Contenuto sponsorizzato

Polvere di caffè esausta? All'Università di Bolzano scoperto un riutilizzo eco-sostenibile

Molte idee maturano nei momenti di socializzazione davanti alla macchinetta del caffè. È successo anche alla Facoltà di Scienze e Tecnologie dove il team di ricerca coordinato dal professore Matteo Scampicchio, punta a ridurre i rifiuti prodotti da capsule e cialde

Pubblicato il - 26 gennaio 2018 - 10:44

BOLZANO. Nuova vita per gli scarti di polvere di caffè. Il procedimento di recupero delle cialde potrebbe essere sfruttato su larga scala per ottenere antiossidanti e lipidi, sostanze utili per l’industria alimentare per sostituire l’olio di palma. Questa la ricerca condotta dalla ricercatrice Giovanna Ferrentino e lo studente Sebastian Imperiale.

 

Questo studio, 'Antioxidant and Pro Oxidant Activity of Spent Coffee Extracts by Isothermal Calorimetry', è stato pubblicato sulla rivista statunitense Journal of Thermal Analysis and Calorimetry.

 

Molte idee, sul posto di lavoro, maturano nei momenti di socializzazione davanti alla macchinetta del caffè. È successo anche alla Facoltà di Scienze e Tecnologie dove il team di ricerca coordinato dal professore Matteo Scampicchio, ha realizzato questo studio che punta a ridurre i rifiuti prodotti dall'uso di capsule e cialde. 

 

"Mai una pausa caffè fu tanto proficua - il professore Scampicchio -  mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda negli uffici e nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire. Allora, quasi come sfida, ci siamo chiesti se, oltre a riciclare l’alluminio o la plastica, sia possibile valorizzare le cialde esauste per l’industria alimentare". 

 

Il laboratorio di Bolzano è dotato di un impianto che funziona con CO2 supercritica (uno stato a metà tra gassoso e liquido) e che, nell'industria viene già usato proprio per produrre caffè decaffeinato. Questo processo è sfruttato anche per estrarre oli essenziali, antiossidanti e coloranti, come alternativa 'green' rispetto a quei processi di estrazione che utilizzano solventi organici. 

Una sfida portata avanti, come anticipato, da Giovanna Ferrentino, ricercatrice, e Sebastian Imperiale, studente altoatesino della TU München tornato a Bolzano per l’Erasmus, si sono messi all’opera con le attrezzature del laboratorio di Scienze e Tecnologie alimentari.

 

"Il processo presenta notevoli vantaggi rispetto alle tecniche tradizionali - afferma -. Innanzitutto, gli estratti naturali ottenuti sono privi di solventi o residui inquinanti. Poi, la tecnologia è ecologica in quanto usa solo anidride carbonica come solvente. Questa è atossica, naturale e viene completamente riciclata alla fine del processo. Infine, le temperature usate non superano i 40°C, quindi si parla di estrazione a freddo, per preservare al meglio i preziosi olii essenziali".

 

Ferrentino e Imperiale hanno quindi svuotato dieci chilogrammi di cialde di scarto della macchinetta dell’ufficio per traversare il contenuto nel reattore dell’impianto a CO2 supercritica presente ai laboratori dell'Università di Bolzano.

 

"L’anidride carbonica - aggiunge il professore - funziona da solvente e fluisce nella matrice attirando e portando con sé le sostanze affini. Queste, nello stadio finale vengono separate dalla CO2, che ritorna a uno stato gassoso”.

 

Un esperimento innovativo, in quanto anche l'Unione europea spinge sempre di più verso una produzione alimentare sostenibile, rispettosa dell’ambiente e capace di sviluppare nuovi posti di lavoro.

 

"L’università - conclude Scampicchio - ha quindi il dovere di lavorare su questo ambito e offrire alle aziende le informazioni e i dati necessari per aiutarle nello sviluppo di nuovi processi di recupero degli scarti di produzione, nello sviluppo di alimenti e ingredienti più sani e naturali, oltre che nell’impiego di tecnologie più sostenibili. Un esempio valido e ecologicamente sostenibile, viene proprio dagli scarti del caffè".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 14 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 novembre - 13:55

Diverse le valanghe, due in particolare di grandi dimensioni, che sono piombate sulla carreggiata lungo la strada statale 42, diversi i veicoli sfiorati, mentre due vetture sono state centrata dallo scivolamento della neve dalla rampa dell'arteria

15 novembre - 13:25

Situazione difficile anche in Alto Adige, quasi tutti i passi sono stati chiusi per ragioni di sicurezza. Il grado di pericolosità per quanto riguarda le valanghe è stato portato al livello forte, il quarto su una scala di cinque. Dalle 21 di ieri sera l'autostrada del Brennero in direzione Nord, a partire da San Michele all'Adige, sarà percorribile lungo una sola corsia di marcia

15 novembre - 11:36

L'incidente è avvenuto questa mattina ed ha comportato alcuni problemi al traffico. Sul posto i vigili del fuoco, soccorsi sanitari e io carabinieri 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato