Contenuto sponsorizzato

Europee, La Civica punta sull'Svp e si allarga il sostegno a Dorfmann. Il Pd schiera Bonaccini capolista nel Nord-Est. Ancora ore di attesa in casa Lega

Il movimento di Gottardi e Masè ha sciolto le riserve e appoggia Herbert Dorfmann per un posto a Bruxelles. Italia Viva e Più Europa hanno scelto i capilista, ora si valutano le candidature territoriali. Giochi fatti per Alleanza Verdi e Sinistra. A giorni le ultime decisioni di Pd, Lega e Fratelli d'Italia

Di Luca Andreazza - 21 aprile 2024 - 06:01

TRENTO. L'eurodeputato uscente Herbert Dorfmann incassa il sostegno de La Civica mentre in queste ore l'Alleanza composta da Italia Viva e Più Europa si riunisce per sciogliere le riserve. Decisioni attese nei prossimi giorni per Lega e Fratelli d'Italia.

 

Si completa con l’adesione de "La Civica" il sostegno dei partiti territoriali a sostegno del candidato Svp al Parlamento europeo: Herbert Dorfmann, europarlamentare della Südtiroler Volkspartei, sarà sostenuto anche dal movimento di Mattia Gottardi e Vanessa Masè, esponenti della maggioranza provinciale, alle prossime elezioni europee di sabato 8 e domenica 9 giugno.

 

"Viene così evidenziato il riconoscimento dei territori per Dorfmann quale figura capace di rappresentare efficacemente gli interessi della Regione e delle terre di montagna all’interno del Parlamento europeo", le parole di Mattia Gottardi e Vanessa Masè, rispettivamente presidente e vice presidente de La Civica. "E' l’unico candidato della Regione con concrete possibilità di elezione, ha già rivestito il ruolo di europarlamentare e ha dimostrato di saper incidere nelle scelte, grazie all'autorevolezza costruita nella commissione agricoltura del Parlamento europeo e ha sempre sostenuto i valori autonomisti riconoscendo l’importanza di un'Europa forte che valorizzi il ruolo delle Regioni e degli Enti locali".

 

In questo senso la scelta del movimento “La Civica” affianca il sostegno di Patt, Slovenska Skupsnot e Bard bellunese. La lista è collegata anche a quella di Forza Italia, partito che a livello europeo è alleato all’interno del Partito popolare europeo che incarna i valori moderati di tutti i gruppi che si impegneranno per la rielezione di Dorfmann.

"Siamo pronti a sostenere convintamente Herbert Dorfmann in questa campagna elettorale - affermano gli esponenti provinciali Mattia Gottardi e Vanessa Masè - perché sentiamo la necessità di fare sentire la voce del nostro territorio in Europa. Soprattutto in un momento di sfide fondamentali come questo con il tema della gestione dei grandi carnivori, della sostenibilità ambientale che non può pesare solo sulle spalle dei cittadini e dell'agricoltura di montagna che va preservata e valorizzata come elemento strategico per la cura e la vivibilità delle nostre comunità". L'Svp compie così un altro piccolo passo verso destra.

 

Questa scelta "contribuisce ancora una volta a compattare l'area territoriale, civica e autonomista che, anche in chiave futura, deve essere il perno della politica trentina su tutti i livelli". Una decisione che, dopo la proposta per le elezioni comunali di Rovereto, rafforza l'alleanza tra La Civica e le Stelle Alpine. Ancora in standby la lista Fugatti presidente, ancora in corso i ragionamenti.

 

Alcune decisioni sono state prese nell'alleanza tra Italia Viva e Più Europa con Partito socialista italiano Psi, Radicali e Italia C'è. I capilista sono Emma Bonino (nord ovest), Graham Watson (nord est), Gian Domenico Caiazza (centro) , Enzo Maraio (sud) e Rita Bernardini (isole). In queste ore c'è il direttivo per definire le candidature dei trentini. In lizza l'ex senatrice Donatella Conzatti.

 

Già annunciata la veneta Cristina Guarda per l'Alleanza Verdi e Sinistra, ci sono Alessandro Franceschini Francesca Caprini a rappresentare il Trentino. Per Azione c'è Mario Raffaelli con il sostegno di Casa Autonomia e Team K, che schiera Paul Köllensperger. Un accordo forte del sostegno di altre forze politiche a livello nazionali (con il Trentino rappresentato da Walter Pruner) che orbitano attorno alla Federazione autonomia e ambiente.

 

"Un'adesione convinta per sostenere un candidato trentino. C'è sintonia pensiero e ci sono gli stessi obiettivi", commenta Michele Dallapiccola, segretario politico di Casa Autonomia. "La nostra regione ha bisogno del sostegno comunitario per l'agricoltura e per l'allevamento di montagna, per esempio. Abbiamo le idee chiare e siamo gli autonomisti che hanno detto 'No' all'alleanza con l'estrema destra e al populismo: siamo riformisti, progressisti e il tema della solidarietà non può mai passare in secondo piano".

 

Il Partito Democratico ha ufficializzato la candidatura di Stefano Bonaccini, correrà da capolista nel Nord Est davanti a tutti: Annalisa Corrado, alle europarlamentari uscenti Elisabetta Gualmini e Alessandra Moretti, ma anche a Ivan Pedretti e i veneti Alessandro ZanAndrea Zanoni. Questa decisione dovrebbe sbloccare anche la partita dei dem trentini.

 

Per Fratelli d'Italia in pole position ci sarebbe la deputata Alessia Ambrosi e i prossimi giorni dovrebbero portare alla scelte finali. Ancora un po' d'attesa in casa Lega. In corsa invece per Democrazia Sovrana e Popolare la segretaria regionale Patrizia Caproni. Passo indietro per Alex Marini e il Movimento 5 stelle potrebbe non proporre candidati trentini alle elezioni europee.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
21 maggio - 21:10
Giornata di lavoro per i vigili del fuoco e per il sistema di Protezione civile in Trentino. Disagi alla viabilità tra frane e strade chiuse in [...]
Ambiente
21 maggio - 21:17
Salute e costi, inquinamento, differenziata e l'energia per il riscaldamento domestico, il confronto con Bolzano e la richiesta di attivare un [...]
Cronaca
21 maggio - 18:07
La vicenda di Forti fa emergere sempre più disparità di trattamento e dopo l'incontro in pompa magna con la premier Meloni con tanto di diretta [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato