Contenuto sponsorizzato

Riforma sul turismo, Rovereto ha vinto la battaglia: 11 Apt. Via libera della commissione al ddl ma restano ancora tanti nodi da sciogliere

La nuova denominazione è Rovereto, Vallagarina, Monte Baldo però il risultato portato a casa è degno di nota e magari altrove, in altri territori, potrebbero aprirsi riflessioni, uscire recriminazioni e scaturire domande. Il ddl introduce anche il parere del Tavolo azzurro nelle attività di formazione, sviluppo e supporto specialistico in materia di turismo

Di Luca Andreazza - 09 luglio 2020 - 06:01

TRENTO. L'azienda per il turismo della città della Quercia ha vinto la sua battaglia (Qui articolo). La compattezza e la coesione del territorio ha piegato la Provincia. I maxi-ambiti sono ufficialmente 11 e non 10 come inizialmente preventivato. Il sodalizio guidato dal presidente Giulio Prosser deve cambiare nome ma può festeggiare la conduzione di una resistenza tanto coraggiosa quanto strenua. La nuova denominazione è Rovereto, Vallagarina, Monte Baldo però il risultato portato a casa è degno di nota e magari altrove potrebbero aprirsi riflessioni, uscire recriminazioni e scaturire domande (Qui articolo).

 

E' arrivata l'ufficialità dopo che la direzione è stata tracciata nella giornata di ieri. Significativo in questo senso l'emendamento presentato last minute da Mara Dalzocchio della Lega per lasciare autonomia a Rovereto. E' stato poi votato il documentato presentato in largo anticipo da Alessandro Olivi (Pd) che praticamente aveva gli stessi contenuti.

 

Una riforma per il turismo dell'assessore Roberto Failoni che è stata approvata e quindi ora sbarca in Consiglio provinciale per il via libera definitivo: 4 voti favorevoli e 3 astensioni (De Godenz, Olivi e Ossanna). Tanto poi si gioca sulle norme attuative. Le criticità non mancano tra Agenzie del territorio, poco comprese nella migliore delle ipotesi mentre sono diverse le spinte per virarle sulla possibilità di ragionare in termini di prodotto, e altri aspetti che richiedono ulteriori approfondimenti (Qui articolo). Un ddl inoltre pensato in epoca pre-Covid e ripresentata uguale in emergenza coronavirus (Qui articolo).

 

Il documento introduce anche il parere del Tavolo azzurro nelle attività di formazione, sviluppo e supporto specialistico in materia di turismo. “Anziché sburocratizzare - ha osservato l'ex assessore Michele Dallapiccola - qui si continuano a complicare i passaggi e assistiamo al paradosso che il partito anti-burocrazia e anti-tasse che introduce passaggi burocratici e aumenta le tasse”. 

 

L'imposta di soggiorno dovrebbe finire ai Comuni, questa l'indicazione arrivata dal dirigente Sergio Bettotti, un modo per raccordare l’entrata in vigore della legge con gli effetti pratici per l’accesso ai finanziamenti. Contrarietà per quanto riguarda il trasferimento del personale delle Apt alla Provincia è stata espressa dal consigliere Pietro De Godenz (Upt).

 

Disaccordo si è registrato su un emendamento di Luca Guglielmi in materia di finanziamento del sistema del marketing. La norma, poi sospesa per un riesame prima dell’aula, prevede una deroga per il territorio della valle di Fassa che trasferisce al Comun General de Fascia “per lo sviluppo di attività di marketing e promozionali riguardanti i fattori identitari della minoranza linguistica”, l’imposta di soggiorno raccolta nell’ambito dei comuni della val di Fassa non finalizzata al finanziamento dell’Apt: De Godenz e Dallapiccola avevano rilevato che l’emendamento produrrebbe ingiustificate disparità tra i territori. 

 

In dichiarazione di voto Alessandro Olivi ha anticipato la volontà di astensione e insieme ha espresso apprezzamento per l’accoglimento del suo emendamento sull’ambito di Rovereto: un passaggio che ha comportato un’apertura di credito sulla riforma in discussione, pur permanendo alcuni punti di criticità, in particolare sulla creazione delle Ata che appesantiscono a suo parere il sistema.

 

"Darei molta forza ai territori - dice l'ex vice presidente - facendoli sentire titolari e responsabili della costruzione del prodotto, usando al contempo la Provincia per collaborare più strettamente. Così si rischia di complicare tutto, con una filiera istituzionale complessa. Confido che da qui all’Aula si possa arrivare a un maggiore bipolarismo tra territori da una parte e Trentino Marketing dall’altra e si apra un confronto per spostare il baricentro delle Ata da questioni di confini territoriali a questioni di prodotto, altrimenti l’impianto non sta in piedi".

 

Bocciato il testo di Dallapiccola (Patt), il quale ha chiarito che la proposta deriva dall’ascolto del territorio nel corso di oltre 5 anni e ha ribadito che molti degli attori ascoltati in audizione hanno concordato sulla migliore organizzazione delle Agenzie secondo la logica di prodotto, piuttosto che di territorio. "Il momento di crisi determinato dal coronavirus - conclude l'ex assessore - ci parla di un periodo purtroppo buio, che andrà ben oltre la prossima stagione invernale. In un contesto simile, si sarebbedovuto evitare di mettere in campo nuovi strumenti dei quali non conosciamo il funzionamento o di proporre aumenti di tasse. Una riforma profondamente sbagliata nei tempi, più che nei modi".

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 31 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 agosto - 18:05

Complessivamente il Trentino sale a 5.603 casi e resta a 470 decessi da inizio emergenza. Sono 5.033 i guariti. Il virologo del Cibio: "Il coronavirus non è cambiato ma abbiamo imparato a controllare la diffusione attraverso il distanziamento sociale e alle precauzioni messe in atto"

03 agosto - 18:53

Grave incidente, questo pomeriggio, sulla strada 244, in Val Badia. Nelle vicinanze di Pederoa due auto si sono scontrate frontalmente causando il ferimento di 6 persone. Tra di loro anche un bambino, gravemente lesionato e elitrasportato d'urgenza a Bolzano

03 agosto - 18:06

Sono attualmente in corso accertamenti sui contatti stretti per determinare quante persone debbano essere messe in quarantena

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato