Contenuto sponsorizzato

Vaccino anticovid, Cia: ''Contrario all'obbligo''. Ma nel 2017 voleva imporre le vaccinazioni ai bambini per entrare a scuola: ''Due questioni diverse''

Il capogruppo di Fratelli d'Italia in un post di Facebook spiega: "Non ho avuto dubbi e mi sono vaccinato. Ma credo che la decisione sia personale, e libera". Nel 2017 un disegno di legge per "la tutela della salute dei bambini attraverso l'obbligo di vaccinazione e per l'accesso ai servizi socio-educativi per la prima infanzia"

Di G.Fin - 23 luglio 2021 - 19:57

TRENTO. Una cosa è certa: il consigliere provinciale di Fratelli d'Italia Claudio Cia non è un no vax. “Mi sono vaccinato ed è scontato che io inviti le persone a farlo”. Detto questo, però, quest'oggi il consigliere ha deciso di fare un post su Facebook con il quale esprime il proprio pensiero contro l'obbligatorietà del vaccino.

 

Cia nel post scrive che la decisione di vaccinarsi debba comunque essere personale e libera. “Sono quindi contrario a qualsiasi obbligo – scrive - perché credo sia molto più efficace la strada della persuasione”.

 

Qui il post di Claudio Cia

Eppure il consigliere oggi di Fratelli d'Italia nel 2017, leader a quel tempo di Agire, aveva presentato un disegno di legge con il quale proponeva vaccinazioni obbligatorie per l'accesso dei bambini agli asili nido.

 

“Puntare ad un’efficace prevenzione sanitaria di alcune malattie virali – veniva spiegato -rende oggi particolarmente opportuno rendere obbligatorie le vaccinazioni almeno per l’accesso dei bambini agli asili nido e a tutti i servizi analoghi, come le Tagesmutter”. Obbligo si chiariva da limitare alle sole 4 vaccinazioni prescritte dalla normativa nazionale vigente: antidifterica, antipoliomielitica, antitetanica e contro l’epatite B. Sono escluse, quindi, tutte le cosiddette “vaccinazioni raccomandate”.

 

Per motivare l'iniziativa Cia citava una sentenza del Tar del Friuli Venezia Giulia, secondo la quale, su questo delicato tema, l’interesse individuale a non vaccinare i figli dev’essere subordinato all’interesse pubblico alla tutela della salute.

 

Qui il disegno di legge

 

 

Una posizione che ha fatto nascere alcune domande ed è per questo abbiamo chiesto dei chiarimenti al consigliere Claudio Cia.

 

“Chiarisco subito che io non sono contrario alle vaccinazioni” ci dice. “Ma non tutte le vaccinazioni – prosegue - devono essere obbligatorie. Quelli a cui facevo riferimento sono vaccini che hanno una testazione ben diversa e sono vaccini che evitano che un bambino possa avere una invalidità permanente o addirittura la morte. Alle spalle hanno una storia e sono perlopiù vaccini con immunità permanenti mentre quello anti-covid al momento non sappiamo quando dura”.

 

Vaccini, ritiene Cia, con un percorso non uguale a quello fatto dal vaccino contro il Covid19. “Io ritengono che debbano essere rispettate le perplessità e anche i timori di alcuni cittadini soprattutto nati a causa di una comunicazione demenziale e morbosa che ha generato una serie di paure”. Diverso per Cia anche il percorso di testazione.

 

Detto questo, l'esponente di Fratelli d'Italia nel consigliare alle persone la vaccinazione punta il dito contro “l'obbligatorietà” giudicata “sbagliata” a causa “della campagna d'informazione che alla fine si è rivela solo disinformazione”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
19 settembre - 17:51
Lorenzo viene da Codogno mentre Alice è di Bormio. Entrambi hanno scelto di passare le loro settimane estive in quota al ''servizio'' di 103 [...]
Cronaca
19 settembre - 17:17
L'incidente è avvenuto lungo la strada provinciale 84 poco prima del campo di tamburello a Dro. La 20enne è uscita illesa ma spaventata
Cronaca
19 settembre - 14:02
Alla Bookique di Trento, martedì 21 settembre alle 18 e 30, si terrà l'ultimo incontro della Rassegna Generazione 2021 alla quale parteciperà, [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato