Contenuto sponsorizzato

Arrivano le agevolazioni per acquistare auto elettriche e ibride: 6.000 euro per le prime, 4.000 per le seconde

Ad oggi sono 1.000 i veicoli circolanti in provincia con queste caratteristiche. L'obiettivo è arrivare a 10.000 entro il 2025. Per usufruire del servizio basta rivolgersi ai concessionari convenzionati

Pubblicato il - 27 ottobre 2017 - 12:54

TRENTO. Incentivi da 4.000 a 6.000 euro per chi compra autoveicoli elettrici o ibridi plug-in. Dal primo novembre sarà attivo uno dei primi tasselli del "Piano per la mobilità elettrica" approvato dalla Provincia. Sono 300.000 euro le risorse stanziate sul 2017 per questa prima fase e potranno essere utilizzate da cittadini e enti privati, tra i quali anche le Onlus, che non svolgano attività d’impresa e residenti in Trentino.

 

Come si può fare a servirsi di queste risorse? Basta rivolgersi direttamente ai concessionari di autoveicoli che abbiano sottoscritto la convenzione con la Provincia. L'incentivo è di 6.000 euro per autoveicoli elettrici e di 4.000 per autoveicoli ibridi plug-in (autoveicolo elettrico/benzina dotato di presa per ricarica elettrica). Di questi 2.000 euro sono una riduzione del prezzo, rispetto al listino di vendita ufficiale su strada, praticato dai rivenditori (che dalla prossima settimana, dopo che sarà firmato il protocollo lunedì, saranno visibili a questo link https://www.ufficiostampa.provincia.tn.it/Mobilita-sostenibile).

 

Allo stato attuale in provincia di Trento sono oltre 1000 i veicoli elettrici e ibridi (la quasi totalità degli autoveicoli è ibrida). L'obiettivo è quello di raggiungere oltre 10.000 veicoli fra elettrici e ibridi plug-in nel 2025. "Si tratta di un primo tassello concreto - sottolinea l'assessore alle infrastrutture e ambiente Mauro Gilmozzi - di attuazione del Piano per la mobilità elettrica attraverso il quale vogliamo promuovere il cambiamento delle modalità abituali di spostamento dei cittadini attraverso incentivi e l’applicazione di soluzioni sostenibili, nel rispetto dell’ambiente, della salute, del clima e della sicurezza, volte a migliorare la qualità di vita presente e futura".

 

I consigli per scegliere un'auto elettrica:

 

 

La Giunta provinciale di Trento ha approvato il 22 settembre scorso il Piano Provinciale per la Mobilità Elettrica (PPME) con l’intento di perseguire due obiettivi di fondo: promuovere una pianificazione della mobilità innovativa e sostenibile che metta al centro le persone; spingere ulteriormente la provincia di Trento nella direzione di “Zero Emission Province”, accrescendo la qualità tecnologica ed energetica, ma soprattutto quella ambientale, contribuendo ad una migliore vivibilità urbana ed extraurbana per un territorio più green.

 

Il Piano infatti si può inquadrare come una parte fondamentale del più generale Piano della mobilità. Per dare attuazione al Piano sono oltre 20 i milioni di euro stanziati nei prossimi 5 anni per promuovere molteplici azioni rivolte ai privati, le aziende e gli enti locali. Si tratta nello specifico di: agevolazioni su autoveicoli elettrici ed ibridi plug-in per i cittadini; installazione di colonnine per la ricarica per privati e aziende; agevolazioni per le aziende su progetti che incentivano i percorsi casa-lavoro con e-bike; installazione di colonnine per la ricarica pubblica e agevolazioni per l’acquisto di energia elettrica.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.08 del 18 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 16:35

Sono stati analizzati 2.375 tamponi, 22 i test risultati positivi e 8 persone presentano sintomi. Il totale in Trentino è di 6.311 casi e 470 decessi da inizio epidemia

19 settembre - 15:55

L'escursionista, che si trovava con un amico all'uscita della 23esima galleria, ha perso l'equilibrio sul bordo della scarpata ed è caduto nel vuoto

19 settembre - 13:12

Il 19 settembre 2019 il Parlamento europeo votava una mozione sull'importanza della memoria, suscitando diverse proteste tra gli ex comunisti (e gli storici) italiani, che gridarono alla banalizzazione della storia e a un'inaccettabile equiparazione tra nazismo e comunismo. Lo storico Marcello Flores D'Arcais: "Il documento, coi suoi limiti, esprime il desiderio dell'Europa di costruire un racconto comune del passato. Il clamore suscitato in Italia fu dovuto al rifiuto della storia in nome dell'identità"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato