Contenuto sponsorizzato

Escalation in Medio Oriente, ucciso dagli Stati Uniti il generale iraniano Qasem Suleimani. L'ordine direttamente da Trump

 Soleimani era a capo del corpo speciale delle Guardie Rivoluzionarie iraniane incaricato di compiere operazioni all’estero. L'Ayatollah Ali Khamenei: "La vittoria finale renderà la vita più amara per gli assassini e i criminali"

Pubblicato il - 03 gennaio 2020 - 10:01

BAGHDAD. Drammatica escalation in Medio Oriente dove un attacco aereo statunitense ha ucciso il potentissimo generale iraniano Qasem Suleimani, uno degli uomini più noti e popolari in Iran, oltre che diversi miliziani iracheni.

 

L'attacco è avvenuto all'aeroporto internazionale di Baghdad. Soleimani era a capo del corpo speciale delle Guardie Rivoluzionarie iraniane incaricato di compiere operazioni all’estero.

 

Il suo ruolo, però, sembra andasse ben oltre a questo. Raccoglieva infatti informazioni di intelligence e di operazioni militari segrete ed era, fra l'altro, molto vicino ad Ali Khamenei, la guida suprema dell’Iran.

 

Un intervento, quello americano, che potrebbe essere considerato un vero e proprio atto di guerra. L'ordine di uccidere un personaggio di tale portata è arrivato direttamente dal presidente Donald Trump che, secondo le prime informazioni, non avrebbe in alcun modo informato il Congresso dell'operazione pubblicando poi sui social la bandiera americana.

Sull'operazione è intervenuto, secondo quanto riporta il Washington Post, il segretario alla Difesa Mark T. Esper che ha affermato che il Pentagono aveva intrapreso una "decisiva azione difensiva" contro Soleimani, la venerata figura militare che aveva stretti legami con una rete di gruppi armati sostenuti dall'Iran in tutto il Medio Oriente e, secondo gli Stati Uniti, si assumeva la responsabilità per centinaia di morti americani. “Il generale Soleimani – ha spiegato Esper - stava attivamente sviluppando piani per attaccare diplomatici e membri dei servizi americani in Iraq e in tutta la regione".

Dall'Iran, intanto, è arrivata la conferma della morte della figura militare e l'Ayatollah Ali Khamenei ha promesso vendetta contro gli Stati Uniti. Il leader supremo dell'Iran ha dichiarato che la morte di Soleimani è stata "amara", ma "la vittoria finale renderà la vita più amara per gli assassini e i criminali".

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 gennaio - 19:13

Sono 333 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 46 pazienti sono in terapia intensiva e 45 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 14 decessi di cui 9 in ospedale

18 gennaio - 17:39

Le Stelle alpine prendono in considerazione l'ultima analisi di Bassi, il quale ha esaminato i dati contenuti negli indicatori dei report settimanali dell'Iss. La lettera del segretario politico del Patt: "Il governo della Provincia è in qualche modo responsabile del ritardo nella comunicazione dei dati a Roma? E se così non fosse cosa intende fare, presidente Fugatti, per correre ai ripari e ripristinare la verità?"

18 gennaio - 17:45

Nelle ultime 24 ore analizzati 708 tamponi. Sono stati comunicati altri 14 decessi a causa di Covid-19. Trovati 56 positivi tra tamponi molecolari e test antigenici, confermate 57 positività riscontrate nei giorni scorsi. Sono 107 le guarigioni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato