Contenuto sponsorizzato

Segnana in aula legge l'ennesimo documento senza rispondere. Rossi: ''Chiedevamo se saremo in grado di fare i tamponi con il ritorno dell'influenza''

L'ex governatore è intervenuto in Aula per sapere le strategie di quest'autunno per diagnosticare i casi di influenza che potrebbero essere confusi con coronavirus. L'assessora: "Il Ministero ha emanato alcune raccomandazioni, raccomandando, prima di tutto, l’estensione delle vaccinazioni". Rossi: "In questi mesi ha avuto modo di allenarsi e esercitarsi nella lettura ma da quanto letto dall'assessora non ci sono precise indicazioni"

Di Luca Andreazza - 09 giugno 2020 - 21:42

TRENTO. "Il ruolo della politica non è solo quello di leggere la bellissima relazione del Dipartimento, ma porre anche qualche domanda ai tecnici", queste le parole dell'ex governatore Ugo Rossi che in Aula, martedì 8 giugno, si è trovato a incalzare l'assessora Stefania Segnana sull'organizzazione in materia sanità per fronteggiare un'eventuale recrudescenza di Covid-19 dopo la stagione estiva.

 

"La richiesta è se il Trentino - evidenzia Rossi - sarà in grado di effettuare i necessari tamponi: non c'è ancora una precisa indicazione e spero che la Giunta prenda appunti su quanto fare". Nel corso del Consiglio provinciale, il capogruppo del Patt ha chiesto se siano state definite le strategie per diagnosticare i casi di influenza che potrebbero essere confusi con quelli di coronavirus.

 

"L'incremento dei casi di Covid-19 nelle stagioni autunnali e invernali 2020 è un'evenienza ritenuta altamente probabile dalla comunità scientifica internazionale, si prevede che tali eventi epidemici potranno essere presenti anche per l'anno a venire, pur essendo plausibile ritenere che possano diminuire gradualmente nel 2021", legge Segnana, che aggiunge: "Scenario che può variare a seconda delle Regioni e degli Stati interessati".

 

Un ritorno del coronavirus che non viene escluso. "Se dovesse esserci un ritorno di fiamma di Covid 19 - prosegue l'assessora nella lettura - si rafforzeranno le misure preventive messe in campo fino a oggi e continuerà il monitoraggio. Il Ministero della salute ha emanato alcune raccomandazioni sull'influenza, raccomandando, prima di tutto, l’estensione delle vaccinazioni".

 

Qualcosa sarebbe già stato delineato. "L’Azienda sanitaria - continua a leggere Segnana - ha programmato di anticipare le campagne antinfluenzali per evitare che l’epidemia parta già in autunno. Inoltre, per i sanitari e socio sanitari la vaccinazione è raccomandata. Il Dipartimento, inoltre, ha già dato le prime disposizioni sulla compagna 2020/21 per l’estensione della vaccinazione antinfluenzale".

 

Secca la replica dell'ex governatore. "In questi mesi ha avuto modo di allenarsi e esercitarsi nella lettura - commenta il capogruppo delle Stelle alpine - ma da quanto letto dall'assessora non ci sono precise indicazioni. Il Dipartimento ha preparato un'ottima relazione, come tutto quanto viene predisposto dai tecnici della pubblica amministrazione".

 

Il punto, però, è un altro. "Se una persona avrà 38 di febbre a novembre, viene fatto il tampone e quando? Non c'è stata una risposta. Il tema è ancora da affrontare e va posto ai tecnici che sono bravi a citare norme e circolari. L'assessora ci deve dire quale è l’incidenza dell’influenza e capire quali sono i picchi e se in quel momento siamo in grado di fare i tamponi. Il ruolo della politica è questo e non semplicemente leggere senza fare domande quanto preparato dal Dipartimento", conclude Rossi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 settembre - 05:01

I deputati Sutto e Binelli alle comunali hanno raccolto rispettivamente 45 e 113 preferenze, avrebbero dovuto tirare la volata ma alla fine sono stati trascinati in Consiglio dai candidati locali. Male le candidate sindache leghiste Cattoi ad Ala, Ceccato a Lavis e Parisi a Comano: nessuna supera supera il 30%

25 settembre - 20:18

La mappa del contagio comune per comune. Oggi in Alto Adige è stata chiusa la prima scuola della regione per un focolaio tra gli studenti

25 settembre - 19:15

Preoccupa il ritorno dei contagi, soprattutto in vista della stagione invernale e sulle piste da sci. Il consigliere del Patt Dallapiccola deposita un’interrogazione: Finora questa Giunta non ha dato dimostrazione di particolare prontezza di riflessi e di efficacia nelle risposte ai problemi che via via si presentano”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato