Contenuto sponsorizzato

Inflazione: per il 55% degli operatori dipende da energia (Assiom Forex)

Economia flash
Pubblicato il - 08 novembre 2022 - 15:02

Un 45% si aspetta rialzi in stipendi, prezzi beni e servizi (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 08 nov - La maggioranza degli operatori ritiene che la spinta dei prezzi sia legata soprattutto all'energia e che la perdita di potere di acquisto impedirà un forte aumento dei prezzi. E' quanto afferma il 55% degli operatori intervistati per il sondaggio di ottobre condotto da Assiom Forex fra i suoi associati in collaborazione con Il Sole 24 Ore Radiocor. Per il restante 45% degli intervistati, invece, nei prossimi mesi sarà inevitabile un adeguamento al rialzo degli stipendi e dei prezzi di beni e servizi. «A ottobre si è registrato maggiore ottimismo anche per quanto riguarda gli effetti inflattivi - commenta Massimo Mocio, presidente di Assiom Forex - per il 55% degli intervistati la spinta dei prezzi è legata soprattutto all’energia mentre la perdita di potere d’acquisto aiuterebbe a contenere un ulteriore aumento dei prezzi. Tutti fattori che dovrebbero pertanto portarci ad escludere un forte effetto di “secondo ciclo” di inflazione estesa a settori diversi dall’energetico e l’alimentare».Chi

(RADIOCOR) 08-11-22 15:02:45 (0476)ENE 3 NNNN

Economia flash
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
19 maggio - 06:01
Lorenzo Moggio, amico d'infanzia di Chico e presidente del comitato "Una chance per Chico", racconta il suo rapporto epistolare. Le ultime e-mail [...]
Cronaca
18 maggio - 17:43
Cinque gli obiettivi strategici individuati con la finalità di fornire alla scuola trentina tutti gli strumenti per preparare sempre meglio [...]
Cronaca
18 maggio - 21:52
Un 44enne si è infortunato durante un'uscita con il canyoning. Complessa attività del soccorso alpino. Il ferito verricellato a bordo [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato