Contenuto sponsorizzato

Il segugio Lux morso sul muso da una vipera: ''E' ancora molto edematoso. Si tratta del quinto caso in pochi giorni. Ecco come comportarsi''

Ad alzare il livello di allerta sulla questione sono le dottoresse veterinarie Giulia Buffi, Adriana Putignano e Arianna Rossi della clinica veterinaria “Città di Bolzano”.

L'immagine della vipera è di Karol Tabarelli de Fatis/Arch. MUSE
Di L.P. - 04 July 2022 - 16:54

BOLZANO. In pochi giorni già 5 casi di cani morsi da dalle vipere e quindi: ''Massima attenzione per voi, certo, ma anche per i vostri amici che possono anche correre inconsapevolmente maggiori rischi''. A lanciare l'allarme e ad alzare il livello di allerta sulla questione sono le dottoresse veterinarie Giulia Buffi, Adriana Putignano e Arianna Rossi della clinica veterinaria “Città di Bolzano”.

 

Le tre dottoresse questo weekend hanno dovuto assistere il bellissimo Lux. “È un segugio italiano che è stato morso sul muso da una vipera sabato pomeriggio - raccontano - ed è stato prontamente portato da noi per le prime, fondamentali, cure. Sta meglio ma al momento è ricoverato perché il muso è ancora molto edematoso. Non sono episodi da prendere sottogamba e correre dal veterinario è senz’altro la scelta migliore”.

 

E, purtroppo, sono meno rari di quanto si possa pensare (qui la storia di Axel) visto che “solo la nostra clinica dall’inizio della stagione estiva ha registrato cinque casi”. 

 

Vale la pena, dunque, sottolineare quali siano le buone abitudini quando si ha il sospetto (o la drammatica certezza) che il nostro amico a quattro zampe sia stato morso da vipera. “Prima di tutto, lo abbiamo detto, recarsi dal veterinario più vicino ma è importante farlo cercando di far camminare il cane il meno possibile. Se si riesce - spiegano dalla clinica di Bolzano - meglio spostarlo in braccio. La ferita non va premuta e tantomeno incisa. A volte si scorgono i due fori d’entrata dei denti del serpente: anche quelli non vanno stimolati o pressati''.

 

E da scansare anche uno dei luoghi comuni più diffusi: ''Assolutamente non vanno applicati lacci emostatici in prossimità del morso. Infine può essere molto utile, sempre se possibile in sicurezza, fare una fotografia del serpente che si sospetta abbia morsicato il cane. Può essere un elemento in grado di dare informazioni molto preziose al veterinario oltre a stabilire con certezza se si tratti di una vipera o meno”. Qui un approfondimento sui diversi tipi di serpenti presenti in Trentino

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 13 agosto 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
14 agosto - 10:57
“Abbiamo saputo che la nostra piscina di Arco verrà distrutta per costruirne di più piccole con gli scivoli”, la piccola nuotatrice scrive [...]
Ambiente
14 agosto - 10:13
Nonostante l'area sia una riserva locale, sulla sponda nord del lago di Levico non sembrano fermarsi i campeggiatori abusivi. [...]
Cronaca
14 agosto - 09:08
Nell’incidente sono rimaste coinvolte 7 persone fra cui due bambine di 8 e 6 anni, i feriti più gravi sono stati trasferiti all’ospedale [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato