Contenuto sponsorizzato

Arrivano le agevolazioni per acquistare auto elettriche e ibride: 6.000 euro per le prime, 4.000 per le seconde

Ad oggi sono 1.000 i veicoli circolanti in provincia con queste caratteristiche. L'obiettivo è arrivare a 10.000 entro il 2025. Per usufruire del servizio basta rivolgersi ai concessionari convenzionati

Pubblicato il - 27 ottobre 2017 - 12:54

TRENTO. Incentivi da 4.000 a 6.000 euro per chi compra autoveicoli elettrici o ibridi plug-in. Dal primo novembre sarà attivo uno dei primi tasselli del "Piano per la mobilità elettrica" approvato dalla Provincia. Sono 300.000 euro le risorse stanziate sul 2017 per questa prima fase e potranno essere utilizzate da cittadini e enti privati, tra i quali anche le Onlus, che non svolgano attività d’impresa e residenti in Trentino.

 

Come si può fare a servirsi di queste risorse? Basta rivolgersi direttamente ai concessionari di autoveicoli che abbiano sottoscritto la convenzione con la Provincia. L'incentivo è di 6.000 euro per autoveicoli elettrici e di 4.000 per autoveicoli ibridi plug-in (autoveicolo elettrico/benzina dotato di presa per ricarica elettrica). Di questi 2.000 euro sono una riduzione del prezzo, rispetto al listino di vendita ufficiale su strada, praticato dai rivenditori (che dalla prossima settimana, dopo che sarà firmato il protocollo lunedì, saranno visibili a questo link https://www.ufficiostampa.provincia.tn.it/Mobilita-sostenibile).

 

Allo stato attuale in provincia di Trento sono oltre 1000 i veicoli elettrici e ibridi (la quasi totalità degli autoveicoli è ibrida). L'obiettivo è quello di raggiungere oltre 10.000 veicoli fra elettrici e ibridi plug-in nel 2025. "Si tratta di un primo tassello concreto - sottolinea l'assessore alle infrastrutture e ambiente Mauro Gilmozzi - di attuazione del Piano per la mobilità elettrica attraverso il quale vogliamo promuovere il cambiamento delle modalità abituali di spostamento dei cittadini attraverso incentivi e l’applicazione di soluzioni sostenibili, nel rispetto dell’ambiente, della salute, del clima e della sicurezza, volte a migliorare la qualità di vita presente e futura".

 

I consigli per scegliere un'auto elettrica:

 


 

La Giunta provinciale di Trento ha approvato il 22 settembre scorso il Piano Provinciale per la Mobilità Elettrica (PPME) con l’intento di perseguire due obiettivi di fondo: promuovere una pianificazione della mobilità innovativa e sostenibile che metta al centro le persone; spingere ulteriormente la provincia di Trento nella direzione di “Zero Emission Province”, accrescendo la qualità tecnologica ed energetica, ma soprattutto quella ambientale, contribuendo ad una migliore vivibilità urbana ed extraurbana per un territorio più green.

 

Il Piano infatti si può inquadrare come una parte fondamentale del più generale Piano della mobilità. Per dare attuazione al Piano sono oltre 20 i milioni di euro stanziati nei prossimi 5 anni per promuovere molteplici azioni rivolte ai privati, le aziende e gli enti locali. Si tratta nello specifico di: agevolazioni su autoveicoli elettrici ed ibridi plug-in per i cittadini; installazione di colonnine per la ricarica per privati e aziende; agevolazioni per le aziende su progetti che incentivano i percorsi casa-lavoro con e-bike; installazione di colonnine per la ricarica pubblica e agevolazioni per l’acquisto di energia elettrica.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

09 marzo - 06:26

La storia di un'anziana di Trento. In un primo momento è riuscita ad ottenere la vaccinazione a Borgo ma, in difficoltà nello spostarsi così lontano da casa, ha chiesto l'attivazione, tramite il medico di base, del Servizio della Cure Domiciliari. Simona Sforzin, direttrice alle Cure primarie dell'Azienda sanitaria spiega: ''A Trento la lista di attesa è di circa 200 persone, per la somministrazione di 10 vaccini servono circa 6 ore''

08 marzo - 20:02

Sono 247  le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 44 in alta intensità. Oggi 4 decessi. Sono 37 i Comuni con almeno un caso di positività

08 marzo - 19:49

Parlano i legali del giovane che spiegano come dal ritrovamento del corpo della madre abbia cominciato a collaborare e ora ''l'indagato si aggrappa a un sentimento di pentimento disperato, che non chiede né ha aspettative di ricevere pietà dalle vittime''. La procura della Repubblica conferma che proseguono le ricerche del corpo del padre Peter e che si procederà ''all'incidente probatorio, finalizzata all'accertamento della capacità di intendere e di volere dell'indagato al momento del fatto''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato