Contenuto sponsorizzato

Vince il ''No'' alla Brexit elvetica: ''Un grande giorno per le relazioni tra Svizzera e Unione europea''

In tutti i cantoni il “No” ha avuto la meglio, ottenendo complessivamente quasi il 62%. Fa eccezione però il Canton Ticino, dove il “Sì” ha raggiunto il 53,1%. Ai cittadini è stato chiesto di scegliere se far cessare l’accordo sulla libera circolazione tra Svizzera e Unione europea, raggiunto nel 1999 e entrato in vigore nel 2002

Di Marianna Malpaga - 28 settembre 2020 - 19:51

TRENTO. “Sovrani nel decidere e liberi di circolare”. Questo il titolo di un articolo del Corriere del Ticino di questa mattina, lunedì 28 settembre, in cui vengono commentati i risultati del referendum di ieri, con il quale gli svizzeri si sono pronunciati contro la fine della libera circolazione delle persone tra la Svizzera e l’Unione europea.

 

Il referendum, promosso dall’Udc-Unione democratica di centro, partito della destra nazionalista svizzera, è stato anche dipinto come una sorta di “Brexit elvetica”: sebbene la Svizzera non faccia parte dell’Unione europea, si trova all’interno dell’area Schengen, che permette la libera circolazione delle persone.

 

In tutti i cantoni il “No” ha avuto la meglio, ottenendo complessivamente quasi il 62%. Fa eccezione però il Canton Ticino, dove il “” ha raggiunto il 53,1%. Ai cittadini è stato chiesto di scegliere se far cessare l’accordo sulla libera circolazione tra Svizzera e Unione europea, raggiunto nel 1999 e entrato in vigore nel 2002.

 

Se il “Sì” avesse prevalso, sarebbero caduti anche gli altri sei accordi bilaterali firmati assieme a quello sulla libera circolazione, in virtù della cosiddetta “clausola ghigliottina”: ostacoli al commercio, trasporti aerei e terrestri, agricoltura, forniture alla pubblica amministrazione e ricerca.

 

L’Udc aveva promosso un referendum sull’immigrazione già nel 2014: in quel caso, gli svizzeri si erano dichiarati favorevoli per il 50,33% a limitare l’ingresso nel Paese ai cittadini comunitari. Il risultato era stato però mitigato da un compromesso approvato dalla maggioranza del parlamento. L’Udc è quindi tornata alla carica quest’anno, senza però ottenere successo.

 

La vittoria del “No” alla “Brexit elvetica” è un risultato positivo per tutti quei cittadini, italiani e non, che ogni giorno attraversano i confini per motivi di lavoro, ma anche per i rapporti tra Unione europea e Berna in vista del nuovo accordo quadro richiesto dalle istituzioni comunitarie alla Svizzera allo scopo di adeguare l’insieme delle intese bilaterali.

 

“Oggi è un grande giorno per le relazioni tra la Svizzera e l’Unione europea – ha scritto in un tweet Charles Michel, presidente del Consiglio europeo -. Accogliamo con favore il risultato del voto popolare e attendiamo con ansia la continuazione della nostra stretta collaborazione. Il popolo svizzero ha parlato e mandato un chiaro messaggio: insieme ci attende un grande futuro”.

 

Gli svizzeri non sono stati chiamati a esprimersi solo sulla libera circolazione: hanno votato anche a favore dell’acquisto di nuovi aerei da combattimento e per il congedo di paternità, bocciando invece la nuova legge sulla caccia e l’aumento delle deduzioni fiscali per le cure dei figli da parte di terzi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 ottobre - 14:22

Si è verificato un violentissimo tamponamento tra un furgone e un autoarticolato lungo la corsia di marcia. In azione la macchina dei soccorsi, ma le ferite riportate nello schianto si sono rivelate fatali

28 ottobre - 10:49

Il presidente della Lega trentina attacca Governo “politici che fanno schifo” e sindacati “parassiti”. L’unico che si salva è Fugatti “che con coraggio e senso di responsabilità corregge il dogma di Conte dalle braghe onte”. La replica di Grosselli: “Un commento? Non serve. Bastano i dati dell’epidemia e la curva stimata qualora le misure non dovessero risultare efficaci”

28 ottobre - 11:18

L'episodio è avvenuto intorno alle 10 di ieri, martedì 27 ottobre, quando una pattuglia della Polstrada di Bolzano è riuscita a intercettare e prontamente fermare una guida estremamente pericolosa

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato