Contenuto sponsorizzato

E' Thomas Brancaglion il candidato sindaco di Team K, Psi, +Europa e Volt: ''Vogliamo una Bolzano innovativa, verde e inclusiva''

Il giurista di 41 anni, padre di tre figli, ha svolto il percorso scolastico a Bolzano tra scuole di lingua tedesca e italiana. Si è laureato in Scienze giuridiche all’Università di Trento con un semestre a Trier in Germania. Dopo un master in Mediazione del conflitto e operatore di pace internazionale ha partecipato a un progetto di cooperazione umanitaria e culturale tra Tuzla e Srebrenica in Bosnia Erzegovina

Pubblicato il - 29 July 2020 - 13:32

BOLZANO. "Bolzano deve finalmente essere al centro per la Provincia, mentre i quartieri devono essere protagonisti in una città poliedrica", queste le parole di Thomas Brancaglion, indicato quale candidato sindaco dall'alleanza composta da Team K, Psi, +Europa e Volt, che aggiunge: "La città deve cambiare marcia, i cittadini devono essere centrali e non gli speculatori. La Bolzano che sogniamo è innovativa, verde, inclusiva. Deve offrire opportunità e essere vivibile, perseguire la bellezza in ogni suo angolo". 

 

Il giurista di 41 anni, padre di tre figli, ha svolto il percorso scolastico a Bolzano tra scuole di lingua tedesca e italiana. Si è infine laureato in Scienze giuridiche all’Università di Trento con un semestre trascorso all’estero a Trier in Germania. Dopo un master di primo livello in Mediazione del conflitto e operatore di pace internazionale ha partecipato a un progetto di cooperazione umanitaria e culturale tra Tuzla e Srebrenica in Bosnia Erzegovina.

 

La carriera di giurista è iniziata prima in un noto studio legale di Bolzano, poi come libero professionista, collaborando con diversi studi. E' da sempre impegnato come volontario nell’associazionismo locale in ambito culturale e musicale, ma anche in quelle della pacifica convivenza. E’ un grande appassionato di sport e ancora in attività a buon livello, collabora da diversi anni con il settore giovanile della squadra di hockey del capoluogo altoatesino.

 

"Insieme a mia moglie e alla mia famiglia - commenta il candidato sindaco - ho preso la decisione di impegnarmi in prima persona per la nostra città perché ho trovato un team di persone competenti, preparate e dotate della necessaria sensibilità, con la giusta passione e determinazione per lavorare insieme per il bene comune, senza interessi personali o di bottega".

 

Si delinea anche la sua visione politica. "Vogliamo una città davvero bilingue - aggiunge Brancaglion - che superi le divisioni e sappia riconoscere la specificità e il valore di ogni persona e di ogni appartenenza. Siamo per una società inclusiva, dove tutte e tutti possano trovare posto e la possibilità di realizzarsi. Una città che ritrovi la propria attrattività per chi ci vive e per chi viene qui ad abitare, ma anche in campo economico-lavorativo e in quello culturale e ricreativo. I temi sono poi il rispetto per l'ambiente e la sostenibilità nel rispetto delle generazioni future. I sei consiglieri provinciali di Team K ci permettono di rappresentare queste istanze in Consiglio provinciale, dove troppo spesso Bolzano non ha ottenuto la dovuta attenzione". 

 

Sono diversi i punti inseriti nel programma della coalizione come i problemi legati al traffico e la necessità di disincentivare l'uso dell'auto privata da parte dei moltissimi pendolari attraverso il miglioramento del trasporto pubblico e di infrastrutture. "Il finanziamento - spiega il giurista - potrebbe arrivare da una sorta di pedaggio extra di 1 euro per ogni mezzo in transito sull’A22 per Bolzano quale compensazione ambientale".

 

Il carovita mette, poi, in difficoltà troppe famiglie e in particolare è sempre più difficile acquistare o affittare casa. Il bilinguismo deve diventare prassi quotidiana con asili e elementari plurilingui per aumentare le occasioni di incontro e di condivisione tra i giovani. "La città va riequilibrata - conclude Brancaglion - aumentando l’attrattività di tutti i quartieri: la scelta sulla futura collocazione del museo archeologico e quindi di Ötzi, ma anche la possibile realizzazione di un museo dell’hockey a Don Bosco, sono tante le opportunità da cogliere".

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
19 aprile - 19:36
Trovati 13 positivi, nessun decesso nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 38 guarigioni. Sono 1.342 i casi attivi sul territorio provinciale
Ambiente
19 aprile - 18:35
L'incontro tra il plantigrado e l'escursionista, documentato da un video pubblicato da quest'ultimo su Facebook, è avvenuto ieri fra i boschi [...]
Cronaca
19 aprile - 19:27
Le ricerche erano cominciate già ieri ma si erano concluse senza esito. Questa mattina il corpo dell'animale è stato trovato purtroppo senza vita
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato