Contenuto sponsorizzato

Cyberbullismo, scritte contro l'Udu e la Polizia per il dibattito che si terrà giovedì prossimo

L'Unione degli Universitari: "L'ultima volta che è stato dato a qualcuno dello sbirro, è stato prima della giornata in memoria delle vittime di mafia al fondatore di Libera Don Ciotti. Da parte di mafiosi. Siamo fieri di essere amici suoi"..

Pubblicato il - 02 aprile 2017 - 09:22

TRENTO. “C'è chi si riempie la bocca con la parola beni comuni e poi è in grado solo di danneggiarli, chi dice che l'università è chiusa al dibattito tra gli studenti e poi attacca gli altri quando ne organizzano uno. Giovedì 6 discuteremo di ciberbullismo e dei problemi della violenza sul web. Ne discuteremo con vicequestore Sergio Russo e lo faremo anche se imbrattate i bagni di sociologia (per altro l'iniziativa è organizzata dai nostri giuristi), che appartengono non a voi, non a noi ma a tutti gli studenti”.

 

Questo il messaggio che i rappresentati dell'Udu, Unione degli Universitari di Trento, hanno voluto postare su Facebook nei giorni scorsi, dopo che i bagni di sociologia sono stati imbrattati con delle scritte sia contro gli studenti che contro le forze dell'ordine.

 

Un atto di vandalismo che precede l'importante convegno  promosso da Udu Trento, Udu Jus, L'università di Trento e l'Opera Universitaria che si terrà giovedì prossimo dal titolo “Cyberbullismo: nella rete dei bulli” e che vedrà tra i relatori il vice questore aggiunto Sergio Russo e i professori di diritto penale dell'informatica Marco Grotto e di diritto penale Alessandro Melchionda.

 

Un appuntamento nel quale si discuterà di un fenomeno tanto grande quanto, per certi aspetti, sconosciuto, per capire quali approcci rieducativi sono utili per rendere gli autori di questi reati consapevoli della gravità dei loro comportamenti ma anche per parlare del nuovo disegno di legge sul cyberbullismo. 

 

La risposto dell'Udu a chi ha imbratto i bagni di sociologia è chiara. “L'ultima volta che è stato dato a qualcuno dello sbirro, è stato prima della giornata in memoria delle vittime di mafia, al fondatore di Libera Don Ciotti. Da parte di mafiosi. Siamo fieri di essere amici suoi”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 marzo - 16:45

A 12 anni ha lasciato la sua casa in Afghanistan, passando per Iran e Turchia è arrivato in Grecia dopo un viaggio durato anni, lì è rimasto coinvolto nell’incendio che lo scorso settembre ha devastato il campo profughi di Moria: ora grazie alla Comunità Papa Giovanni XXIII l'incredibile storia di N.A. (che chiameremo Nico) ha trovato a Rovereto il suo lieto fine

07 marzo - 19:24

Sono 236 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi 2 decessi. Sono 72 i Comuni con almeno un caso di positività

07 marzo - 18:26

L'amministrazione comunale continua a respingere la semplicissima proposta volta a sensibilizzare la comunità sul rispetto delle donne e contro la violenza. Vardon Inant: ''La Giunta provinciale in questi giorni ha deciso di aderire al progetto nazionale 'Panchina rossa' coinvolgendo anche, come parte attiva, i Comuni. Torniamo a chiederla per Mazzin e a tal proposito abbiamo deciso di interpellare direttamente la Provincia''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato