Contenuto sponsorizzato

Borsa: Europa apre positiva con occhi su inflazione, a Milano (+0,3%) scattano oil e Nexi

Economia flash
Pubblicato il - 11 gennaio 2023 - 09:19

St in coda dopo il downgrade di Goldman. Gas a 71 euro(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 11 gen - Le Borse europee provano a rimettersi sulla via dei rialzi di inizio anno, in attesa di nuove indicazioni sull'inflazione (in Italia arrivano oggi i numeri sul commercio al dettaglio, domani il dato americano sui prezzi al consumo). Gli aggiornamenti, insieme a quelli sull'occupazione, sono quelli tenuti in maggiore considerazione dalle banche centrali nel definire la propria strategia, finora particolarmente aggressiva. Ieri il presidente della Fed Jerome Powell ha glissato sul tema tassi, ma ha ribadito che per stabilizzare i prezzi occorrono anche decisioni difficili e impopolari da un punto di vista politico (nel 2022 la Banca centrale americana ha alzato il costo del denaro 7 volte e ha preannunciato ulteriori aumenti per quest'anno). Così, in avvio di giornata, Milano sale dello 0,35%, Parigi dello 0,2%, Francoforte dello 0,23%, Londra dello 0,17%, Madrid dello 0,28% e Amsterdam dello 0,42%. Per quanto riguarda i titoli, in un Ftse Mib senza particolari scossoni, in vetta si piazzano i titoli del comparto petrolifero (Saipem +1,8%, Tenaris +1,7% ed Eni +0,94%) e rimbalza Nexi (+1,7%), che alla vigilia aveva chiuso in calo. In coda Buzzi (-1,74%), mentre StMicroelectronics, che nelle prime battute era arrivata a cedere il 2,6%, riduce il calo a -1,1%, dopo il downgrade di Goldman Sachs (ha rivisto la valutazione da "neutral" a "sell" con obiettivo di prezzo rivisto da 39 a 31 euro per azione). In una seduta di generale debolezza per i titoli del comparto farmaceutico-sanitario europeo (-0,7% l'Euro Stoxx 600), viaggiano a passo lento Diasorin (-0,4%) e Amplifon (-0,6%). I future del petrolio tornano a scendere, mentre si riaffacciano i timori sulla domanda dopo che i dati Api sulle scorte americane, che anticipano il dato del Governo, hanno evidenziato un inatteso incremento: i contratti febbraio del Wti scendono dello 0,5% a 74,82 dollari al barile, quelli del Brent marzo dello 0,3% a 79,92 dollari. Anche i prezzi del gas sono in aumento, pur se sotto i 72,75 euro al megawattora segnati in avvio (+1,3% a 71 euro). Infine, sul valutario l'euro, che ieri aveva toccato il massimo da aprile 2022 a 1,0792 dollari, resta sopra 1,07 e passa di mano a 1,0741 dollari (1,0755 nelle prime battute e 1,069 euro ieri in chiusura). La moneta unica vale anche 142,284 yen (142,272 in avvio, da 141,35). Il cambio dollaro/yen è a 132,423. Infine lo spread è in leggero ribasso a 190 punti, contro i 191 del closing precedente, con il rendimento decennale in calo al 4,15%, dal 4,21% precedente.Ars

(RADIOCOR) 11-01-23 09:19:33 (0170)NEWS,ENE,PA,ASS 3 NNNN

Economia flash
08 febbraio - 19:38
La designazione del presidente spetta ai soci area Romagna(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 08 feb - Partono le grandi manovre dei soci di [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Montagna
08 febbraio - 20:38
La Commissione internazionale per la protezione delle Alpi esprime la sua grande preoccupazione per i Giochi olimpici invernali del 2026: [...]
Cronaca
08 febbraio - 20:02
Il piccolo Nicolas aveva solo 10 anni, le sue condizioni di salute si erano aggravate negli ultimi giorni. Grande cordoglio nella comunità di [...]
Società
08 febbraio - 19:16
Chico Forti si trova ancora in carcere ma per il suo 64esimo compleanno è stata inaugurata una statua che lo raffigura e sono arrivati gli [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato