Contenuto sponsorizzato

Lo stallo si sblocca: al via il servizio alle famiglie in Alto Adige anche per gli italiani. Vettorato: “Partiremo entro il 27 maggio”

L'assessore all'Istruzione Giuliano Vettorato ha rotto lo stallo sul servizio alle famiglie stabilito da un'ordinanza provinciale e partito, dopo le rimostranze dei presidi italiani, solo per le scuole di lingua ladina e tedesca. "Partiremo entro e non oltre il 27 maggio. Frutto di un grande lavoro di rete"

Pubblicato il - 19 maggio 2020 - 19:12

BOLZANO. Dopo le polemiche attorno alla riapertura delle scuole materne e elementari per piccoli gruppi, ma solo di lingua tedesca e ladina viste le perplessità dei presidi italiani sui protocolli di sicurezza e le responsabilità in caso di contagio, dall'assessore Giuliano Vettorato arriva l'annuncio dell'attivazione del sostegno alle famiglie. Il muro contro muro tra sovrintendenza e componenti italiani della Giunta provinciale sembra così risolversi, dopo che dai banchi della maggioranza erano arrivati segnali di fastidio e accuse di politicizzazione dei dirigenti scolastici. 

 

Abbiamo trovato una soluzione rispondendo ad una precisa richiesta delle famiglie – ha esultato l'assessore Vettorato – è stato un grande lavoro di rete. Durante il tavolo tecnico ci siano confrontati su diverse tematiche e alla fine abbiamo trovata una linea comune che rappresenta la soluzione migliore. Riteniamo di avere condiviso insieme un'ottima proposta. Partiremo entro la data del 27 maggio e potremo così dare un contributo valido alle famiglie che hanno chiesto un supporto al mondo della scuola, in questo periodo molto difficile”.

 

Le famiglie che avevano già presentato richiesta saranno così contattate nelle prossime ore dai singoli istituti per le modalità di avvio del servizio. Accanto a questa opportunità le scuole continueranno a realizzare tutte le attività collegate con la didattica a distanza, vero e proprio perno in questo periodo di chiusura di tutti i percorsi scolastici. Per il recupero e l'approfondimento di alcune tematiche o della lingua tedesca e inglese, nondimeno, i singoli istituti potranno organizzare dei laboratori ad hoc. A riguardo, Vettorato ha promesso maggiori indicazioni nei prossimi giorni.

 

Il servizio alle famiglie, invece, verrà attivato entro e non oltre il 27 maggio . Nel frattempo verranno condivisi i protocolli che stabiliscono quali precauzioni debbano prendere le scuole di infanzia e come le debbano attuare, in una fascia oraria del servizio limitata alla mattina dalle 8 alle 12.30. Esso sarà inoltre realizzato tramite il coinvolgimento di soggetti o altre realtà operanti sul territorio, con cui le scuole hanno già attivato forme di collaborazione.

 

Con questo servizio, indirizzato a famiglie i cui genitori devono recarsi al lavoro e non hanno un parente a cui lasciare i figli, piccoli gruppi di bambini (4 alle scuole di infanzia, 6 alle elementari) verranno accompagnati in attività non didattiche.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 ottobre - 11:44

Un bilancio delle ultime 24 ore aggravato dai 2 morti che porta il totale delle vittime da inizio epidemia a 296 persone, mentre i positivi salgono a 5.302 casi. Il rapporto contagi/tamponi al 10%, una persona testata ogni 10 è risultata infetta, un trend simile a quello di Trento

21 ottobre - 05:01

L'esperienza di Andrea, un 32enne che 11 giorni fa ha presentato i primi sintomi da coronavirus con febbre e stanchezza diffusa. "Mi sono sentito abbandonato dall'Apss, che non mi ha fornito alcuna indicazione su come comportarmi. Quando ho detto loro che ho l'App Immuni per avere quadro più preciso delle persone con cui avevo avuto contatti, la risposta è stata di totale indifferenza"

21 ottobre - 11:15

Sono 1422 i nuovi contagi registrati nelle ultime 24 ore in Veneto, 1083 nella sola notte. Il numero di vittime sale a 2282, dopo che dalle 17 di martedì 20 ottobre i decessi sono stati 5, ben 14 dalle 8. Proprio ieri il presidente Luca Zaia aveva presentato il nuovo piano di sanità pubblica in 5 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato