 milioni di euro secondo socio al 25% e poi un affare da 10 milioni con Enrico Preziosi e altri 4 milioni per il film Men in Black International e per Rocketman, il film su Elton John. E si arriva, così, all'acqua.

 

L'acquisto risale a un anno fa come riportato dal comunicato stampa che annunciava l'operazione: ''Un Club Deal di investitori - tra i quali G.B. Par S.r.l. (holding di partecipazione della famiglia Borromeo), il fondo Talent Euveca, MetaSystem Group, Centurion Global Fund Sicav Plc e Alberto Bombassei''. Questa la cordata che ha acquisito a fine 2018, il 100% di Acqua Pejo e Goccia di Carnia da Sorgenti Italiane S.r.l..

 

L'operazione era arrivata dopo un ottimo triennio per le due aziende dell'acqua che avevano visto crescere i ricavi aggregati a un tasso medio del 20% l’anno con Pejo che aveva chiuso il 2017 con 10,8 milioni di euro di ricavi, 1,8  milioni di ebitda e un debito finanziario netto di 600 mila euro, Goccia di Carnia con 19,4 milioni di euro di ricavi, un ebitda di 4,5 milioni e un debito finanziario netto di 6,8 milioni. Nel 2018, poi, il gruppo Goccia di Carnia - Acqua Pejo realizza un fatturato di 33 milioni di euro complessivo.

 

Fino all'anno scorso le due aziende erano in mano alla holding Sorgenti Italiane (Idropejo era stata venduta nel maggio 2014 da San Pellegrino, controllata di Nestlè, Goccia di Carnia era stata venduta nel 2012 da Giovanni Santambrogio) ora sono di Cristallina Holding partecipata dalla Centurion e Malta - Roma e Peio ora sono più vicine.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 gennaio - 18:58

Gli studenti della classe terze dell'Arcivescovile  hanno scritto una lettera alla senatrice a vite per chiederli dei consigli su come affrontare i messaggi  d'odio sempre più frequenti nel mondo d'oggi. Dopo due settimane è arrivata la lettera di risposta di Liliana Segre 

27 gennaio - 12:31

Il leader carismatico della Lega ha provato il tutto per tutto in queste settimane di campagna elettorale cercando di raccattare anche l'ultimo voto tra citofoni, accuse di spaccio a negozianti, felpe di piloti morti, retorica del dolore (con Bibbiano che lo ha ripagato votando al 40% per il solo Pd). Ha schierato parlamentari e amministratori (anche trentini compreso il presidente della Provincia Fugatti), scattato e fatto scattare migliaia di selfie ma alla fine la gente ha riempito le urne 

27 gennaio - 15:50

Sabato scorso è arrivata da Roma la richiesta di istituire a livello locale una task force di coordinamento delle attività che si faccia carico, tra l'altro, anche della comunicazione relativa all’emergenza

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato