Contenuto sponsorizzato

13 saggi e 50 siti, un doppio volume per i parchi e giardini storici in Trentino

L'opera edita dalla Soprintendenza per i beni culturali della Provincia di Trento spazia dalla tutela del paesaggio, alla rappresentazione dei giardini in fotografia, passando per i restauri di beni di grande valore e presenta i 50 siti di maggiore interesse in Trentino

Villa de Mersi a Villazzano (foto Sandri)
Pubblicato il - 29 settembre 2016 - 21:52

TRENTO. Oggi al Palazzo delle Albere è stato presentato il doppio volume "Parchi e giardini storici in Trentino: tra arte, natura e memoria" dalla Soprintendenza per i beni culturali della Provincia di Trento in collaborazione con il Servizio Attività culturali.

 

"Reale o immaginario, incantato o stregato, sacro o profano, privato oppure pubblico, il giardino - ha introdotto il soprintendente Franco Marzatico - in forma scritta o figurata, si presta a interpretazioni discordanti in termini estetici, poetici, figurativi, esistenziali e comunicativi. Se da un lato si offre al risveglio dei sensi nei giochi di luci e ombre, profumi, brezze e calura, dall'altro si propone, in chiave mistica e spirituale, anche come luogo di pace e contemplazione. 
Beni 'superflui' carichi di valenze simboliche, distintivi sul piano della cultura e delle mode che solo in parte si lasciano piegare ai desideri e alle ambizioni degli uomini. Conoscere è dunque condizione essenziale per conservare e valorizzare, anche in rapporto al nuovo turismo culturale, siti particolarmente esposti a trasformazioni e interventi inappropriati".

 

All'appuntamento sono intervenuti i curatori e l'architetto Wolfgang von Klebelsberg, presidente regionale Adsi (Associazione Dimore Storiche Italiane). L'opera, edita dalla Soprintendenza a conclusione di un'ampia campagna di censimento e catalogazione è dedicata alla memoria di Antonia Marzani, per lunghi anni presidente regionale dell'associazione, in ricordo della sua difesa tenace di ville, palazzi, castelli della regione. 

 

Il primo volume, a cura di Alessandro Pasetti Medin, con la collaborazione di Katia Malatesta, raccoglie 13 saggi che mettono a fuoco diversi aspetti interdisciplinari, come la tutela dei "paesaggi culturali" in Italia e in Europa, la rappresentazione del giardino in fotografia, passando per le realtà scomparse o in pericolo e il rapporto con la città e il paesaggio. La pubblicazione approfondisce inoltre casi di particolare importanza come i giardini del Castello del Buonconsiglio ed i recenti restauri del giardino Garbari di Trento, del parco delle Terme di Levico, dei giardini dei Ciucioi a Lavis e di Villa de Mersi a Villazzano. L'opera documenta anche gli interventi virtuosi delle pubbliche amministrazioni che hanno restituito alla collettività gli spazi verdi sottratti al rischio di abbandono e degrado. 

 

Il secondo volume, a cura di Giuseppe Bagnoli, Francesca Bertamini e Nicoletta Boccardi, presenta 50 siti selezionati e di particolare rilievo presenti su tutto il territorio trentino: una prima ricognizione che ha permesso di mettere in risalto diverse tipologie di beni pubblici e privati (parchi cittadini e giardini del Kurort, di castello, di villa suburbana, di palazzo signorile). Accanto agli spazi verdi più conosciuti o documentati, sono stati presentati in volume anche alcuni giardini "da scoprire" o "da ricordare". La varietà e ricchezza delle componenti architettoniche e vegetali del giardino storico (fontane, padiglioni, serre, voliere, impianti formali o romantici, ecc.) ha condotto inoltre all'elaborazione di un glossario ad hoc e illustrazioni per un'articolata introduzione alla geografia e alla "grammatica" dei monumenti verdi del Trentino.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 17:39
Sono stati analizzati 1.547 tamponi, 45 i test risultati positivi e 20 persone con sintomi. Il totale è di 6.356 casi e 470 decessi da inizio epidemia
20 settembre - 16:32

La tragedia è avvenuta nei cieli del cremonese questa mattina. Dalle prime ricostruzioni si sarebbe verificato un incidente in volo: il paracadutista avrebbe sbattuto sull'ala per poi precipitare

20 settembre - 15:30

I dati si stanno consolidando e sono quelli del primo blocco di analisi delle 12. Ci sono comuni dove si era già votato sopra al 30% mentre alcuni restano sotto il 10%. Il dato medio è in linea con le passate provinciali e amministrative

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato