Contenuto sponsorizzato

I ricercatori della Fondazione Mach hanno scoperto cosa provoca la peronospora

La scoperta è stata pubblicata nella prestigiosa rivista Scientific reports (gruppo Nature)

Di Gianmarco Fontana, studente dell'Istituto Ivo De Carneri - 29 gennaio 2018 - 13:23

SAN MICHELE. Nuova importante scoperta per la Fondazione Edmund Mach. Il lavoro dei ricercatori ha permesso di scovare e decifrare il patogeno ovvero, la causa, della malattia chiamata Peronospora. Malattia nel campo dell’agricoltura, che fa migliaia di danni ogni anno.

 

Andrea Segrè, presidente della Fondazione, dopo la pubblicazione sulla prestigiosa rivista sulla rivista Scientific reports (gruppo Nature), si dice motivato ed entusiasta nel proseguire su quest’onda e portare avanti un lavoro, che ha dato molte soddisfazioni e che per certo vuole andare sempre più a fondo nella sua ricerca.

 

“Questa pubblicazione – sottolinea il presidente FEM - ci sprona a continuare a lavorare in attacco, ovvero nella ricerca più avanzata sul miglioramento genetico, per avere piante più resistenti. Nei nostri laboratori di San Michele stiamo anche investendo nella difesa, cioè nella protezione dalle principali patologie vegetali. In sostanza, il nostro è un lavoro a tutto campo per vincere la partita della sostenibilità”.

 

La Peronospora è una malattia, che intacca la vite da due secoli, proveniente dall’America settentrionale nella seconda parte del 1800. È un fenomeno molto temuto, poiché risulta essere il più pericoloso e distruttivo. Viene studiato da anni un metodo vincente per abbatterlo e sino a questo momento il più efficace risulta essere lo spargere il bicarbonato di sodio sulla pianta in fioritura.

 

Si manifesta seguendo uno schema preciso; passa l’interna stagione sotto forma di “oospora”, che si stabilisce sulle foglie cadute in autunno e si sostenta con le piogge. Nella stagione primaverile le “oospore” germinano e producono dei filamenti, che terminano con un macrocondio. Questi processi, portano in brevissimo tempo alle così dette “macchie d’olio”, ovvero macchie gialle sulle piante, seguite poi dalla “muffa bianca” tipicamente depositata sui rami della pianta. I sintomi della fatale e degradante malattia, sono quelli sopra riportanti. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'08 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 luglio - 17:49

Negli anni passati dal primo giugno scattava il servizio di guardia attiva stagionale dei sommozzatori del nucleo all'eliporto di Mattarello. Quest'anno qualcuno ha deciso che non fosse necessario e in meno di 40 giorni ci sono già stati 4 morti. Oggi i sub si trovavano a Riva del Garda per un'esercitazione quindi l'elicottero è prima dovuto andare a recuperarli a Dro per poi portarli a Roncone. Una cosa che negli anni passati non sarebbe avvenuta: ecco perché 

08 luglio - 17:18

Attivisti da Toscana e Veneto, membri delle associazioni, animalisti e appassionati di montagna si sono uniti questa mattina in Piazza Dante per condannare la decisione del Presidente Fugatti di abbattere l’orsa Jj4: “Servono linee guida per educare la popolazione a convivere con l'orso”

08 luglio - 18:35

Il totale resta quindi a 5.498 casi e 470 vittime da inizio epidemia. Sono 4.991 i guariti da Covid-19 in Trentino. Nessun decesso e due nuovi contagiati in Alto Adige nelle ultime 24 ore

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato