Contenuto sponsorizzato

Borsa: Europa corre a meta' seduta, Milano apripista (+1,7%) con Tim

Economia flash
Pubblicato il - 01 novembre 2022 - 13:12

Corrono Mps e Campari, spread a 211 punti (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 01 nov - Inizia bene il mese di novembre per le Borse europee, dopo un ottobre di rimonta, con Wall Street che ha messo a segno la migliore performance mensile dal 1976. Nonostante la giornata di festa per Ognissanti, i mercati europei sono ben impostati, con Milano che tira la volata. Il Ftse Mib mette a segno un progresso dell'1,7%%, anche se i rendimenti dei titoli di stato rimangono elevati (il decennale è al 4,16%, in calo dal 4,3% di ieri). Lo spread migliora a 211 punti. Intanto Parigi guadagna l'1,6%, Francoforte l'1,3%, Amsterdam lo 0,95%, Madrid l'1,2% e Londra l'1,47%. Sono positivi i future americani, dopo la chiusura in calo registrata ieri da Wall Street e nell'attesa delle mosse della Fed che saranno annunciate domani. A Piazza Affari sono ben impostate le azioni delle banche, con Unicredit che guadagna il 2,37% dopo la corsa del 20% registrata a ottobre. Ieri i vertici dell’istituto hanno ancora ritoccato al rialzo la stima per fine anno. Sono in evidenza le Moncler (+1,7%), dopo la frenata dei giorni scorsi e sulla scommessa che in Cina possano essere riviste le severe misure restrittive per il Covid. Per questo va bene in Europa tutto il comparto del lusso. Campari, inoltre, guadagna il 3,2% festeggiando ancora l’acquisizione del 70% della distilleria usa, annunciata la vigilia. Svetta Tim (+4%), sull’ipotesi che la nomina di Alessio Bucci a sottosegretario possa favorire il progetto di opa sulla compagnia da parte di Cdp. Sono invece al palo le Pirelli (+0,5%), nell’attesa della trimestrale in calendario giovedì. Fuori dal paniere principale, Mps sale del 5,17% dopo la chiusura dell’aumento di capitale da 2,5 miliardi, con il 93% di adesioni. Sul fronte dei cambi, l’euro vale 0,9935 dollari (ieri in chiusura a 0,9882). La divisa unica è inoltre scambiata a 146,28 yen (146,895), mentre il dollaro-yen si attesta a 147,2 (148,628). Il petrolio è in deciso rialzo: il wti, contratto di dicembre, sale dell’1,3% a 88,69 dollari al barile. Per contro va giù il valore del gas, anche se ha ridotto le perdite di metà mattina: sulla piattaforma olandese TTf il future di dicembre cede l'1,5%, attestandosi a 121,5 euro MWh. emi-

(RADIOCOR) 01-11-22 13:12:32 (0292)NEWS 3 NNNN

Economia flash
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
30 gennaio - 21:41
La Lega, Forza Italia, Associazione Fassa, La Civica, Autonomisti Popolari e Progetto Trentino da una parte, dall'altra parte c'è il partito di [...]
Montagna
30 gennaio - 20:20
Tempi di bilanci in Valsugana, il direttore dell'Azienda per il turismo d'ambito: "Importante rilancio sui Mercatini di Natale di Pergine [...]
Montagna
30 gennaio - 19:42
Diventa sempre più frequente che molti clienti "pretendano" in quota lo stesso trattamento di un ristorante a valle, "senza rendersi conto delle [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato