Contenuto sponsorizzato

Università di Trento, violati i dati personali di 3300 iscritti. Attivata la procedura d'urgenza per minimizzare i rischi

L’errore, frutto di una svista, è stato immediatamente segnalato dal Centro linguistico di Ateneo alla squadra emergenze informatiche (Cert, Computer Emergency Response Team) e al team Privacy ed è stata prontamente attivata la procedura di emergenza per minimizzare il rischio di ulteriore diffusione dei dati

Pubblicato il - 02 aprile 2021 - 19:00

TRENTO. Violati alcuni dati personali di studenti e studentesse dell'Università di Trento. A comunicarlo è lo stesso ateneo scusandosi per quello che è successo. 

 

Per la maggior parte, viene spiegato, si è trattato di informazioni riguardanti nome, cognome e email di circa 3300 iscritti. L’errore, avvenuto nella giornata di ieri, è stato immediatamente comunicato ai destinatari della email e successivamente agli studenti e alle studentesse coinvolti.

 

La Divisione Centro linguistico Test center e Didattica online ha erroneamente allegato a una email un foglio excel contenente i dati personali.  Nell’invio di una comunicazione di routine a circa 250 studenti e studentesse per informare sulle modalità per sostenere gli esami, è stato allegato il documento errato.

 

L’errore, frutto di una svista, è stato immediatamente segnalato dal Centro linguistico di Ateneo alla squadra emergenze informatiche (Cert, Computer Emergency Response Team) e al team Privacy ed è stata prontamente attivata la procedura di emergenza per minimizzare il rischio di ulteriore diffusione dei dati.

 

La prima azione messa in campo è stata la richiesta rivolta ai destinatari di cancellare il file allegato alla mail. La conservazione del file da parte di chi lo ha ricevuto si configurerebbe a sua volta come trattamento illecito.

 

È stata notificata la violazione dei dati personali al Garante per la privacy, passaggio obbligatorio in queste situazioni. In queste ore, alle circa 3300 persone coinvolte vengono inviate comunicazioni specifiche e personalizzate sulla natura e oggetto della violazione.

 

Chi non avesse ricevuto questa comunicazione non è stato coinvolto nella vicenda. L’Università di Trento riconosce l’errore e si scusa con tutte le persone direttamente o indirettamente coinvolte.

 

"L’Ateneo - viene spiegato in una nota - ha a cuore la protezione dei dati di tutte le persone che studiano, lavorano o entrano in contatto con le strutture universitarie. Forte di questa convinzione, l’Università di Trento lavorerà per garantire da subito standard di protezione e procedure ancora più rigide, compresi interventi di formazione volti a sensibilizzare tutti i componenti della comunità universitaria in materia di protezione dei dati personali".

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
20 aprile - 09:55
Poco più di una settimana fa un ciclista nell'Alto Garda è stato scaraventato in un fosso dopo essere stato urtato da un [...]
Cronaca
19 aprile - 20:57
Sono 1.342 le persone attualmente contagiate in Trentino. Sono 21 i territori con 1 persona attualmente positiva. Registrate 38 guarigioni dal [...]
Politica
20 aprile - 06:01
Secondo il Tribunale di Trento la Giunta Fugatti, per l’accesso alle graduatorie Itea, aveva imposto agli stranieri dei criteri discriminatori e [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato