Contenuto sponsorizzato

Arco lancia la "V12 Verado", la trasmissione per il motore fuoribordo più potente al mondo. "Capace di un'accelerazione bruciante anche a bassa velocità"

Il V12 Verado della Mercury Marine è la trasmissione destinata al più potente motore fuoribordo al mondo, ed è prodotta in Trentino, nello stabilimento di Arco di Zf. Il lancio ufficiale è dello scorso febbraio, quando il prodotto è stato presentato sul mercato internazionale

Pubblicato il - 01 aprile 2021 - 18:40

ARCO. Lo stabilimento Zf di Arco ha affrontato negli ultimi 5 anni una profonda rivisitazione ed ammodernamento: da stabilimento tradizionale per la produzione di componenti meccanici a centro di eccellenza “meccatronico” e hub mondiale per formazione e assistenza di Zf.

 

Il V12 Verado della Mercury Marine è la trasmissione destinata al più potente motore fuoribordo al mondo, ed è prodotta in Trentino, nello stabilimento di Arco di Zf. Il lancio ufficiale è dello scorso febbraio, quando il prodotto è stato presentato sul mercato internazionale. Oggi, 1 aprile, la nuova linea di assemblaggio per la produzione della “2 Speed Outboard Trasmission” è stata presentata ai vertici della Provincia autonoma di Trento e di Confindustria Trento, Cgil e Cisl, dall’Amministratore Delegato di Zf Padova Federico Decio, in occasione di una visita istituzionale presso lo stabilimento Zf di Arco.

 

All’appuntamento hanno preso parte Achille Spinelli, assessore provinciale allo sviluppo economico, ricerca e lavoro della Provincia autonoma di Trento; Laura Pedron, dirigente provinciale del Dipartimento Sviluppo Economico Ricerca e Lavoro; Fausto Manzana, presidente di Confindustria Trento; Roberto Busato, direttore generale di Confindustria Trento; Paolo Cagol, segreteria provinciale Fim Cisl Trentino e Manuela Terragnolo, segreteria provinciale Fiom Cgil Trentino.

 

Grazie ad investimenti in fabbrica pari a 3,2 milioni di euro, le linee di montaggio e il layout dello stabilimento sono stati riorganizzati in ottica “lean”. L’assemblaggio avviene secondo la filosofia del “one piece flow”, dal controllo qualità di prodotto si è passati al controllo qualità di processo, con un aumento della flessibilità e una maggiore integrazione verticale (è stato ad esempio realizzato un impianto che consente alla società di provvedere internamente alla verniciatura dei prodotti).

 

Sempre negli ultimi cinque anni, lo stabilimento di Arco ha inoltre investito oltre 10 milioni di euro nello sviluppo e nel lancio di nuovi prodotti. Qualche esempio: sono stati introdotti sul mercato alcuni modelli di propulsioni per barche a vela, denominati “saildrives”, con potenze fino a 150CV sia in configurazione tradizionale che sterzante. Grazie a questi prodotti ZF è oggi leader mondiale in questo segmento. Sempre in ambito vela, sono state sviluppate sia un’innovativa propulsione completamente elettrica, sia soluzioni di assistenza all’ormeggio che fanno da preludio ai futuri sistemi di navigazione autonoma. Nell’ambito delle imbarcazioni a motore, i sistemi di manovra, i “joystick”, si sono arricchiti di nuove funzionalità quali lo “ZF i-Drift” che permette ai pescatori sportivi di tutto il mondo di sfruttare al meglio le proprie imbarcazioni anche in presenza di forte vento e correnti marine. 

 

Il più recente prodotto lanciato dallo stabilimento di Arco è appunto la nuovissima trasmissione per il più potente motore fuoribordo al mondo: il Mercury Verado 7,6L V12 600Hp. In questo caso la trasmissione Zf a 2 rapporti garantisce un’accelerazione bruciante a basse velocità coniugata ad una navigazione efficiente con velocità di punta impressionanti, superiori ad 80 nodi.

 

“Grazie ai nuovi prodotti e al layout rinnovato dello stabilimento – ha spiegato Decio –, nel corso degli ultimi cinque anni sono stati raggiunti importanti risultati aziendali: un aumento del 60% del fatturato, coniugato ad una crescita dell’organico effettivo del 10%, da 74 dipendenti del 2017 (a fronte di impegno iniziale di 68) agli 82 attesi a fine 2021 (rispetto ad impegno di 74).

 

La riorganizzazione delle attività produttive ha permesso di razionalizzare l’utilizzo degli spazi ed ad oggi sono disponibili 800 metri quadri che potranno essere utilizzati per accogliere la produzione dei prodotti del futuro”. Questo anche grazie alla collaborazione con la Provincia autonoma di Trento che, con il Gruppo Zf, ha sottoscritto due accordi negoziali (nel 2016 e nel 2020) per la realizzazione di due progetti di ricerca finalizzati allo sviluppo di nuovi propulsori e soluzioni innovative, così da garantire la crescita dell’azienda ad Arco. 

 

Proprio a proposito di futuro, Zf Padova proseguirà nei prossimi anni con il processo di innovazione delle propulsioni per utilizzo marino. “In particolare – ha concluso l’amministratore delegato - i nostri ingegneri della ricerca e sviluppo, attualmente sviluppano nuove trasmissioni fuoribordo (non solo per motori a benzina) ma soprattutto stanno realizzando i controlli elettronici del futuro che integreranno la tecnologia wi-fi e offriranno funzionalità avanzate di assistenza all’ormeggio. Naturalmente tutto questo senza dimenticare il tema dell’elettro-mobilità sempre più attuale anche nell’industria nautica”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
20 aprile - 06:01
Secondo il Tribunale di Trento la Giunta Fugatti, per l’accesso alle graduatorie Itea, aveva imposto agli stranieri dei criteri discriminatori e [...]
Società
19 aprile - 12:25
Grazie alla sua passione per gli effetti speciali, Arakris_vfx riesce a trasformare ogni volta Borgo Valsugana nell'ambientazione [...]
Cronaca
20 aprile - 07:37
E' successo nella tarda serata di ieri a poca distanza dall'uscita di Bressanone Sud. Sul posto i vigili del fuoco, i soccorsi sanitari e le forze [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato