Contenuto sponsorizzato

"L'elicottero dei soccorsi è ancora lassù" (VIDEO), le straordinarie immagini a quota 4.500 metri: "Un miracolo che quel giorno nessuno si sia fatto male"

Ad un mese dall'incidente, a giungere sul luogo dove il tutto è avvenuto è stato Luca Calzone, alpinista che ha deciso di mostrare sui social quanto resta del mezzo precipitato: "Pubblico queste immagini a scopo documentaristico e solo e con la premessa fondamentale che fortunatamente non ci sono stati danni alle persone presenti a bordo dell'elisoccorso caduto sulla Punta Gnifetti: un vero miracolo"

Di S.D.P. - 24 maggio 2024 - 18:19

MONTE ROSA. L'elicottero precipitato sul Monte Rosa a metà marzo sembrerebbe essere ancora lì. O almeno lo era fino allo scorso 11 aprile, quando l'alpinista Luca Calzone, portatosi in zona per un'escursione, ha 'catturato' il mezzo rimasto completamente distrutto nello schianto.

 

Una tragedia, per fortuna, solo sfiorata e avvenuta ormai due mesi fa, più precisamente attorno alle 13 del 16 marzo. Fortunatamente, tutti gli occupanti (quattro in totale le persone a bordo ndrnon avevano (miracolosamente) riportato gravi conseguenze.

 

Ad aprile, un mese dopo l'incidente, a giungere sul luogo dove il tutto è avvenuto Luca Calzone, alpinista che ha deciso di mostrare sui social, attraverso un breve video (DI SEGUITO), quanto resta del mezzo precipitato: "Pubblico queste immagini - scrive - a scopo documentaristico e solo e con la premessa fondamentale che fortunatamente non ci sono stati danni alle persone presenti a bordo dell'elisoccorso caduto sulla Punta Gnifetti".

 

"Un vero miracolo ed una gioia che nessuno degli operatori si sia fatto male - sottolinea Calzone -. L’elicottero è lassù a 4.494 metri a 50 metri dal deposito sci degli scialpinisti che si apprestano a salire il “rivetto”, pendio che porta alla Capanna Margherita. Rimuoverlo ho letto che è complicato per il peso e la quota e che bisognerà smontarlo. Le pale sono già state rimosse".

 

Le riprese mostrano chiaramente quanti danni abbia riportato l'elicottero: "Concludo ringraziando tutti gli operatori degli elisoccorsi 118 italiani e del Soccorso alpino, per il loro immenso e importantissimo lavoro di soccorso a chi ha bisogno di aiuto in montagna che come si vede dalle immagini non è esente da rischi. Nella mia attività alpinistica sono già stato recuperato e salvato più volte dall'elisoccorso da situazioni in cui era a rischio la vita, quindi ancora grazie". 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
24 giugno - 13:21
Enzo Di Gregorio (Edg Spettacoli): "La formula del festival ha funzionato. Ma se vogliamo destagionalizzare il turismo, creare proposte diffuse e [...]
Montagna
24 giugno - 12:03
La via era stata ripulita soltanto un paio di giorni prima, ma è stato necessario intervenire nuovamente: così il sentiero è stato ripulito e [...]
Ambiente
24 giugno - 11:23
Wwf Trentino Odv e Io non ho paura del lupo Aps gli autori della campagna virale dedicata ai grandi carnivori che da qualche giorno è affissa [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato