Contenuto sponsorizzato

''Nel comportamento del Ghezzi uno stile non dissimile da quello degli scimpanzé'', Cia attacca dopo l'esposto sul caso Cristoforetti

Il leader di Agire interviene così nella discussione con un comunicato stampa dove mixa etologia e antropologia, nozioni da giurista e da esperto educatore. Cattani: ''Prima di rileggere i saggi di Jane Goodall sui primati le consiglio di riprendere Esopo e la sua favola del lupo e dell'agnello''

Di Luca Pianesi - 21 giugno 2019 - 06:01

TRENTO. ''Chi ha letto gli studi della dott.ssa Jane Goodall sui primati ravviserà nel comportamento del Ghezzi uno stile non dissimile da quello degli scimpanzé: questi animali, quando devono stabilire una gerarchia, dopo aver sconfitto l’avversario lo annichiliscono, aggredendolo ulteriormente per umiliarlo''. Questo il commento, messo addirittura nero su bianco, con tanto di comunicato stampa, di Claudio Cia in merito all'esposto presentato mercoledì (QUI ARTICOLO) contro l'ex capo di gabinetto dell'assessorato allo sviluppo economico, Ivan Cristoforetti, dal consigliere provinciale Paolo Ghezzi, il presidente di Futura Piergiorgio Cattani e la vicepresidente Claudia Merighi.

 

Tre figure apicali di un movimento che in meno di un anno di esistenza si è affermato come seconda forza del centrosinistra trentino e alle sue prime elezioni (le provinciali del 2018) ha ottenuto quasi il 7% risultando il quinto partito più votato in provincia (dopo Lega, Pd, Patt e M5S). Tre figure che Cia definisce nel suo comunicato ''personaggi del clan di Futura2018'' aggiungendo che ''la prepotenza stimola prepotenza, e il rischio che questi comportamenti ritorsivi stimolino altre forme di cattiveria è sempre molto alto. Gli interventi più efficaci per gestire il bullismo si sa - prosegue nel suo comunicato il leader di Agire - sono quelli mirati a costruire percorsi di consapevolezza, riumanizzando e recuperando i torti inflitti attraverso comportamenti adeguati. Dall’Essere Umano Ghezzi, come si definisce da solo sui social, non mi sarei aspettato l’applicazione dell’antica legge del taglione. Questa ulteriore punizione che potere educativo può avere? Il fatto che dei due consiglieri di Futura solo uno abbia sottoscritto questa iniziativa probabilmente da già una risposta''.

 

E' un Cia a tutto tondo quello che emerge da questo comunicato stampa: etologo, antropologo, giurista, esperto di bullismo, educatoreSaggio, nel dispensar consigli rimprovera Ghezzi che pure si rivolge alla legge italiana e non alla legge del taglione, citata dal leader di Agire nel suo comunicato. L'esposto, infatti, non fa altro che chiedere agli organi preposti se nel comportamento di quello che era il capo di gabinetto dell'assessore Spinelli si possano ritrovare ''atti e comportamenti che possano essere penalmente rilevanti ed eventualmente aggravati da 'finalità di discriminazione o di odio etniconazionalerazziale o religioso'''. Insomma capire se affiancare con post pubblici su Twitter a personalità politiche, donne, giornalisti epiteti quali ''negri'', ''cessi'', ''vecchie'', ''muslim'',  ''gay'', ''figa'' e tanto altro possa configurare un qualche tipo di reato.

 

Giusto? Sbagliato? Lo deciderà la legge frutto di millenni di evoluzione della specie. A Cia, intanto risponde Piergiorgio Cattani: ''Caro consigliere e assessore Claudio Cia, sono uno dei "personaggi del clan FUTURA2018", come lei ha scritto, che ha firmato l'esposto contro le affermazioni razziste, sessiste e xenofobe di Ivan Cristoforetti. Prima di rileggere i saggi di Jane Goodall sui primati le consiglio di riprendere Esopo e la sua favola del lupo e dell'agnello. Oppure, visto che lei è un esperto, il Vangelo... "Chi è senza peccato..''. 

 

Oppure per concludere si potrebbe citare Marcello Mastroianni che in uno dei capolavori di Federico Fellini, Ginger e Fred, a Giulietta Masina dice: “Non c'è più nessun dubbio ormai che discendiamo dalle scimmie. Il guaio è che non siamo più capaci di risalire fino a loro”. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.34 del 19 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 ottobre - 16:35

Approvato in commissione il ddl sulla tutela del lavoro negli appalti della pubblica amministrazione pur con tante riserve sia da parte degli imprenditori che dei sindacati il disegno di legge approda in consiglio e per Cgil, Cisl e Uil è la prova che la Giunta ha scelto di non stare con i lavoratori: ''Rendono facoltativa la clausola sociale. Non si governa a colpi di slogan, ma serve affrontare i problemi in tutta la loro complessità''

22 ottobre - 13:03

“Non può esserci nessuna discontinuità con l’esecutivo precedente mantenendo le leggi più rappresentative del governo Lega-M5s”. Così i Dem roveretani chiedono l’abolizione dei decreti sicurezza firmati dall’ex ministro dell’interno Matteo Salvini

22 ottobre - 16:35

Approvato in commissione il ddl sulla tutela del lavoro negli appalti della pubblica amministrazione pur con tante riserve sia da parte degli imprenditori che dei sindacati il disegno di legge approda in consiglio e per Cgil, Cisl e Uil è la prova che la Giunta ha scelto di non stare con i lavoratori: ''Rendono facoltativa la clausola sociale. Non si governa a colpi di slogan, ma serve affrontare i problemi in tutta la loro complessità''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato