Contenuto sponsorizzato

***Gas: lo Stato tedesco torna in campo, dopo Uniper nazionalizza Gazprom Germania

Economia flash
Pubblicato il - 14 novembre 2022 - 15:57

Inietta 225 mln per garantire "sicurezza approvvigionamenti" (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 14 nov - Lo Stato tedesco ha annunciato la nazionalizzazione della filiale locale del gigante russo Gazprom per salvare il fornitore di gas, carico di debiti, dalla bancarotta. L'obiettivo è garantire la "sicurezza dell'approvvigionamento di gas" in Germania, come spiegato dal ministero dell'Economia tedesco in un comunicato.Berlino sta così nazionalizzando per la seconda volta in pochi mesi un gruppo energetico di primo piano, dopo aver già salvato Uniper, soffocata dai tagli al gas russo. La Sefe, che in precedenza operava con il nome di Gazprom Germania, "è una società chiave per la fornitura di energia in Germania". Tra i suoi clienti ci sono le aziende municipalizzate e la sua quota di mercato è di circa il 20%. Il gruppo possiede anche numerosi impianti di trasporto e stoccaggio del gas, tra cui il più grande serbatoio d'Europa a Rehden (nord-ovest).Lo Stato tedesco aveva già assunto il controllo della società all'inizio di aprile, in un contesto di crescenti tensioni energetiche tra la Russia e i Paesi occidentali dopo l'invasione dell'Ucraina. Berlino aveva voluto evitare che l'azienda cadesse in mani ostili, o addirittura venisse liquidata del tutto, e ne aveva affidato la gestione all'Agenzia federale delle reti (Bundesnetzagentur) per sei mesi, rinominandola Sefe.A fine agosto, Sefe registrava 1 miliardo di euro di capitale proprio e 3 miliardi di euro di debiti. "I partner commerciali e le banche hanno sospeso le relazioni d'affari con l'azienda o sono riluttanti a intraprenderne di nuove" spiegano dal ministero. Berlino potrà effettuerà una manovra contabile: il capitale, comprese le riserve, sarà inizialmente ridotto a zero, in modo che l'ex azionista russo perda il controllo, in cambio di una compensazione (ancora da determinare). A sua volta, la Germania inietterà 225 milioni di euro nella società, diventando così il "nuovo azionista unico". La Germania prevede inoltre di aumentare a 13,8 miliardi di euro il prestito concesso dalla banca statale tedesca KfW alla società, al fine di incrementare il patrimonio netto dell'azienda attraverso uno scambio di debito con capitale proprio. Enr-

(RADIOCOR) 14-11-22 15:57:43 (0391)NEWS,ENE,UTY 3 NNNN

Economia flash
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
08 febbraio - 20:02
Il piccolo Nicolas aveva solo 10 anni, le sue condizioni di salute si erano aggravate negli ultimi giorni. Grande cordoglio nella comunità di [...]
Società
08 febbraio - 19:16
Chico Forti si trova ancora in carcere ma per il suo 64esimo compleanno è stata inaugurata una statua che lo raffigura e sono arrivati gli [...]
Cronaca
08 febbraio - 19:01
Il furioso incendio è scoppiato poco prima di mezzogiorno oggi (mercoledì 8 febbraio) all'interno di un'azienda produttrice di materiale [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato