Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, Conte: ''Arrivano multe fino a 3.000 euro per chi non rispetta le regole. I territori potranno introdurre norme anche più stringenti''

Il presidente del consiglio ha fatto il punto sull'ultimo consiglio dei ministri e ha così smentito la voce di eventuali blocchi totali dei benzinai e che la data che circola del 31 luglio non è quella fissata per far terminare le misure restrittive. ''A fine gennaio abbiamo deliberato con il consiglio dei ministri l'emergenza nazionale per uno spazio di sei mesi''

Pubblicato il - 24 marzo 2020 - 18:58

ROMA. Multe fino a 3 mila euro (con aumento della sanzione fino a un terzo se le regole sono disattese a bordo di un veicolo) e possibilità per le regioni e provincie autonome di imporre regole anche più restrittive. Questo il succo della conferenza stampa del presidente del consiglio Conte che ha ribadito come la disciplina di cornice per la gestione del fenomeno resta in capo allo Stato ma lasciando ai territori la possibilità di agire in maniera anche più puntuale e restrittiva. E poi il presidente Conte ha anche spiegato come la data del 31 luglio che qualcuno voleva essere quella fino a quando dureranno le misure restrittive, in realtà corrisponde ai 6 mesi di emergenza fissati il 31 gennaio.

 

Una data puramente indicativa: ''Non è stata prorogata fino al 31 luglio 2020 - ha spiegato il presidente del consiglio -. A fine gennaio abbiamo deliberato con il consiglio dei ministri l'emergenza nazionale per uno spazio di sei mesi. Questo non significa che le misure restrittive saranno prorogate fino a quella data. Noi siamo pronti ad allentare la morsa non appena sarà possibile. E siamo fiduciosi di poter tornare alle nostre abitudini di vita prima di quella data. E' il momento in cui tutti facciano la loro parte e tutti aprano delle riflessioni sulla propria vita, sulla proprie scale di valori. E' un momento per riflettere e fare compatti la nostra parte''.

 

''Abbiamo introdotto una multa da 400 euro a 3.000 euro - ha quindi spiegato -. D'ora in poi alla contravvenzione normalmente prevista si inserisce questa multa. Ma sono veramente orgoglioso della reazione che gli italiani stanno avendo. Se tutti rispettano le regole non solo mettono in sicurezza sé stessi ma consentono alla comunità nazionale di uscire da questa emergenza''.

 

Conte ha quindi smentito la voce sullo stop totale dei benzinai che potrebbe bloccare definitivamente ogni spostamento (compresi quelli delle forze dell'ordine, dei mezzi sanitari, dei mezzi pesanti che approvvigionano supermercati e farmacie).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 aprile - 11:52

Il caso è successo nelle Giudicarie Esteriori. A segnalare la presenza del Taxi alle forze dell'ordine dei residenti e la polizia locale ha intercettato il mezzo

03 aprile - 06:51

Sono anche tanti i professionisti ormai in pensione che hanno deciso di tornare tra le corsie d'ospedale per far fronte all'emergenza. Tra questi c'è Marina Cologna, in pensione da due anni ma che lunedì tornerà al Santa Chaira ed era nella commissione di laurea dei nuovi infermieri: "Trovo sia il minimo quello di mettermi a disposizione per alleggerire il carico ai colleghi che lavorano 13 ore al giorno. Mi impegnerò per dare tutto il mio contributo come faranno i neolaureati e come fanno gli infermieri che ogni giorno sono in trincea"

02 aprile - 18:01

L'arcivescovo Lauro tornerà in cattedrale per guidare, alle 15, la meditazione sulla Passione, come accaduto dall’inizio dell’emergenza Coronavirus. Domani sera i giovani collegati via web guideranno la via Crucis cittadina

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato