Contenuto sponsorizzato

Chiedono aiuto in alta quota perché affaticati e mal equipaggiati, i soccorritori: “Hanno fatto bene, rischio concreto che le persone in difficoltà non diano l'allarme”

L'intervento è avvenuto nella serata di ieri in Val D'Aosta, il direttore del soccorso alpino regionale Paolo Comune: “Dispiace leggere certi commenti sui social, che condannano o insultato i protagonisti di questi episodi. Il rischio è che, per imbarazzo o timore di dover pagare i minuti di volo, le persone in difficoltà non chiedano aiuto e soccorso”

Di Filippo Schwachtje - 28 aprile 2022 - 12:16

AOSTA. Erano partiti con un equipaggiamento non adeguato e a causa della fatica e del buio in arrivo hanno rinunciato alla salita verso il bivacco dove dovevano pernottare, chiamando i soccorsi: recuperati nella serata di ieri quattro escursionisti in Val d'Aosta. Per i soccorritori “l'intervento è andato a buon fine grazie alla tempestività con cui i ragazzi hanno deciso di chiedere aiuto. Hanno fatto bene a non aspettare. La notte sarebbe stata complicata, in quella zona e in quelle condizioni ”.

 

Le operazioni del soccorso alpino regionale si sono svolte nella zona del Col Carrel, a 2.900 metri di quota: gli escursionisti, partiti dal comprensorio di Pila, avevano intenzione di pernottare nel bivacco Federigo, nella zona tra la Becca di Nona e il Monte Emilius. Affatica dalla salita, in ritardo rispetto alla tempistica utile per raggiungere il bivacco prima del buio ed equipaggiati in maniera non adeguata, i giovani hanno deciso però di non procedere con l'escursione, fermandosi e chiedendo l'intervento dei soccorsi, che li hanno recuperati in buone condizioni fisiche.

 

“Le condizioni meteo in questo periodo – spiega il direttore del soccorso alpino della Val d'Aosta Paolo Comune – non sono ancora quelle estive e oltre alle temperature che possono essere rigide, soprattutto in serata e di notte, c'è ancora neve in quota e anche zone ghiacciate che possono presentare pericoli da non sottostimare. Inoltre, è bene ricordare che l'equipaggiamento deve essere sempre adeguato alla situazione”. L'intervento però, conferma Comune, è andato a buon fine proprio perché gli escursionisti in difficoltà hanno deciso di non aspettare, chiamando subito i soccorsi che li hanno quindi potuti raggiungere in tempi utili.

 

“Per noi è sempre importante fare appello alla prudenza – conclude Comune –. Dispiace leggere certi commenti sui social, che condannano o insultano i protagonisti di questi episodi. Meglio sarebbe mantenere la discussione su un piano più costruttivo: contribuirebbe alla sensibilizzazione alle condotte corrette e prudenti e sarebbe di aiuto anche ai soccorritori. Il rischio che, per imbarazzo o per timore di dover pagare i minuti di volo, le persone in difficoltà non chiedano aiuto e soccorso è, purtroppo, concreto e può generare situazioni di pericolo evitabile”.

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 25 giugno 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
26 giugno - 12:34
In questi giorni, nonostante i divieti, alcune persone hanno scelto le sponde del lago di Tenno per piantare le loro tende. Il sindaco: “Questo [...]
Cronaca
26 giugno - 11:11
Gli esperti di Meteotrentino confermano che tra oggi e domani (lunedì 27 giugno) le condizioni rimarranno sostanzialmente stabili sul territorio [...]
Cronaca
26 giugno - 11:58
Lo scontro è stato molto violento, l’automobile è stata colpita su un fianco. Le conseguenze più gravi sono per il motociclista, disarcionato [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato