Contenuto sponsorizzato

Referendum, le ricercatrici di Eurac Research spiegano i principali punti della riforma costituzionale

Domenica 4 dicembre i cittadini sono chiamati a votare la più ampia riforma dal 1948. Elisabeth Alber e Sara Parolari, ricercatrici di Eurac Research, spiegano i principali punti della riforma rispettivamente in tedesco e in italiano. [Video all'interno]

Di Luca Andreazza - 28 novembre 2016 - 10:51

TRENTO. Domenica 4 dicembre si avvicina a grandi falcate, una giornata nella quale i cittadini sono chiamati a votare la più ampia riforma dal 1948. Elisabeth Alber e Sara Parolari, ricercatrici di Eurac Research, spiegano i principali punti della riforma rispettivamente in tedesco e in italiano.

 

 

 

 

 

 

 

I ricercatori dell'Eurac osservano la realtà che li circonda, ne analizzano i problemi, dai ​cambiamenti climatici alle malattie più diffuse, e studiano possibili soluzioni. L’area alpina, dove convivono in un equilibrio delicato natura e variegate comunità umane, è un grande laboratorio dove sperimentare strategie per migliorare il benessere della società.

 

​​​​​​​​​Nata nel 1992 come soggetto privato a natura associativa, l’Eurac conta oggi 11 istituti di ricerca, organizzati in quattro aree tematiche: autonomie, montagne, tecnologie e salute.

 

Gli studiosi dell'Eurac, raccolti nel cuore della Alpi da ogni parte del mondo in team interdisciplinari, elaborano strategie sui temi più sensibili del nostro tempo, in particolare per il benessere delle aree di montagna. Il nome scelto dai soci fondatori, Accademia Europea, esprime la vocazione europeista del centro di ricerca. Gli studi muovono dalla conoscenza e dalle esigenze del territorio montano e plurilingue dove è sorta, l’Alto Adige, terra di confine tra Italia e Austria dove convivono comunità italiane, tedesche e ladine, per essere condivisi a livello internazionale. 

 

I ricercatori studiano la tutela delle minoranze e il plurilinguismo, indagano i cambiamenti climatici, elaborano piani di sviluppo sostenibile con particolare attenzione alle energie rinnovabili e si impegnano per la salute della comunità, conducendo studi biomedici.

 

Gli istituti dell’Eurac lavorano al fianco di organizzazioni internazionali quali le Convenzioni dei Carpazi e delle Alpi, l’Onu e di varie agenzie spaziali nell’ambito dello sviluppo sostenibile e delle tecnologie energetiche.

Oltre alle quote dei soci e a un accordo programmatico con la Provincia di Bolzano, gli istituti si sostentano in larga parte grazie a finanziamenti europei.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 04:01

Mentre i positivi continuano a scendere, per la comunicazione ufficiale, siamo andati ad analizzare i dati completi per capire se anche i positivi agli antigenici calano. Ecco il focus su una decina di comuni con il confronto rispetto a una settimana fa. Ebbene se Pergine ha ridotto i contagiati attivi di 129 unità e Baselga di Piné è scesa, fortunatamente, sotto il 3% soglia critica per la ''zona rossa'' in molte altre realtà il totale di positivi è aumentato per un dato globale che si mostra stabile 

23 novembre - 20:20

Sono 476 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 50 in alta intensità. Sono stati trovati 93 positivi a fronte dell'analisi di 1.484 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,3%

23 novembre - 19:10

Ecco come cambiano le regole di comportamento se in casa qualcuno avverte dei sintomi legati al coronavirus. La “regola dei 21 giorni” di isolamento e le altre istruzioni, l’Apss: “Le persone asintomatiche dei servizi essenziali continueranno a lavorare con la mascherina, poi in quinta giornata faranno un tampone”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato